Uovo in camicia, asparagi

nuove strategie

Bancarotta uovo in camicia: cercasi istruzioni per evitare altri fallimenti

L’incubo peggiore si manifesta dinnanzi a noi: l’acqua gira concentrica sotto il nostro naso e ci guarda, la mano tremante, l’uovo che si infila nel turbine, i filamenti di bianco che si staccano. Et voilà: schiumarola alla mano, l’uovo in camicia viene fuori una chiavica.

C’è gente disperata che ha smesso di produrlo, anche solo di pensarlo, arrivata a dire la grande bugia e cioè che le uova le preferisce in un altro modo. La vera verità è che nessuno si capacita del fatto che una cosa apparentemente tanto semplice, possa venire fuori così brutta. L’aceto è il grande segreto della buona riuscita, il vortice nell’acqua dicono alcuni, il bollore dicono altri ancora, la temperatura a 80°, sale sì o sale no è l’altra grande incognita.

Il web come sempre ci viene in soccorso, perché ci sono più consigli sull’uovo poché che su come si smacchia un giaguaro o il vino rosso dalla camicia bianca. Ecco i migliori 3 video che ci insegnano con 3 tecniche diverse ad ottenere un risultato degno.

uova in camicia

1. Cristina Bowerman, la chef dell’italiano Glass a Roma. Il suo segreto: pellicola da cucina.

2. Heston Blumenthal, lo chef dell’inglese The Fat Duck. Il suo segreto: piatto sul fondo e temperatura controllata.

3. Una signora senza volto. Il suo segreto: molto aceto e vortice.

Tocca a voi! Ditemi i vostri segreti prima che nella mia cucina saltino fuori ancora improponibili esperimenti di uova in camicia, affogate, poché che somigliano a palline da golf spiaccicate.

[Crediti | Link: YouTube, immagine: The nutritional epiphany]

Cristina Scateni Cristina Scateni

commenti (29)

Accedi / Registrati e lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Uh, pensa che le ho fatte proprio ieri!
    E’ una preparazione che stranamente non mi ha dato mai problemi (a differenza della crema pasticcera, sgrunt).
    Vado molto a occhio, sono donna empirica: classico vortice, uovo nel centro, movimenti delicati per “riportare” l’albume sopra il tuorlo. L’acqua non la faccio bollire troppo forte e il pentolino lo riempio un bel po’. Prendo la schiumarola, scolo per bene. Tanta delicatezza, ecco.
    Forse trattasi anche di buona dose di…fortuna 😀
    Un saluto:)

  2. Il secreto per una buona riuscita sta nel vortice dell’acqua e nell’usare una pentola alta. Occhio con l’aceto, usarne pochissimo

    1. Quotissimo … aggiungerei piattino da caffè per far scivolare l’uovo (a temperatura ambiente) direttamente al centro del vortice … e un po’ d’allenamento

  3. Sulla tecnica della pellicola ho qualche dubbio. Dalle avvertenze riportate sembra che le condizioni di utilizzo siano veramente limitate, riscaldarla ad esempio è sconsigliato.
    Secondo me un altra condizione essenziale, per la buona riuscita, è la freschezza dell’uovo. L’uovo deve essere bello compatto come albume.

  4. Se proprio non si vuole fare fatica ci sono i POD EGG [http://goo.gl/VtQ0v], certo non vengono perfetti ma almeno non si disfano.

    Assolutamente da provare il secondo metodo e secondo me è buona l’idea di rimuovere dall’uovo l’albume più acquoso.

    Concordo con Pier, se è fresco è tutto più facile!

  5. Ottime le uova in camicia, un po’ laboriose se c’è da prepararle per 3/4 persone, comunque la procedura che seguo è questa:
    -- uovo in una piccola scodella
    -- acqua che bolle appena in una pentola alta un palmo con un cucchiaio di aceto
    -- produrre un vortice corposo, ma tuffare l’uovo dalla scodellina esattamente al centro non appena il vortice perde vigore (ovvero quando la schiuma è tutta concentrata al centro)
    -- a cottura ultimata tuffare l’uovo in una bacinella di acqua a temperatura ambiente per togliere il retrogusto di aceto.
    -- passarlo nuovamente in una pentola con acqua bollente per ridare calore (occhio alla cottura extra)

  6. Pentola grossa, un cucchiaio di aceto, bollore e vortice. Rompo l’uovo in un mestolo così posso adagiarlo bene nel vortice e anche usarlo per tirarlo su, scolandolo sul bordo della pentola.

    1. Verissimo, il metodo del mestolo l’ho usato anch’io e funziona alla grande 😉

  7. Cosa fondamentale uova freschissime e poi ASCOLTATE HESTON! lui non sbaglia mai!
    L’ aceto da un gusto poco piacevole!

    1. Si con l’aggravante di essere stato cucinato insieme a BP, passo falso di Dissapore?