Steakhouse: i 30 ristoranti di carne più incredibili del mondo

La bistecca è un piatto semplice? Niente affatto! Semplice è piuttosto  rovinare un buon taglio di carne cucinandolo malamente, mentre non è da tutti riuscire a ottenere una bistecca morbida e succosa all’interno ma croccante e saporita all’esterno.

E quando il danno è fatto, non ci sono salse che tengano: la costata è rovinata.

Per questo gli appassionati bramano una guida come quella che Bloomberg ha realizzato con la collaborazione di chef noti e affidabili. Una guida per orientarsi tra le migliori steakhouse del mondo, da New York a Barcellona, passando per l’Italia e l’Argentina.

Locali dove trovate godimento, vojeurismo da costata con l’osso, e un approccio da carnivori consapevoli disinteressati ai bistecconi siringati degli allevamenti intensivi.

Stati Uniti

Bar Masa, New York

Lo chef Jean-Georges Vongerichten, titolare anche del Jean-Georges e Prime steakhouses a Las Vegas, ama la bistecca all’ aroma di aglio e soia: ai suoi clienti propone carne di pregiato manzo wagyu alla griglia, insaporita con aglio e di soia, e servita con riso bianco.

Beatrice Inn, New York

In questa chophouse nel West Village è di casa lo chef Chris Cosentino, del Cockscomb di San Francisco. “La bistecca migliore che abbia mai provato è al Beatrice Inn. La chef Angie Mar ha imparato la tecnica in Francia e l’ha portata negli USA.

Keens, New York

“È la mia bistecca preferita”, dice lo chef Daniel Boulud, i cui ristoranti di New York includono il “Daniel”. “È la più antica steakhouse della città di New York, aperta nel 1885, e serve la bistecca più autentica e classica. E hanno anche la più incredibile collezione di Scotch”.

Anche Will Guidara, co-proprietario di Eleven Madison Park, miglior ristorante del mondo 2017 al World’s 50 Best Restaurants, è un fan delle bistecche di Keens, un locale dove “c’è tanta storia”.

bistecca minetta tavernMinetta Tavern, New York

La brasserie di Greenwich Village di Keith McNally è la vincitrice per Garutti, CEO della catena di hamburgerie Shake Shack. “Il mio posto preferito per la bistecca a New York City non è necessariamente una steakhouse –dice Garutti– È il Minetta Tavern”.

Qui, è solito prendere la cote de boeuf con midollo ma raccomanda anche gli hamburger.  Mentre lo chef John Cadieux di Goodman steakhouse a Londra afferma che qui si serve una “ottima bistecca con un’ ottima atmosfera”.

Palm, New York

“La steakhouse per gourmet è un’idea degli chef”, dice il co-proprietario del Nobu,  Drew Nieporent. “Ai clienti invece piace un ambiente semplice: Palm è sempre stata la mia preferita, è molto valida, con ottima ospitalità”.

bistecca peter luger

Peter Luger, New York

“La mia steakhouse preferita è una delle migliori di New York: Peter Luger”, dice Vongerichten. “La bistecca con l’osso è trattata perfettamente, poco cotta, affettata e poi cosparsa di burro: un succulento e fantastico sapore di manzo!”.

Anche il critico gastronomico inglese Tom Parker Bowles ci torna sempre: “Mi piacciono tanto quei grossi pezzi di carne di bovini alimentati a mais come una volta, ma anche la pancetta croccante come snack e i camerieri leggermente scontrosi”.

Lo chef Albert Roux di Le Gavroche a Londra afferma che “l’intera atmosfera è meravigliosa e i pezzi di carne superbi”.

Sparks, New York

“Sparks è nostalgico e tradizionale, il mio preferito”, dice Danny Meyer dell’Union Square Hospitality Group. “Eccellente carta dei vini. Il mio ordine tipico è: cocktail di granchio e gamberi, bistecca di controfiletto, spiedini, spinaci, gelato a doppio cioccolato di Basset per dessert! Ci vado ogni volta che chiudiamo un affare per un nuovo ristorante”.

Alfred’s SF, San Francisco

Le bistecche sono cotte su un grill di mesquite, da Alfred, che ha aperto nel 1928 ed è ora di proprietà dello chef Daniel Patterson. “Daniel offre grandi varietà di carni bovine di età diversa, servite con spinaci al vapore e patate al forno: roba classica davvero buona”, dice Cosentino di Cockscomb. “Questo è ciò che rende Alfred’s così cool”.

Cockscomb, San Francisco

Lo chef Cosentino serve un menù di carne che prevede bistecca con l’osso e midollo. “San Francisco è una bella città, e lui è l’uomo che fa per te “, dice Trevor Gulliver di St. John. “Lui sa che la provenienza e una buona macellazione sono un must ed è felice come una Pasqua quando cucina”.

Canlis, Seattle

Questo ristorante raffinato con vista su Seattle è un’altra scelta di Garutti. “Non è una steakhouse ma semplicemente il miglior ristorante in generale e la miglior bistecca di Seattle”, dice.

bistecca cut las vegas

CUT, Las Vegas

La steakhouse di Wolfgang Puck all’hotel “Venetian” serve un’ottima carne, dice lo chef Roux. “Non sono andato lì per il manzo wagyu: sono un purista quando si tratta di carne bovina”, dice. “Sono andato per i manzi USDA nutriti a mais, tipici americani. Ottima la bistecca alla griglia”.

John Thomas Steakhouse, Ithaca, New York

“E’ una caso che questa steakhouse sia proprio a Ithaca, New York, dove sono andato a scuola,” dice Garutti. Questo ristorante vicino a Cornell è rinomato per le sue bistecche. La sua specialità è una bistecca Porterhouse di un chilo per due, al prezzo di 98 dollari.

Pappas Bros., Houston

Questa catena privata è stata avviata nel 1976 da una famiglia di immigrati provenienti dalla Grecia. “Carne eccellente e una straordinaria lista dei vini”, afferma lo chef Joan Roca, co-proprietario di El Celler de Can Roca, in Spagna, che ha vinto due volte il titolo del miglior ristorante del mondo.

Prime, Las Vegas

Il primo ristorante del Vongerichten nell’Hotel Bellagio è noto per la sala da pranzo classica e l’ottima carne. “Jean-Georges ha reso squisito ogni piatto, anche le insalate”, dice Nieporent. “E’ la quintessenza del tipico ristorante di Las Vegas”.

Prime 112, Miami Beach

Il ristorante del Browns Hotel è stato aperto nel 2004 e si presenta come la prima steakhouse moderna negli Stati Uniti. “È’ un luogo grandioso, con porzioni massicce e ottime bistecche”, dice Garutti. E’ stato per anni il solo ristorante decente a South Beach. Ora ci sono “molti altri buoni ristoranti, ma Prime 112 continua a essere un richiamo per i nostalgici.

Spago, Hawaii

Il ristorante di Wolfgang Puck a Maui è la scelta dello chef Shane Osborn di Arcane, a Hong Kong. “La bistecca migliore che ho mangiato negli ultimi anni l’ho trovata lì. La bistecca di manzo, in particolare, era veramente ottima”

Toturaku, Los Angeles

In pratica, un ristorante segreto, senza nemmeno un sito web. Per ottenere un tavolo, devi conoscere lo chef. Wolfgang Puck è un fan. “Il mio chef nel ristorante Spago, Tetsu Yahagi, mi ha parlato di questo locale”, dice Puck. “Quello che mi piace è che non è una steakhouse tradizionale.

Lo chef Kaz Oyama serve un menù di 8/10 portate a base di manzo preparato in diversi modi, compreso il metodo yakiniku, dove ci si griglia da se stessi la carne al proprio tavolo “.

Inghilterra

Hawksmoor, London

Hawksmoor ha aperto per la prima volta a Londra nel 2006 e si prepara ad aprire un altro locale a New York. “Sono un affezionato di Hawksmoor”, dice Garutti di Shake Shack. “Porterhouse con patatine fritte e una Caesar Salad”.

Anche lo chef Michel Roux Jr di Le Gavroche a Londra è un fan del locale. “Ho mangiato una bistecca stupefacente”, dice. “Sono rimasto molto, molto colpito.

bistecca hawksmoor

Tutti i tagli sono di qualità, dal filetto, di cui io non sono una grande estimatore, fino ai grandi tagli tomahawk per due o tre persone”. Trevor Gulliver, co-proprietario del ristorante del St. John a Londra, stima enormemente il cuoco Turner: “Se lui è ai fornelli, io ci sono. Conosce i suoi animali come un macellaio e le fiamme come uno chef”.

Argentina

Don Julio, Buenos Aires

Don Julio Buenos Aires

Una delle migliori steakhouse in America Latina. “Don Julio è di gran lunga la mia steakhouse preferita”, dice lo chef peruviano Gaston Acurio, di Astrid & Gaston a Lima. “Usano carni bovine delle Pampas argentine, per una qualità sostenibile e per il loro sapore. “È un ristorante familiare con carni straordinarie.” dice lo chef Roca.

Francia

Bistrot Paul Bert, Paris

Uno dei più conosciuti bistrot di Parigi, con una reputazione di cucina semplice e di sostanza. Bistecca e patate sono ottimi, dice Nieporent chef executive dalla catena di ristoranti Nobu.

Italia

Dario Cecchini, Panzano

bistecca cecchini

“Un grande posto”, dice lo chef Puck. Qui c’è una incredibile selezione di bovini italiani –la mia razza preferita è la Chianina– e spagnoli, oltre a una fantastica selezioni di vini toscani.

Giappone

Shima, Tokyo

Un ristorante di Nihonbashi non facile da trovare. Il re dei cronut, Dominique Ansel, lo scoprì durante una visita alla sua pasticceria di Tokyo: “La cosa più buona che ho assaggiato a Tokyo è stato un panino con bistecca di Shima”, ha detto. “Lo chef cuoce perfettamente il miglior manzo wagyu da Kyoto, e se ne avanza un po’, ti fa un panino da portarti a casa”.

Perù

Osso, Lima

osso lima

Questa macelleria-ristorante è la preferita dello chef Roca. Il titolare, Renzo Garibaldi, ha convertito il suo ristorante in un luogo cult per la carne, dice Roca.

Spagna

Casa Julian, Tolosa

Nascosto in un villaggio di montagna nella regione basca, Casa Julian è di proprietà di un team composto di padre e figlio, e merita il viaggio, afferma lo chef Elena Arzak di Arzak a San Sebastian. “C’è una sola possibilità di scelta: la txuleta (braciole) grigliate. “Grandi manciate di sale marino sono sparse sulla carne, tra le fiamme. Le costolette vengono girate una sola volta, cosparse ancora di sale e poi servite ancora sfrigolanti.

Laia, Hondarribia

“La carne è croccante, scura e ricca di sapore umami all’esterno, mentre all’interno conserva il sapore fresco e saporito del manzo nutrito solo con erba”, in questo ristorante vicino al confine francese, dice Arzak.

“Accanto alla reception c’è la star dello spettacolo: un grande contenitore di vetro con enormi tagli di manzo sotto i riflettori. Ci sono tagli da mucche e buoi, alcuni giovani e luminosi, mentre altri hanno la sapienza oscura che può essere ottenuta solo con lento e costante invecchiamento”.

Bodega El Capricho, Jiménez de Jamuz, León

bistecca bodega el capricio

“Questo ristorante andò al top grazie a un filmato sulle migliori bistecche nel mondo”, afferma Turner di Hawksmoor. “Fanno un menu degustazione di carne incredibile” . Il proprietario Jose Gordon alleva e cura personalmente i suoi capi, ricavandone ottima carne. E’ macellaio, contadino e chef. Tutto è fatto in loco. Molto, molto bene”.

Loma Alto, Barcellona

La steakhouse è specializzata in bestiame di razza iberica. “Lo chef, Carles Tejedor, gestisce questo nuovo ristorante che ha un’ottima posizione e l’atmosfera elegante”.

Trinkete Borda, Irún

Un ristorante basco che si trova in campagna vicino al confine francese. “Allevano le proprie vacche da capi Wagyu al 100%”, spiega Arzak. “Un agriturismo dove si grigliano con sapienza bistecche perfettamente marmorizzate e burrose come sapore e consistenza”.

Singapore

Burnt Ends, Singapore

Questo moderno ristorante all’aperto è la scelta dello chef australiano Osborn. ” Qualsiasi cosa venga cotta dal cuoco e proprietario Dave Pynt, nel suo barbecue costruito su misura, è deliziosa, specialmente la Mayura wagye di Oz”.

Uruguay

El Palenque, Montevideo

Il ristorante si trova nel Mercado del Puerto. Il vecchio mercato del porto è pieno di ristoranti e di profumi di manzo arrostito. El Palenque è aperto da oltre 50 anni e ha un’ottima carta. “C’è una serie infinita di carni alla brace cotte a puntino”, assicura Neiporent del ristorante Nobu.

[Crediti | Link: Bloomberg]

Cinzia Alfè Cinzia Alfè

31 maggio 2017

commenti (12)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. manca il migliore. Andres carne de Res, Chia, Colombia

  2. Fantastico…l’unico posto italiano segnalato ha carne spagnola.

  3. Ma come….non c’è Salt Bae? Sono indignato!!! AHAHAHAH 😛

    1. C’è anche Tolosa in Spagna. Che è proprio il paese dove si trova Casa Julián 😉

  4. Macellaio, contadino e chef; i tre gradi della perfezione umana, uno jedi, quanto vorrei essere almeno una di queste cose, ed esserlo in maniera totale.
    Mi è venuta fame.

    1. Dario Cecchini e’ indubbiamente uno che ci sa fare dal punto di vista commerciale e promozionale .
      Si sa vendere bene.
      Pero’ devo dire ,avendo provato oltre la sua carne ed i salumi anche il ristorante e l’Officina della bistecca, che
      Mi sono sempre trovato piu’ che bene.
      L’ unica cosa che lascia un po’ perplessi e’ il fatto, gia’ sottolineato, che la carne non sia italiana…
      Pero’ frollatura, taglio e qualita’ devo dire che sono assoltamente impeccabili.

  5. NON AVETE ANCORA PROVATO IL LOCALE DELLA CARNE ALLA BRACE.
    E’ PRESENTE IN BRIANZA CON DUE LOCATION,SI CHIAMA PURABRACE.
    UN CONSIGLIO, INFORMATEVI.
    UN SALUTO

    1. un addio più che altro, colca che ci vado scritto così

«
Privacy Policy