capolavori

Le 7 meraviglie del mondo. Culinario

Ci si poteva pensare, ma lo ha appena fatto la patinata rivista americana Bon Appetit, dell’editore Conde Nast, a censire il pianeta alla ricerca dei piatti più rappresentativi, così paradigmatici del Paese di provenienza da poter rientrare nelle 7 meraviglie del mondo. Culinario. So bene che è solo una questione di tempo, prima o poi salterà fuori qualcuno lamentando l’assenza di questo o quello (anzi fatelo, che le amnesie sembrano molte) ma conoscere la natura dei rapporti intercorsi tra voi e le succitate meraviglie è un passatempo altrettanto piacevole.

Mai praticate?

PATATAS BRAVAS CON SALSA PIMENTON

La più celebre di tutte le tapas spagnole, ma anche qualcosa in più, il piatto con cui istintivamente dalle parti di Valencia e un po’ nell’intera zona del mediterraneo iberico si accompagna l’aperitivo a base di birra. Ci sono le patate, ovviamente, poi aglio, paprika e passata di pomodoro a comporre una maionese dal gusto piccante. Le più contagiose sono le patate selvagge (“bravas”) in versione pimenton dulce, quelle cioè che alla paprika sostituiscono la spezia derivata dalla coltivazione del peperoncino nella penisola iberica, il pimenton, appunto.

POLLO JERK GIAMAICANO

Va da sé che quando si viaggia, il consiglio di evitare i ristoranti per turisti vale anche per la Giamaica. Pilastri della cucina locale, spesso deliziosa, sono pesce o crostacei, frutta (avocado, mango, papaia) e anche la carne. Niente bovini ma ricette semplici a base di pollo, maiale e montone. Jerk è il modo, tipicamente giamaicano, di cucinare la carne alla griglia. I barbecue sono compsti da barili di petrolio tagliati a metà nel senso della lunghezza, in modo che il pezzo inferiore racchiuda la brace e quello superiore faccia da coperchio. Se ne trovano molti per strada e non solo nelle città più turistiche. A rendere irrresistibile la carne sono odori e profumi che riflettono l’anima speziata dell’isola: scalogno, timo, cannella, noce moscata e pimento, il pepe di Giamaica.

FATTOUSH, LIBANO

Megainsalata di origine libanese, definibile non senza accuse di blasfemia da parte dei toscani (ma pure dei libanesi) una versione mediorientale della nostra Panzanella, il Fattoush sta contaminando i paesi mediterranei. Un successo dovuto a semplicità, velocità d’esecuzione e dunque spinta replicabilità. Detta velocemente: si fa abbrustolire il pane nel forno rompendolo a pezzigrossi in una ciotola da insalata. Si uniscono pomodori, cetriolo e ravanelli affettati, cipolla, menta, scorza e succo di limone, anche se la ricetta originale prevede il summaco, spezia locale acidula dal sapore simile, olio già emulsionato con succo di limone, sale e pepe. Segnatela, per quando inizia il grande caldo.

CEVICHE PERUVIANO

Più che un piatto nazionale. In Perù il ceviche è considerato orgoglio e patrimonio culturale, tanto da aver originato un’intera tipologia di ristorante, la cevicheria. Le origini si perdono in epoca pre-Colombiana ma gli ingredienti fondamentali restano pesce, in genere frutti di mare, succo di lime (un limone più piccolo e acido), peperoncino e sale. A questa base si aggiungono di solito cipolla rossa, coriandolo e sedano.

TRENETTE AL PESTO

Serve altro?

No, vero?

CAFFE’ FREDDO VIETNAMITA

Da qualche decennio il Vietnam è uno dei maggiori produttori di caffè del mondo, ormai invaso dai suoi chicchi di Robusta, varietà più economica e meno aromatica dell’Arabica. Per i vietnamiti, ma è meglio precisare per i maschi vietnamiti, passare un pomeriggio piacevole sorseggiando una serie di bicchieri di caffè freddo, con o senza latte, è una specie di rito. Consumato in un Caffè, inteso come un negozio con tavoli e sedie o una più spoglia bancarella. Corposo e forte il caffè vietnamita viene servito in piccole tazzine simili a bicchierini e mescolato con latte dolce o condensato, per acquistare la consistenza della cioccolata in tazza.

PATE A CHOUX (PASTA PER BIGNE’)

Altra istituzione, questa volta della cucina francese, è il versatile impasto per grandi bigné trasversali, adattabili cioè al dolce e al salato, decide il ripieno. Delicato e facile da preparare, comodo, nel senso che non c’è neanche bisogno di usare stampi, si cuoce in due tempi, prima sul fuoco poi in forno, ma i viziati non lesinano altri grassi caldissimi. Quel che conta è raggiungere la temperatura che permette ai bigné di gonfiarsi senza afflosciarsi (dramma da crisi di panico).

[Crediti | Immagini: Bon Appetit]

Login with Facebook:
Login

 

24 commenti a Le 7 meraviglie del mondo. Culinario

  1. Von Clausewitz ha raggione, da buon spagnolo posso dire che le “patatas bravas” sono la cosa meno interessante delle “tapas” spagnole, posso cittare qualche cosa come “calamares a la romana”, “bocas de cangrejo”, “berberechos”, etc.

    Salutoni

    • Se è indigeribile è perchè la salsa è stata fatta con aglio non fresco (vedi freschissimo). Se qualcosa non è digeribile, NON è fatto come si deve e/o NON è buono: è cosi difficile da comunicare al mondo?

  2. Classifica di cibi meravigliosi? Mah, sono perplessa, mi sembra del tutto arbitraria…
    Però mi piace sempre molto scoprire “cose nuove dal mondo”, e trovare il pesto mi dà comunque una punta d’orgoglio :-)

  3. …vi lamentate per “spaghetti”?

    Pensate che gli americani possano dire/imparare la parola “trenette”?

    In Brasile chiamano “macaroni” qualsiasi tipo di pasta (penne, eliche, fusilli, conchiglie, farfalle), tanto per fare un esempio ;-)

    • Almeno le linguine gli americani dovrebbero conoscerle: nella “Strana Coppia” con Lemmon e Mattau c’è una scena famosa in cui Mattau/Oscar intima Lemmon/Felix di togliere il piatto di spaghetti dal suo tavolo da poker, al che Lemmon ridendo risponde “It’s not spaghetti, it’s linguine.”; poi Mattau lancia il piatto sul muro dicendo “Now it’s garbage!”.

  4. Vivo in Francia…

    Se è vero che la “pâte à choux” esiste, onestamente nè nelle case, nè nei ristoranti economici, nè in quelli gastronomici ho visto spesso i bigné…ma forse sono cieca…

    Per non parlare degli spaghetti al pesto, confermo l’arbitrarietà della “LISTA”.

  5. A me l’unico piatto sensato dell’elenco mi sembra il ceviche; il minimo della credibilità ce l’ha il caffè freddo vietnamita: ma allora la granita di caffè e brioscia siciliana dove la mettiamo?

  6. O ma quanto siete precisini! E’ gia’ tanto se hanno citato il pesto come condimento per la pasta, che al massimo qui lo considerano una salsina per i chicken sandwich!
    (e poi non e’ facile manco un bel po’ trovare le trennette all’estero. per cui gli spaghetti sono ancora OK)

    • Però se parliamo di meraviglie ci vuole precisione! Se la meraviglia è il piatto in se allora avrebbero dovuto documentarsi meglio, non trovi? altrimenti avrebbero dovuto chiamarlo “condimento per pasta”, molto più generico e appunto, riferito solo al pesto.

      Per il resto, concordo. Questa lista è troppo soggettiva.

  7. In questa classifica non vedo niente di insolito. Mi chiedo quanti di voi, in passato si siano trovati sostanzialmente d’accordo con articoli di cucina pubblicati da riviste americane.

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a dissapore