sfide

1° Campionato italiano della pizza: La Notizia vs. Mattozzi

campionato, italiano, pizza, dissapore

Esclusiva Dissapore. Il tabellone del 1° Campionato Italiano della pizza parla chiaro, questa è l’ultima sfida “napoletana” prima degli ottavi di finale. Uno scontro tra titani: Pizzaria La Notizia vs. Mattozzi.

PIZZARIA LA NOTIZIA

margherita, la notizia, napoli, enzo coccia

Via Caravaggio, al limite del Vomero, nell’immaginario collettivo l’ameno quartiere collinare di Napoli, in realtà una zona residenziale e commerciale molto congestionata. Oggi è diventata il quartier generale della pizza gourmet, la pizza col pennacchio della napoletanità e insieme, con i requisiti giusti per i patiti di cibo. Merito di Enzo Coccia e della sua Pizzaria La Notizia che nella via ha due sedi, la prima, dove decido di fermarmi per l’assaggio, e la nuova arrivata al civico 94. Entro che sono appena le 20, il locale è ancora vuoto, ne approfitto per scambiare due chiacchiere con Coccia.

pizza, la notizia, cornicione, napoli, enzo coccia

Mentre racconta e spiega parla spesso di t-r-a-d-i-z-i-o-n-e, ironico per uno che il quotidiano britannico Guardian ha definito “eretico della pizza”. Eppure il senso della tradizione sembra conoscerlo bene, meglio di molti suoi colleghi che agitano la parola come una bandiera inattaccabile. Nel frattempo, noto una curiosa sedie apparentemente intagliata nella parete, e il piccolo “altare” con gli ingredienti che piacciono molto ai gourmet: olio, formaggi e pomodoro, tutte specialità della zona. Il locale, che si sta riempendo velocemente, ha i tavoli di marmo apparecchiati con graziose tovagliette di carta, è il momento di chiedere la margherita con bufala di ordinanza.

la notizia, pizza, napoli, interno, enzo coccia

- Aspetto visivo: disco di dimensioni medie, bordo definito e ben delimitato, effetto maculato appena visibile.
- Cottura: omogenea e perfetta.
- Impasto/consistenza: soffice e delicato, consistenza del cornicione vagamente biscottata. L’alveolatura, ovvero la dimensione degli alveoli (i fori presenti nella mollica dell’impasto) è piccola e “timida”, magistrale la lievitazione.
- Leggerezza/digeribilità: la pizza più leggera che abbia mai mangiato, potrei mangiarne subito un’altra.
- Sapore: si direbbe volutamente misurato, forse per comunicare le virtù di ogni singolo ingrediente più che scommettere sugli effetti speciali.
- Vino/birra: c’è l’imbarazzo della scelta, oculata selezione di etichette locali, ampia anche la selezione di birre artigianali.
- Servizio: attento, celere e cortese.
- Prezzo: € 8,00.
- Giudizio: una pizza molto tecnica, ai massimi livelli per lievitazione e digeribilità, contenuta nell’esplosività del sapore per dare la nitida percezione di ogni (super) ingrediente utilizzato.

Prezzo medio € 15/20,00
Voto 92/100

pizzeria, la notizia, enzo coccia, napoli
Pizzaria La Notizia, Via Caravaggio 53/55, Via Caravaggio 94/A, Napoli. Tel. 0817142155.

RISTORANTE PIZZERIA MATTOZZI

margherita, mattozzi, napoli, pizza

Se La Notizia è la casa dell’eretico innovatore Coccia, il 2 di Piazza Carità, storico indirizzo della pizzeria Mattozzi, è uno dei luoghi sacri della pizza napoletana. Il locale nasce nel lontano 1832, nel 1924 lo acquista Gennaro Mattozzi e poi nel 1959 Alfredo Surace. Oggi i titolari sono Lello Surace, che insieme a Vincenzo Pace ha fondato l’Associazione Verace Pizza Napoletana, e suo figlio Paolo.

pizza, mattozzi, napoli, cornicione

Centoventi posti sviluppati su due livelli, ambiente spartano, pareti tappezzate di riconoscimenti e ricordi. Scambio qualche parola con il sig. Lello, si parla inevitabilmente di pizza e dei corsi che ha tenuto di recente in Giappone. Poi va nella sua postazione e inizia a lavorare l’impasto con grande maestria. Mi accomodo al tavolo leggermente euforica e ordino la consueta margherita con bufala.

pizza, napoli, mattozzi, interno,

- Aspetto visivo: disco abbastanza piccolo, bordo poco molto pronunciato, effetto maculato assente.
- Cottura: uniforme.
- Impasto/consistenza: tenero ed elastico, lievitazione riuscita.
- Leggerezza/digeribilità: nella media.
- Sapore: fresco e delicato grazie all’ottimo pomodoro, sovrastato dal gusto deciso della bufala.
- Vino/birra: classiche lager nazionali, limitata e quasi esclusivamente locale la scelta dei vini.
- Servizio: efficiente e gentile.
- Prezzo: € 6,00.
- Giudizio: una pizza piacevole, poco equilibrata nella ripartizione degli ingredienti, la mozzarella di bufala dal gusto deciso domina sul tenue pomodoro.

Prezzo medio € 10/15,00
Voto 85/100

pizza, napoli, pizzeria mattozzi, esternoRistorante Pizzeria Mattozzi, Piazza Carità 2, Napoli. Tel. 0815524322

Passa al turno successivo Pizzaria La Notizia

[Gli editor del 1° Campionato della pizza sono: Carmelita Cianci, Fabio Cagnetti, Adriano Aiello, Martina Liverani, Andrea Soban, Massimo Bernardi. Immagini: Carmelita Cianci]

(1) Starita a Materdei vs Di Matteo (2) Sforno vs La Fucina  (3) Sorbillo ai Tribunali vs Di Napoli (4) I Tigli vs Sirani  (5) F.lli Cafasso vs Gorizia (6) Tric Trac vs Ciripizza (7)Antica Donnaregina vs Umberto (8) Lazzaroni vs. Tonda (9) Pellone vs. Il pizzaiolo del presidente (10) Il paradiso della pizza vs. La cascina dei sapori (11) Salvatore alla Riviera vs. Fratelli Salvo (12) Berberè vs. Pizza da Re (13) Pizzeria Pepe vs. Pizzametro (14) Michele da Ale vs. O’ Malomm.

Login with Facebook:
Login

 

17 commenti a 1° Campionato italiano della pizza: La Notizia vs. Mattozzi

  1. È strano.È in gara,oggi,un big della «nuova pizza napoletana»,del rinnovatore per antonomasia.Di un pluricelebrato dalla stampa e dai blog.Di uno degli «ambasciatori»
    della pizza napoletana nel mondo.
    E tutti tacciono?

  2. Da Mattozzi non ci sono mai stata, ma dalle foto lo preferirei, non sono d’accordo sull’assenza dell’effetto maculato (la differenza di questa caratteristica tra le due foto non la vedo!!!). A “La Notizia” ci sono stata nel 2008 e la foto ha riconfermato le mie impressioni di 4 anni fa, cornicione poco pronunciato, che non richiama la vera tradizione napoletana. Pizza che non mi ha entusiasmato anche se posso confermarne la leggerezza.

  3. In effetti la descrizione della pizza di Mattozzi contrasta un pò con quanto appare dalle foto. Il bordo appare ben pronunciato e l’effetto maculato piuttosto presente.
    Ovviamente su gusto e digeribilità non possiamo esprimerci.
    Non è che per caso le foto non sono quelle giuste?

  4. Non conosco Mattozzi(che ha Napoli è una famiglia storica di ristoratori con diverse diramazioni ed ora con locali diversi).
    Coccia ha compiuto un tentativo interessante:rinnovare la pizza napoletana classica
    tradizionale,rimanendo però nella stessa.
    Secondo me(ma è un mio parere) il tentativo non è riuscito.(O possiamo dire non abbastanza).
    La conosco la pizza.È una pizza buona.
    Ma sopravvalutata.
    A Napoli c’è di meglio.

  5. Mattozzi sarebbe una delle mie pizze preferite, ha una frittura stratosferica, in particolare la montanara, una parmigiana da applausi, ma sul conto e’ da irritazione massima… talmente tanto da essere stato bannato dalle mie cene.

  6. A guardare le pizze del girone Campania mi prende un colpo di fulmine

    Se al Nord ce ne fossero anche solo 4 o 5 come quelle di questo girone sarebbe belissimo
    Vada bene per TricTrac (davvero eccelso) e il paradiso, ma Ciripizza lasciamo perdere, Rezzato è stata una mezza delusione (stato la settimana scorsa, buono pomodoro e mozzarella, ma la pizza è così così)
    Al Nord abbiamo visto la nascita ed il successo di pizzefocacce gourmet (Tigli, Sirani, Pizzadarè, Berberè) senza dubbio buone, ma quasi sempre troppo care e chi cerca la pizza napoletana ha grossi problemi (tranne TricTrac).

    Vincenz, barattiamo qualcuna delle vostre pizzerie per un po di nebbia e qualche zanzara :) noi ne abbiamo tanta, sono ottime per stagionare prosciutti, le zanzare invece, cibo per pesci :)

      • Adoro i piatti della tradizione nostrana provinciale Antonio, ma per la pizza, quando ben fatta, ammetto un certo debole

        Il profumo del pomodoro, la mozzarella che sa di latte e non di gomma, con quelle belle bolle come la pizza del TricTrac
        Purtroppo qui non è il deserto dei Tartari a riguardo, ma non c’è niente che mi soddisfi, il più vicini i Tigli, 70km.

        Ma sto già raccogliendo firme per l’esilio forzato di De Rosa a Mantova :)

        PS e poi la pizza è buona tutto l’anno, lo stracotto d’estate… c’è chi lo mangia, ma…

  7. Ormai posso ben affermare che la quantità di cavolate lette su questa rubrica ha superato il limite. Non ho commentato finora le peggiori bestialità e non le commenterò più. Ma è giusto sottolineare che i voti sembrano dati davvero a casaccio.

    • ps..quella di Mattozzi è l’unica pizza di cui sia riuscito a fare il bis dopo i 30 anni, di sera e senza difficoltà notturne. Che spesso son dovute all’olio, non alla lievitazione (Paradiso insegna…ma mi domando…e al Tric Trac no?)

      • Carlo, la coppa dissapore della pizza è un gioco! :) di cavolate se ne dicono tante però dai le pizza sono buone ;) Vero che la bontà e la digeribilità della pizza dipendono da molteplici fattori e che spesso si riduce troppo ad un ingrediente mitico, come dire che il caffè a Napoli è buono grazie all’acqua :)

  8. in una mia recente visita napoletana ho provato sorbillo la notizia pellone e gorizia. che dire? vedo una finale napoletana sorbillo-la notizia…. Sorbillo è preciso Coccia è sottile Sorbillo è generoso Coccia è sontuoso Sorbillo sta in via dei tribunali Coccia sta al vomero…..

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a dissapore