La nuova app McDonald’s per ordinare cibo a domicilio spiegata bene

Andare da McDonald’s per comprarsi  l’hamburger e  mettersi in fila aspettando anche che ce lo preparino? E perché mai?

Il gigante del fast food, che si è gettato a capofitto nel complicato mondo delle applicazioni per ordinare cibo a domicilio, ha infatti  appena rilasciato in fase di test la propria app che permette di ordinare panini e menù semplicemente  dal proprio smartphone.

Riuscirà McDonald’s dove hanno fallito altre catene come Starbucks?

La multinazionale del panino sembra comunque  aver fatto le cose per bene, e da mercoledì scorso è iniziato il test: 29 ristoranti in California accettano ora ordini effettuati tramite cellulare, con relativo pagamento, e a breve la nuova funzione verrà messa alla prova in altri 51 negozi della zona di Washington. L’obiettivo è di rendere disponibile l’app in tutto il mondo, Italia compresa, entro la fine di quest’anno.

Organizzare la logistica dei pagamenti per un colosso simile non è certo uno scherzo, ma Jim Sappington, vice presidente dell’area tecnologica, ha spiegato che McDonald’s sta riprogettando le cucine dei punti vendita e formando personale apposito per ottimizzare i tempi di consegna delle ordinazioni fatte da smartphone.

La nuova app permette al marchio dei due archi gialli di tracciare la posizione del cliente e di conseguenza cronometrare il tempo che passa dal momento dell’ordinazione a quello della consegna; il tutto  per evitare che il cibo si raffreddi.

I clienti hanno a loro  disposizione molte opzioni: innanzitutto, possono decidere se ritirare fisicamente il pranzo,  ritirarlo  attraverso un  McDrive o ancora decidere per la consegna a domicilio. E usando l’app possono anche scegliere se pagare con  carta di credito oppure in contatti alla cassa. In ogni caso, una comoda opportunità in più.

[Crediti | Link: Mashable]

Nunzia Clemente Nunzia Clemente

17 marzo 2017

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento

«
Privacy Policy