Marzo 2011


Una breve storia della fellatio nella pubblicità

Sabato scorso, guardando la pubblicità di Dodaro, azienda calabrese che produce salumi speziati al peperoncino, abbiamo definitivamente compreso l’ossessione dei creativi nei confronti del cosiddetto “tema fellatio”. Realtà con cui prima o poi faranno i conti, più che i clienti, i loro analisti.

0 commenti

Manifesto di questioni irrisolte sulla cottura delle uova per Pasqua

Gli umani devono sapere per non insistere nell’errore. Prendi me, uno con la fregola di cucinare le uova ammodino, specie in prossimità di Pasqua, ma troppo asino per farlo: ah, se i miei disastri potessero parlare. Però ‘stavolta no, invece di tirare scarpe contro il monitor scrivo questa cosa e la chiamo Manifesto di questioni ...

0 commenti

La sindrome del gastrofighetto

Non che non voglia lasciar dire ai lettori (quasi) qualunque cosa, ma tra tutte le definizioni intercettate nel dopo d-Fest, la festa di Dissapore, quella di gastrofighetto mi ha colpito più delle altre. I destinatari siamo noi, non solo noi che facciamo Dissapore da questa parte dello schermo, anche voi che lo leggete e lo ...

0 commenti

Green Parade: fuga dall’inverno

Amanti del vegetale, ci siamo. Voi che avete passato l’inverno snobbando melanzane ipocrite, pomodori bugiardi e zucchine ingannatrici, eccovi ora eccitati come bambini al lunapark, schierati al banco X del mercato Y (basta sia del contadino) con tanto di prezioso numeretto stretto tra le dita. Perché? Perché è primavera e un po’ per volta stanno ...

0 commenti

Cose da sapere prima di pranzo: iniziamo da Eataly Los Angeles o da Eataly Genova?

1) La costruzione di un impero. Pensavate che l’apertura dei 2000 metri quadrati di Eataly Genova, prevista per il 25 aprile all’ultimo piano della Palazzina Millo nell’area del Porto Antico (come ci ha confermato un certo Farinetti) fosse la notizia più appetitosa sulla catena italiana di supermercati per gourmet? Perché non sapevate che Eataly sta ...

0 commenti

Un brik di vino rende tutto più facile. Cerette inguinali incluse

*** ATTENZIONE – POST ALTAMENTE DISEDUCATIVO *** Leggevo ieri The Hairpin, splendido sito al femminile pieno di contributi surreali e genialoidi che trattano tematiche muliebri con toni molto espliciti, e il divertentissimo post dell’editor Helen Rosner, giornalista gastronomica, che racconta la sua prima bikini wax. Come cos’è! La sua prima ceretta laggiù, okay? Ora voi ...

0 commenti

Cose che abbiamo mangiato inavvertitamente

Siamo tutti brillanti profondi complessi esseri umani, ciò non toglie che ogni tanto facciamo cazzate. Tipo mangiare inavvertitamente cose intollerabili anche per la più eccentrica condotta bohémien. Nel merito, non sono privi di significato i fattarelli raccontati da questa signorina, che ha trangugiato senza saperlo un certo numero di mostruosità: Un’imprecisata quantità di monetine da ...

0 commenti

Avvertimento tardivo: non leggete questo post, parla del petto di pollo

BBQ4All, sito sul barbecue curato da Gianfranco LoCascio, editor di Dissapore, è appena diventato un blog, se siete amanti del genere DOVETE vederlo. Nella mia testa, il film sugli ultimi 30 anni di noi gastromaniaci parte sempre col pollo allo spiedo. La coscia per il pupo, le ali alla signora “che son belle croccantine”, e ...

0 commenti

All’Asino d’oro di Roma Il pranzetto è servito

Roma / San Lorenzo / The Fooders’s Loft / Interno giorno: — Marco decide di provare l’Asino d’oro: ristorante dello chef Lucio Sforza. Arrivato a Roma da Orvieto, prima in zona Montesacro e poi in via del Boschetto 73 nel Rione Monti. — Marco prende il telefono e digita il numero per prenotare. Dall’altra parte ...

0 commenti

Senza una classifica dei lettori sul carciofo alla romana piango come una fontana

Quando si parla di mangiare romano qui su Dissapore siamo groupie dentro. Come si fa ora con l’iPad 2, abbiamo dato un rene (metaforico) per trattorie e botteghe, ristoranti + enoteche  + salumerie, cacio e pepe + carbonare + amatriciane, okay, ma i carciofi? Tranquilli, non infierisco su quelli che “i carciofi figli di un ...

0 commenti