Luglio 2014


Se credete che il Fisco non contesti al ristorante uno sconto di 1,50 euro vi sbagliate. Ma per una volta perde

Con 150 miliardi di euro evasi ogni anno viene da chiedersi quali misteriose ragioni spingano il fisco a tormentare il contribuente –con accanimento particolare se è proprietario di un ristorante– per importi insignificanti. E badate, in questa storia insignificanti vuol dire proprio insignificanti, per la precisione un euro e 50 centesimi. Protagonista è un ristorante ...

0 commenti

19 posti che cambieranno la vostra idea di locale più bello del mondo

Oggi, nell’intervista data al Corriere, il bavarese Heinz Beck, arrivato a Roma nel 1994 “con l’idea di rimanere un paio d’anni” (ne ha messi insieme 20 come chef de La Pergola, oltre a 3 stelle Michelin e riconoscimenti plurimi) elenca le regole della cena romantica senza difetti, collocando al secondo posto, dopo il partner giusto, ...

0 commenti

Ghiaccioli yogurt e frutti di bosco fatti in casa

È il dessert dell’estate, con tanto di ricettario appena arrivato in libreria. Un successo, quello dello yogurt gelato, dovuto forse al fatto di essere più leggero (in termini di calorie) del gelato tradizionale, facile da fare in casa, anche senza gelatiera. Sollecitata all’esperimento (ormai sono un juke-box: dammi un soldino, sforno una ricetta), mi sono ...

0 commenti

Il meglio della settimana

1. 14 abitudini quotidiane che uno chef può avere ma tu no. 2. 5 errori da non fare: insalata di pasta. 3. Elogio del past food: 5 cibi che, se non vivessimo alla velocità della luce, faremmo ancora a mano. 4. La ricetta perfetta: parmigiana di melanzane napoletana. 5. Essere gastrofighetti è un lavoro a tempo pieno: sacrifici, rinunce e ...

0 commenti

Scrivi come mangi: gli arachidi, le desert, il Brunello di Montecitorio e altre perle di saggezza

Chi scrive di cibo si è spesso ritrovato a fare i conti con dubbi di questo tipo: cheesecake è maschile o femminile? Il tempura o la tempura? Pasticciere ha la i o è meglio pasticcere? Bigné o bignè? Cavolini o cavoletti? E il plurale di cima di rapa, qual è? Craker o cracker? Crèpe o crêpe? “Scrivi come mangi” si è occupata di queste e altre indecisioni, ...

0 commenti

Il menu con i 13 cibi più cari del mondo costa 95 mila euro

Le descrivono come cibarie per donne dalle unghie lunghe e laccate, totalmente disinteressate alla cucina, il forno ancora intonso, i pomeriggi sfaccendati e le lezioni di pilates a ore pasti. O per la loro controparte, uomini facoltosi che non hanno mai spadellato, trafelati incastratutto abituati ai cartocci della rosticceria che per reazione, quando mangiano fuori, non badano ...

0 commenti

14 abitudini quotidiane che uno chef può avere ma tu no

Essere un cuoco non è roba per signorine, ne abbiamo già parlato. Essere uno chef però ha i suoi vantaggi, specie se si salgono i gradini della scala sociale, che nel caso degli chef significa posizionarsi a metà strada tra la friggitoria di provincia e le luci della ribalta della giuria di Masterchef. Vero, si ...

0 commenti

Gente del Fud regala 12 kg di pasta Garofalo, ma solo a chi segnala qual è il salame più buono d’Italia

Ci dicono di portate l’ombrello in vacanza perché come a tavola, anche nel meteo va di moda il nordico. Insomma, invece della classica estate mediterranea sembra che avremo piogge quotidiane alternate a schiarite. Sapete cosa? Ci adeguiamo, se il cielo fa i capricci noi mangiamo salame. Mettiamoci d’accordo su quale, però. Auto-sabotarci il peso forma ...

0 commenti

Dicono che siamo brutte persone, che dobbiamo smetterla di smanettare bulimicamente con lo smartphone al ristorante

Una volta si discuteva della posizione delle posate e si sprecavano manuali su come mangiare le lumache al ristorante. Oggi l’argomento “etichetta a tavola” viene declinato solo nell’ambito smartphone, con moralismi di vario genere sulle relazioni interpersonali al ristorante che si sono fatte più “social” a scapito della relazione umana. Scontro titanico tra intelligenze artificiali ...

0 commenti

E’ tra i 5 migliori cocktail a base di gin, inoltre sulla pronuncia del nome, Funky Rooster Cobbler, possiamo metterci d’accordo

Rimpiango i tempi in cui si parlava del meteo solo ed esclusivamente in ascensore, magari tentando di distogliere lo sguardo del vicino scrotoclasta dal pigiama indossato appositamente per portare giù la spazzatura. Oggi coi social è tutto un “Novembre esci da questo luglio!” e gli amici che postano complusivamente foto di parabrezza bagnati, gli stessi ...

0 commenti