di Chiara Cajelli 2 Ottobre 2019
come-cucinare-lenticchie-5-ricette

Le lenticchie sono legumi strepitosi, nutrienti, facilissimi da preparare e disponibili in molte varietà. Molti di noi le includono nel menù solamente in inverno e per le feste natalizia ma è un vero e proprio peccato perché ci possono invece fare compagnia praticamente tutto l’anno. Ecco quindi come cucinare le lenticchie, 5 idee e ricette per farvi venire l’acquolina e l’ispirazione.

1. Spaghetti con lenticchie rosse e fiori di zucca

Spaghetti o linguine, come volete voi – io in questa ricetta adoro le linguine e gli spaghetti quadrati. Questo è un piatto unico più che un primo piatto, contiene infatti i carboidrati della pasta, le proteine dei legumi e le fibre delle verdure. fate un soffritto con olio e cipolla bianca – lasciatela sudare a fuoco basso per almeno 10 minuti; aggiungete le lenticchie rosse decorticate per farle tostare leggermente, quindi irrorate con poco brodo vegetale caldo alla volta fino a rendere le lenticchie al dente. Pulite i fiori di zucca eliminando il pistillo interno, tagliateli a metà e aggiungeteli all’ultimo alle lenticchie. Spegnete il fuoco e lasciate riposare. A parte cuocete la pasta, scolatela moooolto al dente tenendo dell’acqua di cottura: completate la cottura nella pentola con il condimento, risottando la pasta ovvero mantecandola a lungo e a fuoco medio con l’acqua di cottura. Ottima, cremosa, appagante. Sappiate che questa ricetta è mia, ed è il mio asso nella manica.

come-cucinare-lenticchie-5-ricette

2. Dhal di lenticchie

Il Dhal di lenticchie è un piatto appartenente alla tradizione indiana e, come potete immaginare, è ricchissimo di spezie e sapore. Prepararlo è molto semplice, e vi inebrierà i sensi: userete cumino, curry, curcuma, cannella, coriandolo… noi abbiamo scelto le lenticchie rosse perché qui da noi è complicato trovare le lenticchie usate in India (dove esistono oltre 60 varietà). Ecco la ricetta completa, tenetela presente per una cena con amici!

3. Vellutata di lenticchie e cocco

Credevate che vi avrei propinato la solita minestra, eh?? Invece no, vi propongo la classica vellutata di lenticchie ma con una variante inusuale e che vi stupirà: il cocco. Questa ricetta spiega come fare in casa il latte di cocco, ma in alternativa potete acquistarlo: badate bene non è il latte di cocco come bevanda vegetale, né è l’acqua di cocco, si tratta di latte di cocco nei brik o confezioni di latta ed è simile alla panna. Il risultato è una vellutata cremosa e delicata, con una dolcezza di fondo che non vi basterà mai!

Il tocco in più

Se avete ospiti potete optare per una variante un po’ più ricercata: una vellutata di lenticchie e cocco in crosta! Semplicissimo: versate le vellutata in cocotte di ceramica, quindi chiudetele con dei dischi di pasta sfoglia – che abbiamo il diametro di 1 cm più grande rispetto alle cocotte; spennellate la superficie con un tuorlo sbattuto e infornate a 200°C per 15 minuti. Gli ospiti dovranno rompere il guscio e sarà un bell’effetto.

come-cucinare-lenticchie-5-ricette

4. Zuppa di lenticchie e castagne

Qui si cerca l’autunno! Castagne e lenticchie, che coppia strepitosa. Questa zuppa è bella sostanziosa e saziante, non proprio ipocalorica ma diamine è di una bontà irresistibile. Semplicissima: lessate le lenticchie e tenetele da parte, fate un bel soffritto rosolando poi anche la pancetta e le castagne arrostite, condite, unite tutto et voilà. Ecco però la ricetta completa, da tenere in serbo per una delle prossime sere belle fredde.

5. Pasta con lenticchie e pancetta

Poche cose sono buone come pasta e fagioli, e tra queste c’è la pasta con le lenticchie. Suggeriamo di arricchire l’accoppiata con tante bontà sostanziose come la pancetta affumicata, la passata di pomodoro, il parmigiano, il peperoncino. In breve: fate un bel soffritto con odori (sedano, cipolla, carota, peperoncino, aglio), aggiungete la pancetta a dadini e le lenticchie dopo averle lasciate in ammollo tutta notte (in acqua e bicarbonato, ponendole coperte nella parte bassa del frigorifero). Aggiungete spezie e passata di pomodoro, le erbe aromatiche che volete e aggiungete poi del brodo vegetale caldo fino a coprire il tutto di un dito: dopo 40 minuti a fuoco basso, aggiungete la pasta cruda (ditaloni) e portate a cottura con il brodo.

Qui in Italia ne abbiamo diverse di successo: le lenticchie di Norcia, di Colfiorito e quelle verdi di Altamura sono solo alcune. Se nella ricetta non si chiedono quindi lenticchie specifiche, magari sperimentate una di queste varietà! Spero che i miei suggerimenti vi abbiano soddisfatto, non vedo l’ora mi suggeriate qualche ricetta in più.

commenti (2)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. Avatar Chiara Cajelli ha detto:

      Buongiorno! Non riscontro problemi 🙂