Giugno 2010


Confortami, Susanna tutta panna

Te lo ricordi caro lettore l’orsetto di peluche? Massì dai, quello che abbracciavi nelle notti buie e tempestose. Ora sei grande e i tuoi incubi hanno nomi diversi, ma sono sempre lì: “corna”, “bambini”, “stipendio”, “crisi”… preferivi gli spettri, eh! Pure l’orsacchiotto non è più lo stesso, e siccome sei un fottuto gastrofanatico, quando hai ...

0 commenti

Sei un gastrofanatico se…

Cioè, ci metti mezz’ora a preparare il pranzo e neanche lo fotografi, ma che gastrofanatico sei? Sei un gastrofanatico se spendi più in cibarie dignitose che in vestiti. Se in vacanza vai prima al mercato/bottega/ristorante che in spiaggia o al museo, e capiamoci, vacanze solo in posti dalla cucina fichissima, Francia, Spagna, Giappone. Questa non ...

0 commenti

Apocalisse | Cosa mangeremo alla fine del mondo

Alle isole Svalbard, in Norvegia, per assicurare la prosecuzione della vita sulla terra in caso di catastrofe planetaria, stanno costruendo la “cassaforte del giorno del giudizio”, una specie di Arca di Noè ricavata da una caverna dove conservare i semi di tre milioni di specie vegetali.

0 commenti

Il pianeta Eataly New York fa premio sulle due pa**e che ci fa dover parlare sempre del milionario Oscar Farinetti

Programmaticamente, l’importanza di quel che ha fatto il milionario Oscar Farinetti (Eataly, ribattezzato “il mercato enogastronomico più grande del mondo”), fa premio sulle due pa**e che ci fa dover parlare sempre di lui, solo di lui. Anzi, dargli proprio la parola (insieme alla erre arrotata di Gigi Padovani de La Stampa). Perciò, nonostante le puntate ...

0 commenti

Il marziano di Flaiano torna a Roma. Gli viene data la Guida “Roma del Gambero Rosso 2010/2011”

Il 12 ottobre 1953 un disco volante guidato dal marziano Kunt atterra a Villa Borghese. Succede in “Un marziano a Roma”, racconto ingegnoso e fulminante contenuto in Diario Notturno, volumetto cruciale di Ennio Flaiano, scrittore e sceneggiatore irripetibile (“La dolce vita”). Cosa accadrebbe se Kunt tornasse a Roma oggi, martedì 29 giugno, e per raccapezzarsi, ...

0 commenti

Il “Paese Reale”: abbiamo fatto Cavaliere del Lavoro Sebastiano Pitruzzello, il re dell’Italian Sounding

Perché è importante sapere chi è il Cavaliere del Lavoro Sebastiano Pitruzzello e perché è importante saperlo adesso che, a una settimana dal primo allarme, è arrivato Fabio. B. di Saccolongo, Padova, il primo (probabile) caso di di intossicazione causata dalla mozzarella blu. Quella fatta in Germania, tanto non è obbligatorio indicare la provenienza, quella ...

0 commenti

Toglietemi tutto ma non…

Non che vada bene, eh. Complice la crisi ci accontentiamo… attenzione… risparmio… Ma poteva andare peggio, diciamo che almeno su una cosa possiamo ancora permetterci di fare gli schizzinosi. Anche perché a quella cosa non vogliamo rinunciare, nemmeno con le pezze… insomma, avete capito. Una specie di “Toglietemi tutto ma non…”. Ecco, ma non… cosa? ...

0 commenti

Cosa esattamente non va nel salmone Ogm

Caro Dissapore, non è possibile che ogni volta che vengo sul tuo sito mi parli di Ogiemmme. Sempre Ogiemme. Solo Ogiemme. Se ti piacciono gli Ogiemme mangia gli Ogiemme. Se ti interessano gli Ogiemme studia gli Ogiemme. E insomma. Sì, è vero, parliamo molto di Ogiemme, qualcuno potrebbe averne avuto abbastanza. Ma che colpa abbiamo ...

0 commenti

La frase del giorno | Ancora una bufala, Maroni e la mozzarella padana

Umani, qualsiasi cosa stiate facendo, smettete e leggete quanto segue. Dopo l’exploit del governatore piemontese Roberto Cota, secondo cui, nella difesa dei cibi buoni puliti e giusti la Lega è venuta prima di Slow Food, prosegue il tentativo leghista di accreditarsi l’origine dei prodotti tipici.

0 commenti

Piccola guida ai ristoranti per il fine settimana. San Daniele del Friuli

Appassionati del miglior prosciutto italiano, ovviamente quello di San Daniele del Friuli? Vi starete già organizzando per invadere Aria di festa, l’evento gastronomico che ha sostituito l’originale “Sagra del prosciutto” (non faceva glam), complice la presenza della bella (ma canottata) Nina Senicar. Come di consueto, Dissapore consiglio qualche ristorante nei dintorni. Qualche indigeno ci aiuta ...

0 commenti

Capolavori del marketing | fi.GA e bomboloni, o della spendibilità dei nomi

Poi dice. Un paio di estati fa, battezzando fi.GA la bevanda energetica ai fiori di guaranà, il trust di cervelli del marketing che ci ha lavorato è stato del tutto geniale. Ma non perché così facendo ha riscattato dall’oblio una bevanda insignificante, anzi, piuttosto imbevibile se volete il parere di uno che l’ha bevuta (essì). ...

0 commenti