formaggi borgiattino

Torino: Borgiattino, re dei formaggi, chiude dopo 90 anni

E ai torinesi viene il magone

“Sono stanco, sono più di cinquant’anni che sto dietro il bancone e non ce la faccio più” Così passa la gloria del mondo.

Con queste poche, essenziali parole, in puro stile sabaudo, finisce Borgiattino, “IL” negozio di formaggi a Torino, meta di innumerevoli e ghiotti pellegrinaggi alla ricerca di autentiche tome d’alpeggio o di Raschera proveniente senza tema di smentita dall’omonima località.

Borgiattino chiuderà, per sempre, il 18 giugno.

A 71 anni suonati, Carlo, lo storico titolare della bella bottega in Via Cernaia, avverte tutta la fatica e la stanchezza del portare avanti un’attività comunque impegnativa, che prevede spostamenti continui alla ricerca di specialità dal cuneese, al biellese alla Val Chisone .

Non esattamente un’attività riposante, ma che ha portato la rivendita di formaggi aperta nel 1927 dai tre fratelli Borgiattino e condotta da cinquant’anni ormai dall’erede Carlo, a essere un punto di riferimento sicuro per tutti i torinesi buongustai che sapevano di poter trovare prodotti sicuri, testati e garantiti dal fiuto dello stesso Borgiattino.

Il Bettelmatt prezioso della Val d’Ossola, le vere Robiole di Roccaverano ma non nei mesi invernali, per rispettare il periodo di riproduzione delle capre, il Plaisentif, la toma alle viole della Val Chisone, ma solo a partire dalla terza settimana di settembre, e la Fontina d’Aosta d’alpeggio, con il numero di casello inferiore al 500.

Borgiattino, Torino, 1970

Un luogo nel cuore dei torinesi frequentato da moltissimi affezionati comprese personalità di rilievo come l’avvocato Gianni Agnelli e suo fratello Umberto Agnelli.

Una clientela che non ha mai tradito, non sono certo i cali delle vendite a decretare la chiusura dell’esercizio.

Continua il titolare: “Non è per la crisi, le vendite sono sempre quelle. Forse i giovani hanno stipendi più bassi e guardano più alle offerte e al risparmio, ma chi è appassionato di formaggi buoni continua a venire da noi. Qui da noi si dice avere il magone. Ecco, a me viene a pensare che non ci sarà più la bottega, ma non ho trovato nessuno che potesse prendere il mio posto”.

Stanchezza. Amore per il proprio lavoro. La volontà di non voler lasciare la bottega ad acquirenti che “non mi hanno convinto”, e che magari non avrebbero avuto verso i clienti la stessa cura e dedizione del nostro. In poche parole, correttezza. Un termine – e soprattutto un concetto – ormai desueto, dimenticato, ma che per qualcuno è ancora importante.

Ciao, Borgiattino. Anche noi abbiamo il magone.

Per questo ti auguriamo di trovare, e presto, il giusto acquirente così da poter gustare ancora i tuoi strepitosi formaggi.

[Crediti | Link: Repubblica Torino]

Cinzia Alfè Cinzia Alfè

commenti (4)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Che infinita tristezza! Altro che magone! Da Torinese adoratrice dei formaggi il giro bisettimanale da Borgiattino era un must. Formaggi cosi buoni dove li troverò adesso? Il gruviere (quello vero) il bitto le robiole…. Un vero peccato! Però a questo punto lo capisco. Meglio chiudere che lasciare in mano a degli improvvisati la culla storica dei formaggi torinesi.

  2. Per i torinesi appassionati di formaggi consiglio “La baita del formagg” in via Lagrange 36 (alla fine di via Mazzini).
    Non sarà come il caro Borgiattino ma è molto ben fornita, non solo di formaggi ma anche salumi & co.

  3. Buongiorno a tutti.
    Non solo il sito internet è ancora online, ma a vedere dagli eventi Borgiattino è, per dirla con i Simple Minds, alive and kicking.
    O no?