Antonia Klugman: chi è e cos’ha fatto finora la nuova giudice di Masterchef

Alla fine, ponendo fine alle indiscrezioni, Sky lo ha annunciato sul proprio sito:

“E’ ufficiale: la chef stellata Antonia Klugmann è il nuovo giudice di MasterChef Italia, con Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo dovrà giudicare gli aspiranti chef in gara della prossima stagione di MasterChef”.

Ora, i lettori più attenti di Dissapore conoscono già la chef 37enne, nata a Trieste ma friulana d’adozione, folgorata sulla via dell’impiattamento mentre studiava Giurisprudenza a Milano.

Non a caso ha aperto il primo ristorante quando aveva soltanto 26 anni a Pavia di Udine e, mentre si costruiva il suo nuovo locale, è stata per due anni la chef di un ristorante molto amato da queste parti, Venissa, sull’isola di Mazzorbo a Venezia.

Poi nel 2014 il coronamento del sogno di un ristorante nato a sua immagine e somiglianza, L’argine, a Vencò, nel Collio, in provincia di Gorizia, gestito con la collaborazione del compagno Romano, impegnato in sala. Anche in questo caso, la stella Michelin è arrivata subito.

E ora la svolta televisiva, sebbene non si tratti di un debutto assoluto.

Si era aggiudicata la gara degli esordienti 2009-2010 a La prova del cuoco di Antonella Clerici, e l’anno scorso aveva indossato i panni dell’ospite di Masterchef proprio nella finale del talent culinario.

Protagonista di quello che probabilmente rimane l’articolo più inquietante e misogino mai scritto sulle donne chef, è apparsa nella piccola guida di Dissapore sulle donne imprenditrici della ristorazione.

Porta in dote a Masterchef, dove prende il posto di Carlo Cracco, che si è preso una pausa per altri impegni (ovvero il nuovo ristorante in Galleria Vittorio Emenuele a Milano, e il bistrot Custom Garage Italia insieme a Lapo Elkann e all’architetto De Lucchi), un legame forte con la sua regione e i piatti che l’hanno fatta diventare Cuoca dell’Anno 2017 secondo la guida dei Ristoranti d’Italia dell’Espresso.

E’ la prima volta di una donna nella giuria di MasterChef Italia dove Antonia Klugmann affiancherà i colleghi maschi Antonino Cannavacciuolo, Joe Bastianich e Bruno Barbieri.

[Crediti | Link: Sky, AdnKronos, Dissapore]

Luca Sessa

19 aprile 2017

commenti (5)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. Forse si voleva fare la distinzione tra giuliana e friulana?

    2. Friuli e Venezia Giulia sono due regioni storiche ben distinte e “unite” solo dalla fine degli anni ’50. Il Friuli corrisponde grossomodo alle attuali province di Pordenone, Udine e Gorizia più qualche comune veneto, mentre la Venezia Giulia si estende tra la provincia di Trieste, l’Istria e la Slovenia fino al Golfo del Quarnaro, dunque risulta essere suddivisa tra più Stati. Il centro storico e culturale del Friuli è Udine, mentre Trieste è la principale città giuliana. Anche se in modo molto ridotto rispetto ai decenni passati, ancora oggi friulani e giuliani si sentono popoli “di sangue diverso”. Infatti l’attuale regione FVG è nata negli anni ’60 dopo l’annessione di Trieste nel ’57 (se ben ricordo). Prima, con il Regno d’Italia che si estendeva fino alla Dalmazia, il Friuli e la Venezia Giulia erano entità ben distinte.

  1. La Klugmann la ricordo dall’epoca in cui guardavo (ahimè!) la prova del cuoco; non un grandioso elemento da inserire in curriculum la partecipazione ad un programma con la Clerici. Ma se ci ha lavorato insieme anche Scabin, anche se con risultati a mio avviso risibili (vi ricordate La terra dei cuochi?) magari non è poi così un peccato mortale. Se poi Antonia ha fatto strada nelle vere cucine buon per lei. I risultati paiono confermare che ha una buona stoffa da chef.

    Onestamente nel ruolo di quarto giudice di Masterchef ci avrei visto bene Annie Féolde o Mauro Colagreco, visto come è andata con Top Chef. Mi erano piaciuti molto in quel contesto e credo sarebbero stati perfetti anche qui.
    Sorge il dubbio che un giudice straniero nel poker d’assi fosse già abbastanza 😉
    …o forse sia Annie che Mauro con quell’accento e quel carattere avrebbero di certo oscurato Bastianich, ormai venuto anche a noia con i suoi neologismi e italoamericanismi che tanto ce lo hanno reso pittoresco fin dall’inizio.
    Chissà come andrà la prossima edizione di Masterchef con la nuova giudice…sperando che la sua luce non sia “dimmerabile” (cit.)

  2. Mangiato da lei due volte prima della stella. Cucina fantastica. Posto incantevole: il contrario del luogo comune del lusso. Esperienza incantevole.
    In bocca al lupo Antonia!

«
Privacy Policy