di Chiara Cajelli 14 Ottobre 2019
baccalà-4-modi-portarlo-a-tavola

Cucinate spesso il baccalà? Noi, se potessimo, lo mangeremmo tutti i giorni talmente è buono e versatile. Ispirati dunque dalla fame e dall’acquolina arriviamo subito al dunque e vi suggeriamo 4 modi per portarlo in tavola, uno più gustoso dell’altro!

Partiamo dal merluzzo

Partiamo subito da un chiarimento. Baccalà e merluzzo sono esattamente la stessa medesima cosa, per quando riguarda il punto di partenza: il merluzzo. Il merluzzo norvegese è trattato direttamente sul peschereccio e, una volta sbarcati, il merluzzo è lavorato perché diventi o baccalà o stoccafisso.

Baccalà

Il baccalà è merluzzo conservato grazie a importanti quantità di sale: una quantità mai inferiore al’18%, altrimenti non si tratta di baccalà. Per consumarlo si deve necessariamente dissalare.

Stoccafisso

Lo stoccafisso è merluzzo essiccato: lo si posiziona su apposite rastrelliere vicine al mare norvegese: in tre mesi, il sole li essicca. Lo stoccafisso è un prodotto esclusivo della Norvegia. Per consumarlo, è necessario reidratarlo.

1. Baccalà mantecato

Il baccalà mantecato è una bontà veneta, i vicentini hanno una ricetta sacra, e si tratta di merluzzo mantecato con olio e aromi in modo da renderlo una crema montata, vellutata e avvolgente. Lo si spalma sul pane, lo si accompagna alla polenta, lo si usa come farcitura di pasta fresca. Ecco la ricetta spiegata molto bene.

Fun fact

Non se ne conoscono le ragioni precise, ma in Veneto “baccalà” è nome generico per il merluzzo. Inoltre, il baccalà mantecato alla veneziana è in realtà fatto con lo stoccafisso.

2. Baccalà fritto

La frittura rende buona qualsiasi cosa, ma il baccalà fritto è veramente un assaggio indimenticabile. Si tratta di una ricetta semplicissima, da fare in pochi minuti dal momento che il pesce è stato dissalato. Noi abbiamo usato farina 00 ma voi potete sostituirla con farina di riso per rendere la ricetta senza glutine.

3. Baccalà alla catalana

Una volta dissalato, il merluzzo è fatto lessare e condito con olive, olio, aglio e se volete dei pomodori e delle patate lessate. Nonostante il nome di questa ricetta, si tratta di una preparazione molto comune in Liguria.

4. Baccalà in umido

Ah che buono. Il baccalà in umido è un secondo piatto ma anche un antipasto, oppure un aperitivo se servito in bicchierini o bocconcini singoli. Il merluzzo è fritto e condito con olive nere, capperi, passata di pomodoro. Qui la ricetta!

Se avete intenzione di cucinare baccalà, ricordatevi di organizzarvi un paio di giorni prima: va dissalato, ed è un procedimento piuttosto lungo.

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento