Auto-punizioni

Costa Smeralda: 500 euro per liberare in mare aragoste e astici

astici, crostacei, mamma latina, cala di volpe

Non siete così tonni da credere a tutto, lo so, e raccontarsela per raccontarsela preferirei altre barzellette, chessò il bosone di Higgs. Ma credetemi, quel che state per leggere è insopportabilmente vero.

Al ristorante Mama Latina di Cala di Volpe, in Costa Smeralda, una coppia di turisti tedeschi alle prese con una comune cena di pesce chiede teutonicamente al proprietario di AVERE i crostacei esposti nell’acquario. “Avere in che senso”, si chiedono sorpresi Roberto Paci e Vito Colella, rispettivamente proprietario e chef del locale.

“Se ce li mettete in un contenitore adatto paghiamo quel che c’è da pagare e li portiamo via vivi”.

E’ la prima volta che capita, ma la crisi colpisce anche Cala di Volpe, e se i clienti pagano, che i crostacei finiscano nell’acqua bollente o vengano rimessi a mare, come fa capire la coppia tedesca, a Paci poco importa. Fatti i suoi conti quantifica rapidamente il costo della bizzarra cena da asporto: 500 euro.

Affare fatto, pagata la somma e messi astici e aragoste in un contenitore, i due coniugi escono dal ristorante e li liberano in mare.

Ora, amesso e non concesso che i crostacei siano sopravvissuti allo sbalzo termico, il gesto dei turisti ambientalisti resta nobile. A patto che Roberto Paci non abbia seguito il consiglio di alcuni clienti. Cioè tallonare la coppia approfittando del buio, e ripescare i crostacei.
[Unione Sarda]

Login with Facebook:
Login

 

7 commenti a Costa Smeralda: 500 euro per liberare in mare aragoste e astici

  1. Si, avevo leto la notizia nelle news, di ieri o giu’ di li’.
    Prima reazione: cercarfe affannosament eil numero di Grande Capo Esti Qaatsi.
    Seconda reazione: ok, dopo il primo luglio ci toccano le inevitabili news dalla Costa Smeralda; mai nulla di nuovo.
    Terza reazione: trovata offerta per pacchetto vacanze, ho finalmente prenotato la mia settimana in Sardegna. Pero’, PERO’… io sono fighetto, e quindi vado in Ogliastra, non a PorCo Cervo, e ci vado in moto, su tutte le strade che stanno ad almeno 10 miglia all’interno della costa :)

        • Trovato:
          Menù:
          Prosciutto, Salame, Pancetta, Formaggio, Olive
          Culurgionis, Marraconeddus sciarrancausu
          Arrosto allo spiedo di maialetto
          Contorno di verdure fresche
          Pecorino, Casu agedu, Frutta di stagione, Bevande,
          Dolcetti sardi, Caffé, Digestivo locale
          :) spettacolare!

          • il menu’ invita, ma credimi, e’ NULLA in confronto al “dove”.
            Perche’ il punto vero del ristoro di Niala e’ il luogo “al di la’ del mondo” per il turista medio della Sardegna.
            SE ti capita, se capita a qualcuno, ascoltate il consiglio: arrivateci con il trenino verde. Prenotate, e scendete alla fermata di Niala. Non c’e’ esperienza che possa paragonarsi a quella, manco il sushi de roma sulle tette al silocone della ragazza in foto :)

            • Ho visto qualcosa sul web,è davvero bello farci le vacanze.
              Ho trovato quel favoloso menù di Gio, del Ristoro di Niala.Ma non
              il prezzo ,per curiosità.
              Buona vacanza

  2. Mi domando comunque cosa avranno poi mangiato i due turisti tedeschi… verdura? formaggi? o un pesce di tipo diverso? se hai una sensibilità tale da sborsare 500 euro per liberare due aragoste, poi riesci a mangiare un branzino con tranquillità? solo perchè già morto? resta il dubbio che si tratti solo di un banale gesto eccentrico.

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a dissapore