Cereali da colazione: Prova d’assaggio

Ve l’hanno già detto tutti, Dissapore compreso, ma ci ripetiamo volentieri: non date retta alla pubblicità.

Sarà anche vero che una colazione a base di latte (o yogurt) con i cereali apporta ferro, calcio e vitamine. Peccato che gli spot sorvolino sulla quantità di zuccheri e di sale, spesso eccessiva, a volte abnorme.

Diffidate dunque dalle snelle silhouette disegnate nelle confezioni, soffermarsi qualche secondo in più a leggere la lista degli ingredienti vale sempre la pena, in questo caso ancora di più.

Per questa Prova d’assaggio, abbiamo considerato quattro categorie di cereali: corn flakes, classici (integrali o simil-integrali), muesli e barrette con cioccolato. Per ciascuna, abbiamo poi selezionato i tre marchi più reperibili.

Kellogg’s e Nestlé, i due giganti del settore, sono presenti in (quasi) tutte le categorie, accanto a un altro contendente di volta in volta diverso, ma capace di ritagliarsi la sua fetta di mercato.

CATEGORIA CORN FLAKES

Contendenti: Nestlè Corn Flakes, Kellogg’s Corn Flakes, Misura Dolcesenza

MISURA

Cara Misura, croce e delizia delle nostre diete a base di fibre, ci hai provato. Il tentativo di far concorrenza all’invincibile binomio Kellogg’s – Nestlé non può che essere apprezzato, ma il risultato lascia a desiderare.

E non va meglio con la tabella nutrizionale di questi corn flakes, 7 grammi di proteine e 7 grammi di grassi all’etto sono parecchi.

Anche passando al sapore, stella polare delle valutazioni di Dissapore, i noti competitor restano imbattuti. Chiudiamo un occhio sull’aspetto, oltremodo stinto e triste persino per un corn flakes, ma la fastidiosa sensazione dolciastra presente anche nel retrogusto, è davvero eccessiva.

Chissà se è per via del maltitolo, il dolcificante naturale che sbuca dalla lista ingredienti insieme a: mais (98%), fibra solubile da amido di frumento, fibra solubile da amido di frumento, estratto di malto d’orzo, sale, emulsionante (leticina di girasole).

Nel latte, perde croccantezza prima degli altri contendenti.

Prezzo: 2,99 euro (per 350 grammi)
Prezzo al chilo: 8,54 euro

VOTO: 6.5

NESTLÉ

Nesté arriva secondo ai corn flakes ben tostati e dalla fragranza incontestabile. Peccato che all’apertura del sacchetto il sentore di pop corn sia quasi fastidioso.

La resa nel latte migliora: diciamo che prima di diventare gommosi i fiocchi impiegano almeno trenta secondi. Quindi non male.

Ingredienti: farina di mais (99,8%), zucchero, sale, destrosio, sciroppo di zucchero di canna parzialmente invertito, correttore d’acidità (fosfati di sodio), vitamine (niacina, acido pantotenico, riboflavina, vitamina B6, acido, folico).

Prezzo: 2,39 euro (per 375 grammi)
Prezzo al chilo: 6,37 euro

VOTO: 7.5

KELLOGG’S

L’originale, quello che ha fatto storia. I corn flakes inventati da John Harvey Kellogg, medico e Avventista del settimo giorno, poco incline ai piaceri crapuloni, che li incluse nella sua dieta vegetariana. A fondare Kellogg’s è stato il frayello Williams, trasformando un regime alimentare in una multinazionale.

Ancora oggi è la migliore proposta tra i grandi marchi. Effetto croc inimitabile, e nonostante i fiocchi di mais siano distanti dal concetto di gola, questo è l’unico prodotto che ha modificato la degustazione in una vera scofanata.

Ingredienti: Ingredienti: mais (98%), zucchero, aroma di malto d’orzo, sale, vitamine (niacina, B6, B2, acido folico, D, B12) e ferro.

Prezzo: 1,79 euro (per 250 grammi)
Prezzo al chilo: 7,16 euro

VOTO: 9

CATEGORIA CEREALI “INTEGRALI”

Contendenti: Nestlè Fitness, Kellogg’s Special K, Kellogg’s Nice Morning

KELLOGG’S

Special K, linea di Kellogg’s che strizza l’occhio a chi vuole stare in forma, è arcinoto per il suo cereale da colazione classico, grezzo, da molti conosciuto nella versione con fiocchi di cioccolato.

Il fiocco semi-integrale non è un campione di gusto. Più sottile e meno saporito del rivale Nestlé, lo special K base insiste troppo sul sapore di riso soffiato per essere un vero integrale, pur mantenendosi insipido e vagamente stopposo com’è tipico della crusca.

Ingredienti: riso (46%), frumento integrale (37%), zucchero, orzo (5%), farina di frumento d’orzo (3,5%), aroma di malto d’orzo, sale, vitamine (B2, B1, B6, acido folico, D, B12) e minerali (ferro, zinco). Fibre? Solo il 4,5%.

Quanto agli zuccheri, siamo a livelli altissimi: il 15%.

Prezzo: 2,19 (per 300 grammi)
Prezzo al chilo: 7,30 euro

VOTO 6

NESTLÉ – FITNESS

Nestlé, furba come sempre, riporta sulla confezione il motto “Tutta la bontà dei cereali integrali”, nonostante il prodotto sia integrale solo in parte.

Buono il sapore, con l’effetto glassato che aumenta la croccantezza, più una notevole fragranza.

La lista ingredienti è migliore: frumento integrale (56,3), riso (36,9%), zucchero, sciroppo di zucchero di canna parzialmente invertito, estratto ti malto d’orzo, sale, sciroppo di glucosio, correttore di acidità (fosfati di sodio), antiossidante (estratto ricco di tocoferolo). Vitamine e minerali: niacina, acido pantotenico, roboflavina, vitamina B6, acido folico, carbonato di calcio e ferro. 6,8 grammi di fibre, che non sono poche. Purtroppo, però, 11,8 grammi di zuccheri.

Prezzo: 3,29 euro (per 450 grammi)
Prezzo al chilo: 7,31 euro

VOTO: 7

KELLOGG’S – NICE MORNING

Cereali integrali finalmente degni di questo nome. Perché non sono le silhouette stilizzate e i richiami alla salubrità nelle confezioni a fare una tabella nutrizionale come si deve.

Quindi, pur avendo già citato la celebre multinazionale nella categoria dei cereali integrali con un altro prodotto, inseriamo anche questo, e al primo posto, in virtù della sua (relativa) salubrità.

Profilo nutrizionale passabile con il 15 % di fibre, ma pure il 14% di zuccheri, ben oltre il consentito per un prodotto che aspira a essere sano. Grezzi, particolarmente spessi e croccanti superano la prova del sapore nonostante l’alta percentuale di crusca e rendono bene nel latte. Altro bonus per il prezzo conveniente.

Ingredienti: frumento integrale (66%), crusca di frumento (21%), zucchero, farina di avena (6%), sciroppo di glucosio, aroma di malto d’orzo, sale, aroma naturale, vitamine (niacina, B6, B2, B1, acido folico, D, B12) e ferro).

Prezzo: 1,36 (per 375 grammi)
Prezzo al chilo: 3,63 euro

VOTO: 8.5

CATEGORIA MUESLI

Contendenti: Kellogg’s Extra, Cameo Vitalis, Mulino Bianco Gran Cereale

CAMEO – VITALIS

Ricorda il sapore dolciastro dei pezzetti di cioccolato, scaglie miste al latte (7%) e fondente (8%), troppo zuccherose anche se ben proporzionate rispetto agli altri ingredienti: fiocchi integrali di avena (46%), zucchero, olio di palma, sciroppo di glucosio, germe di grano essiccato, farina di grano tenero, farina di riso, miele, farina integrale di grano tenero, sale, estratto di malto d’orzo disidratato, latte scremato in polvere, aromi.

Ora, sapete che nelle confezioni gli ingredienti non sono indicati a caso, ma per ordine decrescente di quantità.

Se lo zucchero è al secondo posto, è doveroso nei confronti del nostro indice glicemico un consulto della tabella nutrizionale: 25 grammi di zuccheri su 100. Uno sproposito. In pratica i fiocchi d’avena sono tenuti insieme dallo sciroppo, alla faccia dello stretching esibito nella scatola. E sono anche costosi.

Prezzo: 2,85 euro (per 300 grammi)
Prezzo al chilo: 9,50 euro

VOTO: 5

KELLOGG’S – EXTRA

“Ora con più cioccolato” grida la confezione. Ma di cioccolato ce n’è ben poco e per giusta le scaglie di fondente, dal buon sapore, si raggruppano sul fondo del sacchetto visto che pesano più dei fiocchi.

I cereali sono raggrumati e le nocciole rasentano il profilo “inodore e insapore”, comunque è un muesli fragrante e meno zuccherato del precedente (ci assestiamo comunque su valori molto alti, 21 grammi su 100).

Ingredienti: fiocchi d’avena (47%), zucchero, olio di palma non idrogenato, pezzi di cioccolato (11%), grassi del latte, emulsionante (lecitina di soia), farina di frumento, nocciole (3%), cocco disidratato, melassa, sale, estratto di malto d’orzo, cannella, vitamine (niacina, B6,B2,B1, acido folico, B12) e ferro.

Prezzo: 2,17 euro (per 375 grammi)
Prezzo al chilo: 5,8 euro

VOTO: 6.5

MULINO BIANCO – GRAN CEREALE

Quel “- 60% di grassi” a caratteri cubitali nella confezione attira l’attenzione. La scritta prosegue così: “rispetto alla media della categoria muesli e cereali croccanti più venduti”.

Lasciando perdere la costruzione grammaticale, controlliamo subito. Impieghiamo come parametri i muesli precedenti, che sono anche i più comuni. I Kellogg’s Extra dichiaravano in tabella nutrizionale 25 grammi di grassi su 100, mentre i Vitalis della Cameo 21 grammi.

I Gran Cereale Mulino Bianco contengono il 7.4% di grassi. Benè, la verità è un buon presupposto. Ma sulla faccenda degli zuccheri questo “mix di cereali croccanti e cioccolato” si guarda bene dall’ostentare alcunché: 22 grammi, in perfetta media con i contendenti.

L’aspetto è grezzo e il profumo piacevolmente tostato, siamo lontani dai tediosi sentori dolciastri, inoltre c’è una buona varietà, come conferma la lista ingredienti: 30% di cereali croccanti (frumento integrale, avena integrale, riso, estratto di malto d’orzo, orzo soffiato, oligofruttosio, olio di girasole, aroma, sale), 30% di cereali croccanti con cacao (avena integrale, riso, frumento integrale, zucchero, orzo soffiato, estratto di malto d’orzo, oligofruttosio, olio di girasole, cacao magro, sciroppo di glucosio, sale, aroma), 28% di fiocchi di riso e frumento integrale (riso, frumento integrale, zucchero, glutine e germe di frumento, latte scremato in polvere, amido di frumento, sale, malto d’orzo, agenti lievitanti ed emulsionanti), cioccolato (12%).

L’effetto al palato è un alternarsi di consistenze e il cioccolato, per quanto non abbondante in percentuale, rende parecchio.

Prezzo: 1.97 euro (per 300 grammi)
Prezzo al chilo: 6,57 euro

VOTO: 9

CATEGORIA BARRETTE AL CIOCCOLATO

Contendenti: Kellogg’s Special K, Nestlè Fitness, Hero Light

HERO

Hero, che sfida sullo scaffale del supermercato i mastodonti Kellogg’s e Nestlé, fa anche barrette “normali”, insomma più caloriche, troppo lontane dalle Fitness e dalle Special K per essere prese in considerazione. Anche la versione della Gran Cereale si discosta da questo genere di prodotto: barrette di muesli da 35 grammi, dai valori nutrizionali simili a quelli della confezione vista nel precedente match. Insomma, un’altra cosa.

Per barrette intendiamo merendine spezza-appetito da circa 20 grammi, tre morsi di cereali tenuti insieme, quando va bene, dal miele. La versione più venduta al cioccolato, che nel caso di Hero è caramellosa e compatta, ostenta l’assenza di zuccheri aggiunti per poi rifilarci uno snack dolciastro.

Rieccolo, il maltitolo (che ricordiamo, è un dolcificante naturale) questa volta al primo posto nella lista degli ingredienti e seguito da: 12% di fiocchi di cereali integrali tostati (oro, frumento), fiocchi di frumento integrale, fiocchi di frumento integrale al cacao, 9% di cioccolato al latte con edulcorante, 8% di fiocchi di mais, arachidi tostate, grasso di cocco, stabilizzante (glicerolo), sale, emulsionante (lecitina di girasole), aroma naurale di cocco con altri aromi.

L’1,9% di zuccheri è una buona percentuale, così come il 7.4% di proteine è interessante per una barretta che si ripromette di tenerci in forma. Ma con il sapore non ci siamo proprio.

Calorie a barretta: 67

Prezzo: 1,99 (per 6 barrette da 20 grammi)

VOTO: 5

NESTLÉ – FITNESS

Come sono fotogenici i prodotti nelle confezioni. Prendete la barretta Fitness: vedete la base di cioccolato, che sembra far concorrenza alla glassa della migliore torta Sacher di  Vienna?

Ecco, non esiste. Una volta scartato lo snack si riduce a un velo sottile piuttosto dolciastro. La consistenza della barretta, in sé, non è male; abbastanza croccante e dal sapore mielato alterna pochi cereali al cioccolato. Retrogusto dolciastro, al solito.

Ingredienti: 48,2% di cereali (frumento integrale, riso, farina di frumento integrale, farina di mais, farina di riso), 17% di cioccolato, poliricinoalenato di poliglicerolo, aromi naturali, sciroppo di glucosio, zucchero, sciroppo di zucchero invertito, estratto di malto da orzo, umidificante (glicerolo), oli vegetali (palma, girasole), vitamine e minerali (carobanot di calcio, ferro, niacina, acido pantotenico, vitamina B, acido folico, riboflavina), sciroppo di zucchero di canna parzialmente invertito, sale, cacao in polvere, emulsionante (lecitina di girasole) correttore di acidità, aromi naturali, cacao magro in polvere, antiossidante, destrosio.

Un discreto 6% di fibre e 6% di proteine e uno sconvolgente concentrato di zuccheri: il 27,8%.

Calorie per barretta: 90

Prezzo: 3,29 euro (per 8 barrette da 23,5 grammi)

VOTO: 6

KELLOGG’S – SPECIAL K

La soddisfazione del palato parte dagli occhi, e dunque la barretta Special K parte bene. Celebre, imitata, poco appiccicosa non presenta ghirigori di simil-cioccolato sulla superficie, solo la base fondente.

Il mix di cereali è ben dosato, le pepite di cioccolato non sono dolciastre, non restano in bocca retrogusti al limite del nauseante. 6,8 grammi di proteine e ben 9,6 di fibre. 25 grammi di zucchero su 100, non se ne esce.

Ingredienti: 32% di cereali integrali (frumento e avena), 13% di cioccolato, 11% di cereali croccanti (farina fumento integrale, farina di riso, zucchero, farina di malto d’orzo, farina di frumento maltato, sale, olio di colza non idrogenato, stabilizzante (carbonato di calcio), emulsionante (lecitina di soia), sciroppo di glucosio, fibra di mais, zucchero, fruttosio, pezzi di cioccolato fondente (2%), umettanti (sorbitolo, glicerolo), olio di palma non idrogenato, destrosio, sale, aroma di malto d’orzo, aroma, emulsionante, latte, antiossidante, vitamine (niacina, B6, B2, B1, acido folico, B12) e ferro.

Calorie a barretta: 85

Prezzo: 1,83 (per 8 barrette da 21 grammi)

VOTO: 7.5

Chiara Cavalleris Chiara Cavalleris

27 marzo 2017

commenti (15)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. La quantità di ingredienti presenti in questi prodotti (fiocchi di mais… si vabbè) è mostruosa. E magari c’è chi pensa di fare una colazione sana. Buon appetito. 😉

    1. Ma infatti, mi sa che è ancora meglio la mia torta, fatta con ingredienti scelti per bene…o dei semplici cereali puri con aggiunta di frutta secca…

  2. Questa nuova impaginazione, con l’articolo largo la metà di prima e con una lista di altri articoli a lato che di primo acchito sembrano inserzioni pubblicitarie, proprio non mi piace.

    1. ho pensato esattamente la stessa cosa, in generale troppa pubblicità da tute le parti!

  3. il muslei a marchio Coop, sia croccante che alla frutta, è mille volte migliore di quelli proposti nell’articolo. ma è proprio un no contest. e costano pure meno.

  4. Parlando di colazione i cereali non sono mai stati la mia scelta, preferisco cose più semplici e soprattutto salate.
    Quando li mangio è come spuntino golosità spezzafame, infatti ne mangio pochi. Tra quelli qui testati i Fitness nelle varie versioni sono quelli che preferisco in assoluto, sgranocchiati così come sono, uno tira l’altro, dolci e croccantissimi, con una bella consistenza non cartonata.
    Per tutto il resto c’è solo una soluzione…granola, preferibilmente home made.

  5. io generalmente mangio un misto di Corn Flakes o fiocchi tipo Special K, muesli con cereali a chicchi, frutta secca e semi (lo compro da Lidl di solito) e agglomerati croccanti Quaker, possibilmente al cioccolato.
    in pratica ho sempre tre scatole di cereali aperte.

    1. anche mi faccio il misto! compero sacchettoni da 1 kg di un muesli di produzione altoatesina, e li mescolo con conrnflakes integrali, quelli con meno zucchero che trovo. Ma invece di avere tre scatole aperte li mixo in un grande barattolo e il gioco è fatto

  6. i corn flakes miglori di tutte le marche blasonate sono quelli semplici dell’ MD discount

    1. Deve essere una battuta. Perché confrontati ad una colazione americana classica, o un cappuccino+cornetto…come dire!

  7. I miei preferiti sono i cereali Kellogg’s Corn Flakes! 🙂 Magari li producessero anche integrali!

«
Privacy Policy