Salad cake: non è una torta, è un’insalata

Tutti, prima o poi, abbiamo dovuto abdicare a qualche insalata deprimente trangugiata in fretta magari al lavoro, senza neanche staccare gli occhi dal computer.

Ma ora qualcuno, cioè Mitsuki Moriyasu, designer e food stylist giapponese, mostra il lato sexy di lattuga e pomodori travestendoli da torta colorata.

L’idea della salad cake che rivoluziona la percezione dell’insalata come le conosciamo è piaciuta al punto che il 5 aprile a Nagoya, la città della food stylist, è stato aperto VegieDeco Cafè, unico ristorante al mondo dove le insalate che sembrano torte si possono comprare. Per ora.

Ma come si fa una salad cake, e con cosa?

Con le verdure e gli ortaggi di stagione, ovvio, disposte in strati di colori diversi circondati da un pan di Spagna particolare, perché fatto con ingredienti naturali tipo farina di soia che consente di ottenere una consistenza spugnosa.

Anche la ghiaccia reale è un falso: si mescolano le verdure con pochissima crema di formaggio o tofu.

Lo zucchero c’è ma chiaramente è limitato al massimo, mentre erbe e radici aumentano il contenuto salutare dei dolci-non-dolci.

salad cake

salad cake

salad cake

salad cake, giappone

salad cake, giappone

salad cake

 

 

Il risultato è una torta con una quantità di carboidrati sotto controllo, subito adottata dai social come la nuova mania, un dolce detox a basso contenuto di sensi di colpa.

Diventerà più famosa della Raindrop cake?

[Crediti | Link: Telegraph]

Nunzia Clemente Nunzia Clemente

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Ad occhio e croce mi pare molto più comodo mangiare la verdura come si fa normalmente…

  2. Non capisco perché certa gente deve mangiare un’insalata spacciandola per una torta.
    Come il finto pollo, il finto hamburger o il finto hot dog dei vegani/vegetariani.
    Mangiate quello che volete ma non fate finta che sia qualcos’altro, altrimenti siete MALATI in senso medico proprio.

    1. Grazie della diagnosi prof.Enrico.
      Le invierò i miei dati per la fattura.
      Se poi volesse indicarmi con cosa nutrirmi d’ora in avanti le sarei grato.
      Un cordiale saluto.

«
Privacy Policy