amazon borsa spesa

Come mai Amazon vuole aprire veri negozi di alimentari

Dall'ecommerce a un'esperienza di acquisto totale

Non contenta di avere maledettamente complicato la vita alle librerie, Amazon prosegue nella sua invasione del mercato alimentare.

Ha aperto un negozio specializzato, poi uno per l’aspirante chef e un altro per il gourmet, quindi ha inaugurato la consegna di frutta e verdura in un’ora, e questo solo per rimanere in Italia.

A Londra è da poco entrata nel servizio di consegna a domicilio dei pasti preparati dai ristoranti, ma ora, come rende noto il Wall Street Journal, sta progettando di aprire dei negozi tradizionali in cui comprare alimentari freschi o ritirare la merce ordinata online.

Si dovrebbe trattare di piccoli punti vendita specializzati nella vendita di generi alimentari di prima necessità, quali pane, latte, frutta e verdura, dove sarà possibile ordinare prodotti con scadenza più lunga per poi farseli recapitare a casa. E anche dove, probabilmente, si potrà ritirare la merce dopo aver fatto la spesa tramite app.

Tutte offerte riservate, almeno all’inizio, soltanto agli abbonati al servizio Fresh, il servizio di consegna a domicilio di prodotti freschi entro 24 ore.

L’idea di Amazon nasconde la volontà di ridisegnare l’esperienza dell’acquisto rendendola totale, non più separata tra mondo online e offline.

E’ probabile che Project Como (nome in codice dell’operazione) veda la luce proprio a partire dalle città che aderiscono al servizio Fresh, e che hanno già rodato il sistema di consegna veloce dei prodotti freschi, la prima dovrebbe essere Seattle, dapprima con i cosiddetti drive-in, semplicemente per il ritiro degli alimenti già acquistati online.

Per i veri negozi in mattoni e cemento potrebbe servire più tempo vista la necessità di individuare luoghi strategici nelle grandi città.

[Crediti | Link: Eater]

Nunzia Clemente Nunzia Clemente

commenti (5)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Amazon fa mercato globale e finira’ per vendere ogni genere di bene, dalla culla alla tomba (verosimilmente anche dopo …)
    Un bene ? Un male ?
    Di certo su Amazon puoi acquistare merci di cui neanche sapevi l’esistenza da un fornitore a 1000 km da casa tua.
    Un bene ? Un male ?
    Come in tutte le attivita’ ci sono pro e contro.
    Al momento mi sembra che i pro (globalmente) superano i contro.

  2. Eh si. Il computer ha reso la vita difficile a centinaia di dattilografe che scrivevano a macchina documenti e lettere stenografate da stuoli di segretarie. Perche? COsa significa perche’? A Seattle Amazon ha un dipartimento di 100 e piu’ persone solo dedicate all healthcare Europe, cioe’ distribuzione di beni sanitari ad ospedali e cliniche in Europa. Perche’? Perche’ e’ un mercato da 5 miliardi di euro.
    Amazon vuole diventare il distributore di qualsiasi cosa, riducendo i margini di tutti quelli che lavorano per creare e produrre qualsiasi prodotto. E’ un bene o un male? Boh. E’ un fatto con cui molti dovranno fare i conti.

  3. Qualche decennio fa si diceva che i supermercati avrebbero fatto chiudere i negozi, se non tutti (sono rimasti soprattutto quelli che vendono prodotti di nicchia e/o quelli nelle zone turistiche dove il cliente bada poco alla convenienza) sicuramente la maggior parte hanno chiuso.
    Ora Amazon farà chiudere i supermercati e secondo me è un bene, piuttosto che cento auto si muovano per fare spesa, meglio un solo camion porti la spesa a 100 famiglie, meno costi per tutti, più tempo libero.

    1. Oddio. Eccetto in alcune aree urbane, è difficile che la “spesa quotidiana o settimanale” si finisca per farla su Amazon. Da frutta e verdura al pane fresco, transitando per carne e pesce e finendo con le bevande a casse (adesso le scarichi in garage o in cantina, poi che fai ? arriva il corriere e te le incolli ?) Pero’ su Amazon gia’ adesso si puo’ comprare lo scatolame, la pasta, gli alimenti confezionati, con una possibilità di scelta che NESSUN supermercato puo’ darti, sia a livello nazionale (puoi acquistare alimenti di piccoli produttori che altrimenti mai avresti sentito nominare) che estero (dalla Marmite in giu’ o su)

  4. Dai vostri commenti si deduce che:chiudono i negozi,chiudono i supermercati…le fabbriche hanno gia’ chiuso perche’ voi,o quelli come voi,hanno delocalizzato in paesi dove i bimbi lavorano per 1 $ al giorno. La spesa su Amazon la farete solo voi .