Tisanoreica: (anche) questa dieta non fa per me

Presente il profondo senso d’idiozia per il danno economico di una dieta non riuscita? Per avere speso un sacco di soldi, per mesi, inutilmente? Mi è venuto in mente quando ho visto in televisione Gianluca Mech, l’inventore della dieta Tisanoreica, un programma alimentare che consente di perdere molti chili in pochi giorni. Non voglio dire che “l’Anti-Dukan” brevettata dall’imprenditore veneto sia inutile, intendiamoci, è la sua faccia che non mi convince. Se vi state chiedendo da quando i giudizi estetici sono criteri sufficientemente scientifici per giudicare una dieta (lo so, ve lo state chiedendo, voi non state dalla mia parte), avete ragione, ma oggi posso finalmente dirvi qualcosa in più sull’ultima dieta-moda.

Il programma, che dura al massimo 40 giorni si sviluppa in tre fasi: una intensiva (10-20 giorni), una di stabilizzazione (10-20 giorni) e poi il mantenimento. Nella prima si tolgono tutti i carboidrati, i pastasciuttari si mettano l’anima in pace. Ma attenzione, le proteine provengono da kit preconfezionati a base di piante che si comprano in farmacia, PAT li chiamano, piatti pronti da sciogliere in acqua con le sembianze dei pasti principali che contengono solo il 6,4% di carboidrati. Per il resto fibre. Dunque, un giornata tipo prevede: a colazione un cappuccino Tisanoreica (1° PAT); a pranzo un’omelette al formaggio Tisanoreica con verdura (2° PAT); per lo spuntino una crema al cioccolato amaro Tisanoreica (3° PAT); a cena la zuppa alle verdure Tisanoreica (4°PAT) e una bistecca con verdura.

Volete seriamente sparire? Sciocchi che siete, sparire non risolverà nulla: affrontate il problema di petto e continuate.

Infatti la seconda fase, a chi giammai si è arreso alla Carbonara, consente di rivedere verdura e carboidrati a basso indice glicemico.

Tutto, fin dalla prima ora del primo giorno, malinconicamente corredato da tisane.

È un programma più furbo della dieta Dukan, i finti alimenti creano sazietà togliendo il piacere del cibo, e permette piccoli piaceri come l’olio d’oliva. Non solo. Ovviamente crea una dipendenza e finiti i 40 giorni chi ha faticosamente perso peso continuerà a comprare i PAT.

Già, perché ogni Pat ha un prezzo chiaramente stabilito da un gallerista milanese, e dei più esosi. Pertanto 40 giorni di tisanoreica costano in totale 640 euro. Ma il portafoglio continuerà ad aprirsi anche dopo. Non a caso nella terza fase, quella del mantenimento, la dieta si fa più equilibrata, tuttavia è consigliato “restare in contatto con il metodo”. Che tradotto significa spendere ancora.

L’intero sistema è studiato per provocare una chetosi, cioè, il corpo in mancanza di carboidrati inizia a bruciare i grassi. Un regime che non convince molti esperti, sentiamone tre:

— Così come la Dukan, che consiglia di bere molto, questa dieta propone tante tisane e preparati da bere. Il motivo è semplice. Entrambe sono diete fortemente ossidanti: si creano molte scorie, che vanno assolutamente eliminate. Non sempre bere è sufficiente [Stefania Ruggeri, ricercatrice dell’INRAN]

— La dieta tisanoreica porta a rapidi dimagrimenti attraverso una scorciatoia sbagliata che causa un forte squilibrio metabolico e i risultati sono destinati a svanire rapidamente nel tempo. [professor Enzo Spisni, Università di Bologna]

— Bisogna evitare le diete che promettono di far dimagrire tanto e in pochi giorni, queste sono dannose [professor Luigi Fontana, Istituto superiore di sanità]

Siccome la vittoria può essere dolce, ma la sconfitta devastante oggi tanto vi dovevo.

[Credit | Link: Gianluca Mech, Lettera 43, Il Fatto Alimentare, Repubblica.it, immagini: Gianluca Mech]

Prisca Sacchetti

10 maggio 2012

commenti (45)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. ma ancora parlate di questa persona? Non e’ un medico ma un imprenditore. Vorrei chiedere alle persone che si sono volute “rovinare” vita, portafogli e magari nel prossimo futuro reni e fegato grazie a questa persona che, per carita’, ha venduto un prodotto commerciale se si farebbero fare un trapianto di cuore da un imprenditore nel campo alimentare, ad esempio Barilla o Rana. Perche’ non vedo differenza tra questi imprenditori e Mech se non che quest’ultimo sfrutta ignoranza e disperazione…

    1. E’ la prima volta che ne parliamo. Il tuo commento è decisamente esagerato, Mech non fa nulla di illegale.

    2. infatti non fa nulla di illegale; e’ un imprenditore che vende un prodotto; il punto fondamentale e’ che non si puo’ e deve sostituire ad un medico. Questo a me non piace.

    3. la mia frase era “generica” ; non volevo dire che Dissapore ne parlava (tra l’altro in termini fortunatamente non positivi), ma che si fa troppa pubblicita’ ad un imprenditore che “sfrutta” una malattia (qual’e’ l’obesita’ nella maggior parte dei casi)….non volevo certo offendere la Redazione :=)

    4. Senza voler provocare ulteriori polemiche, e premesso che non si può non affermare che per dimagrire occorre SIA introdurre meno cibo SIA consumare, bruciare attraverso il movimento, vorrei, ebbene sì, spezzare una lancia in favore della Tisanoreica: ero scettica, anche a me la faccia di Mech destava più di un sospetto, eppure ho voluto provare sulla scia di un’amica entusiasta.. ed ha funzionato a meraviglia! Non ho fatto la Tisanoreica dei 40 gg bensì una trifasica di tre settimane, di cui una sola, quella centrale, senza carboidrati quindi in chetosi. Ovviamente, senza trascurare la palestra. Sacrifici ridotti e risultati immediati: 6 chili netti alla fine di un mese (l’effetto continua anche dopo la terza settimana). Solo quelli dovevo perdere, e quelli ho perso. Li ho ripresi dopo un anno, ma perchè ho fatto di tutto per riprenderli, mangiando di tutto e di più senza regole, per mesi. E adesso progetto di rifare la trifasica, che non si basa completamente sui cosiddetti PAT (solo 2-3 al giorno, e soprattutto come colazione e merenda) ma piuttosto sull’evitare certi cibi privilegiandone altri. Quanto ai liquidi, sì ne fanno parte anche i distillati d’erbe sciolti in litri di acqua, ma bere molto è la migliore abitudine che si possa prendere!

    5. Mi sono lasciata convincere a fare la Tisanoreica. In effetti ho perso subito i chili (pochi) che dovevo perdere, ma a distanza di un anno e mezzo li ho ripresi tutti e vi assicuro che la mia vita è fatta di un regime alimentare molto ristretto e soprattutto senza sgarri….

  2. Veramente Dissapore deve parlare di queste individui? Più che parlarne, dovremmo scriverne. Alla magistratura. Questa Italia del venditore di tappeti, dei peggio mercanti che guidano governi, del parcheggiatore abusivo che ti chiede lo stesso ammontare che hai appena messo nel parchimetro comunale, dell’ombrellone più sdraio a 20 Euro senza la ricevuta, beh tutta questa Italia deve finire…

  3. L’unica vera dieta che funziona per la perdita ed il controllo del peso è quella che ti da l’endocrinologo dopo aver valutato età, peso, sesso, attività fisica, idiosincrasie personali ecc. Sono reduce da una perdita di 11 kg in 6 mesi. E sono 3 mesi che li mantengo. Cammino almeno 5 km al di (per 5 gg la sett + 8/10 sabato e domenica), faccio le scale a piedi (4° piano) mangio anche pasta e pane in modica quantità, non bevo alcool, pochissimi dolci. Pesce e carne la fanno da padroni, ma bevo latte intero e mangio yogurt greco. Insomma mantenere il peso per chi non ha un metabolismo super o per i mangioni è un bel problema. Ci ho convissuto per tanti anni, ma ora che ho raggiunto il mio peso forma indietro nn voglio tornare più. LA fame o le porcherie tisanoreiche (qualcuno ricorda Herbalife?) nn servono a niente se non ci si muove. Bisogna bruciarem, bruciare, bruciare … scusate il pippone ma è un argomento che mi tocca personalmente.

    1. bere latte e mangiare solo carne (e pesce) o quasi per qualcuno è fonte di danni epocali e perenni…ci vorrebbe , credo verdura e cereali per equilibrare, ma forse hai riassunto e in realtà non te ne privi?

    2. ovviamente tantissima verdura cotta e cruda con 1 cucchiaio di evo.

  4. “È un programma più furbo della dieta Dukan, i finti alimenti creano sazietà togliendo il piacere del cibo, e permette piccoli piaceri come l’olio d’oliva.”

    Uno scenario agghiacciante per uno goloso come me. No grazie, preferisco ammazzarmi di fatica in palestra piuttosto che cedere a queste diete che mortificano la carne e lo spirito.

  5. Parlare di diete su Dissapore è come parlare di corda in casa dell’impiccato.
    Ovvero sembra il contrappasso cui si è destinati dopo anni di cibi gourmet …
    Qualunque dieta è intrinsecamente “squilibrata” altrimenti l’apporto alimentare sarebbe adeguato e l’organismo NON dovrebbe fare ricorso alle scorte da cui deriverebbe il dimagrimento.
    640 euro per 40 gg sono 16 euro al giorno. Tanti ? Pochi ?
    Quale pasto “eccellente” otereste con 16 euro ?

    1. Nessun contrappasso per me: sono tuttora a dieta (ci ho preso gusto) e non rinuncio affatto a cibi gourmet, anzi mangiando un po’ di meno acquisto solo roba di qualità (verdure fresche, pane artigianale, pesce fresco e carne dal macellaio) ed evito le schifezze, mangio assai meglio di prima; l’apporto nutritivo deve essere sempre adeguato, per dimagrire quello che deve cambiare è il rapporto tra calorie assunte e quelle consumate, diminuendo le prime e aumentando le seconde (bastano 45/50 minuti di cyclette almeno 5gg alla settimana). Con 16 euro o anche meno a casa mi preparo pasti più che eccellenti, altro che schifezze tisanoreiche!

  6. Io ho perso dieci chili in tre mesi riducendo le porzioni senza eliminare niente e senza piluccare fuori pasto…cari dietologi non avrete mai i miei soldi:-):-):-):-)

  7. Il problema è che di diete del genere ce ne sono tantissime e con nomi diversi. Diete che nella migliore delle ipotesi ti fanno riprendere i chili persi… nella migliore !!!

  8. Darwin aveva ragione, i fessi si estinguono prima. Purtroppo i suddetti fessi peseranno sul SSN per un bel po`.
    Dopo Di Bella, le scie chimiche, i grassi in eccesso che fanno bene, un`altra bufala per chi non sa e non capisce.
    Posso consigliare una dieta facile a costo zero o quasi? Mangiare un po`di meno. Dove mi trovo adesso per lavoro, la porzione media e`un 20% piu`piccola di quella EU, mancano molti condimenti (burro in primis), e si va giu`di verdura e frutta che e`una meraviglia. Ci si alza da tavola con un pizzico di appetito, ma va bene cosi`. Ovviamente non sono in un campo di rieducazione, ma in una piccola isola da quelle parti.

    1. Parecchio piu`a Est.

  9. io sto seguendo la dukan
    prediligo il pesce che ho riscoperto e che non mangiavo mai, prediligo i tagli di carne rossa buona, se ne mangio poca rispetto a prima la voglio ottima.
    nei giorni di verdura ne mangio a volontà
    hanno aggiunto 1 cucchiaino di olio e ciò rende i cibi più buoni
    è una dieta che funziona se cucini tutti i giorni, se ti vizi e ti coccoli altrimenti ti riduci a mangiare insaccati in busta.
    corro 8 km al giorno (prima ero sedentaria) mi serve per vedere l’ago della bilancia che scende, per motivarmi a correre ppiù forte, per capire che le vagonate di olio che usavo prima non sono necessarie.
    insomma per me funziona 🙂

  10. Amici, per perdere peso bisogna muovere il qlo. Ho detto.

«
Privacy Policy