Come funziona la mente del recensore compulsivo di TripAdvisor

Una mania, una necessità, un’ossessione. Lo stesso, impellente impulso che spinge la nostra mano a imbracciare ogni due secondi lo smartphone per dare una rapida occhiata al social preferito o alle ultime notizie della nostra tribù di amici virtuali.

Ma per Gianluca Moreschi, l’impulso irrefrenabile non è questo, a lui preme scrivere recensioni in quantità industriale su TripAdvisor.

Ben ottocento, infatti, sono state le recensioni che ha postato negli ultimi dodici mesi, con una media giornaliera di circa due recensioni al giorno. Un appuntamento fisso, il suo, ineludibile, un rito quotidiano distante della disposizione d’animo del recensore occasionale, e che abbraccia invece la sfera del vero lavoro o del piacere irrefrenabile.

Moreschi –che di mestiere fa l’informatore scientifico del farmaco, attività che gli permette di girare l’Italia– prova una rara soddisfazione, al limite della patologia, nel recensire tutto ciò che gli capiti a tiro: ristoranti, negozi, siti archeologici, tutto diventa materiale prezioso per far volare le dita del recensore compulsivo sulla tastiera e postare i suoi giudizi su TripAdvisor, tanto che il sito lo ha premiato come uno tra i migliori otto recensori vincitori del TripAdvisor Community Awards.

L’abnegazione è in effetti innegabile, Moreschi arriva a programmare le proprie vacanze in funzione di ciò che intende recensire e organizzando l’attività con precisione scrupolosa.

“Incrocio i dati di TripAdvisor e di altre guide con i miei –dice Moreschi al Corriere– alla fine metto giù una lista di posti che devo vedere. Per ora, sono cento”. E nei fine settimana, il nostro passa all’azione: “mangio e recensisco. In altre occasioni, mi chiudo in casa e completo il lavoro”

Un lavoro di fino, quello di Moreschi, che ha trovato il modo di assaggiare le pietanze dei locali “stellati” senza dover sopportare i costi proibitivi che il tipo e la mole di queste recensioni potrebbe richiedere. Lui ci va di giorno, nella pausa pranzo: “Tre portate si possono gustare a 60 euro. Di sera, si pagherebbe il triplo”.

Ma non sono solo i ristoranti a catturare l’attenzione di Moreschi: anche monumenti e località non sfuggono alla sua foga di recensore.

“In Italia ci sono cimiteri militari bellissimi; vicino a Udine ne ho trovato uno circondato da centri commerciali: agghiacciante. Immediatamente ho postato il disappunto”. Oppure, ricorda Moreschi, “di recente ero a Como; per lavoro casualmente ho notato un piccolo palazzo dove un tempo abitava un cardinale. Ora c’è un ristorante di ottima qualità. Sono entrato e ho fatto la recensione”.

Insomma, un elemento prezioso per TripAdvisor, la cui community di recensori, lo ricordiamo, è rappresentata da 120 milioni di utenti che postano in media 280 recensioni al minuto.

E molte di queste arrivano proprio da Gianluca Moreschi.

[Crediti: Link: Corriere della Sera]

Cinzia Alfè Cinzia Alfè

commenti (17)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Ciao, abitualmente recensisco ristoranti e agriturismi nel fine settimana in campania. Premetto che sono acquirente abituale di coupon dal sito leader, deal che seleziono previo lettura critica delle recensioni su tripafabdvisor e tenendo in conto le mie esigenze con bimbi piccoli. Essendo fruitore dò il mio contributo alla community. Difficilmente dò stroncature anche perche riesco a scegliere in modo intelligente. Dico cosa mi è piaciuto, valuto servizio e rumorosità, consiglio la strada migliore, presenza di giochi per bambini ecc. Dedico pochi minuti alla rece. Tripadvisor va usato con attenzione. Non è difficile capire chi scrive rece false e inattendibili. Ziuss.

    1. E’ grazie a recensioni sincere e obiettive come le tue che TripAdvisor si dimostra utile 🙂 Ciao.

  2. Cinzia, non ricordo a quale film di Verdone fai riferimento…

    1. ?? Stefano, a nessuno…

  3. Alfè dai ora è il turno di un articolo su Federico Ferrero.
    Poi di nuovo Tripadvisor.
    Poi Ferrero.

  4. Sarei curioso di sapere la qualità di queste recensioni copiose, e quanto il tizio effettivamente ne sappia.

  5. Cinzia piacere sono Gianluca Moreschi,tengo a precisare che tutte le mie recensioni sono veritiere e frutto di accurate scelte dei locali stessi,e che se vuoi possiamo parlare come ho fatto col tuo collega del Corsera. Saluti Gianluca

    1. Credo che lei non recensisca, ma commenti. Inoltre un’opinione non costituisce oggettività.
      Ben venga per chi aderisce a queste modalità di marketing, ma che facciamo delle attività che vengono tenute prigioniere da TA e non si possono cancellare?
      Il sistema TripAdvisor cattura le strutture e ci guadagna sopra (immagino) inoltre di riflesso crea un mercato di compravendita davvero ignobile.
      Diversamente, per esempio, da altri portali tipo booking che hanno delle regole precise e chiare.
      Non credo proprio che lei faccia del bene alle imprese italiane.
      Potrei raccontare tanto d’altro, ma inutile tediare.

  6. Ciao Cinzia e piacere,sono Gianluca Moreschi e sono a disposizione per qualsiasi chiarimento.Seguo dissapore da molti anni e lo trovo utile e interessante.Saluti Gianluca

  7. Trattoria casa e bottega Saturnia 184 recensioni!,,,

  8. Dio ce ne scampi! Un giorno di questi recensisco e giudico i calcoli dell’ingegnere che ha costruito il ponte.
    Comunque liberi di commentare ciò che vogliono e di sentirsi bene facendolo, purtroppo il colpevole é TripAdvisor che cattura le attività, ne impedisce la cancellazione e le mette in mano all’umoralità della gente!
    Poveri noi!
    Se può segnali quelli che chiedono sconti per una bella recensione, quelli che ne minacciano una negativa se lo sconto non lo ottengono, quelli che si vendicano per non aver ottenuto qualcosa ecc. Sono moltissimi in quel circolo perferso che chiamano impropriamente recensione.
    Ammetto di non provare stima.

  9. a me sembra tutta una gran montatura, tripadvisor non può essere affidabile per le recensioni, visto che chi le fa potrebbe benissimo copiarle o inventarsi tutto dato che non ci sono verifiche sulle sue credenziali. Questo tipo mi sembra uno in cerca solo di visibilità senza avere un briciolo di competenza, come tanti altri al giorno d’oggi. Un esperto di ristoranti stellati scorge casualmente I Tigli in Theoria a Como? ma fammi il piacere…

«
Privacy Policy