di Chiara Cajelli 23 Dicembre 2019
dolci-capodanno-creme-pandoro-panettone

Sui dolci di Capodanno si è sempre in ansia, ma a volte basta davvero l’idea più semplice e a portata di mano. Ecco alcune creme per pandoro e panettone: qui sotto trovate alcune varianti delle classiche creme per cambiare un po’ dalle solite due o tre e offrire ai commensali qualche alternativa.

Solitamente si punta su tre certezze: crema pasticciera classica, crema chantilly (e, unendola alla pasticciera, la crema diplomatica) e crema di mascarpone (con zucchero e uova). Tre pilastri della dolcezza su cui poter fare massimo affidamento, e che sono sempre valide alternative alle scelte industriali come la crema spalmabile al panettone o similia. Vediamo di andare oltre, usando le scelte elencate come base ma rendendole uniche grazie a poche e furbe mosse.

Crema pasticciera al caffè

Una volta fatta la crema pasticciera, basta poco per trasformarla in un’alternativa che (su pandoro soprattutto) si abbina perfettamente al contesto. Appena la vostra crema inizia ad addensarsi, unite qualche cucchiaiata di caffè solubile e mescolate bene. Assaggiate e decidete se l’aroma è abbastanza intenso e, in caso contrario, aggiungete caffè.

Ganache al cioccolato, montata

Ormai siete espertissimi e sapete bene cos’è la ganache: la crema fluida composta da cioccolato fuso in una percentuale di panna. Lo step successivo che non tutti conoscono, tuttavia, rende la ganache una vera e propria crema spalmabile. Come? Lasciatela raffreddare in una ciotola, ponete la ciotola in un’altra più grande piena di ghiaccio e montate la ganache con le fruste elettriche. Abbiate pazienza e in qualche minuto otterrete una spuma montata. Il tocco in più? Grattugiate nella ganache ancora liquida la scorza di un’arancia.

Chantilly alla “menta”

Niente sciroppi o aromi artificiali, né erbe aromatiche fuori stagione. Per ottenere una chantilly “mentolata” o con un retrogusto balsamico, dovrete aromatizzare la panna ancora da liquida. Avete due alternative:

  • lasciarla in infusione tutta la notte con alcune bacche di cardamomo schiacciate: questa spezia ha un sapore piacevole e porta con sé una certa e piacevole balsamicità;
  • prendere delle caramelle alla menta (tipo “Polo” per intenderci), tritarle e lasciarle in infusione nella panna. In questo caso potreste anche aggiungere qualche goccia di olio essenziale di menta

Crema al mascarpone e amaretti

La crema al mascarpone è molto semplice e veloce da fare, basta montare a lungo il mascarpone con zucchero a velo a piacere e vaniglia in bacca, aggiungendo alla fine anche abbondanti amaretti sbriciolati. Se volete un tocco in più, tostate delle nocciole in forno statico a 180°C per 6-7 minuti e tritatele grossolanamente per aggiungerle poi alla crema.

Zabaione al Marsala

Vi chiedo di immaginare il momento in cui porterete una salsiera colma di zabaione ancora caldo a tavola… secondo me si mettono tutti a piangere dalla commozione. Fare lo zabaione è semplice, e potete anche servirlo con una variante che lo rende ancora più interessante: qualche goccia di Marsala! Vi serviranno 90 g di tuorli molto freschi e da uova allevate a terra e all’aperto, con 20-25 g di zucchero semolato fine. Scaldate il Marsala a 35°C  con poco zucchero. In una ciotola sbattete i tuorli con poco sciroppo al marsala versato a filo, quindi continuate a sbattere ma ponendo la ciotola a bagnomaria. Aggiungete il restante zucchero poco per volta, senza mai smettere di sbattere con le fruste: lo zabaione è pronto quando raggiunge 80°C circa (o quando le fruste lasceranno una traccia visibile al passaggio).

Crema pasticciera cioccolato e zenzero

Nel latte usato per fare la crema grattugiate abbondante zenzero fresco, scaldate fino a sfiorare il bollore e fate raffreddare lasciando lo zenzero in infusione. Filtrate e procedete poi come da ricetta classica. Appena metterete ad addensare la crema in pentola, aggiungete anche del cioccolato fondente tritato finemente e mescolate bene fino a raggiungere la consistenza desiderata. Et voilà!

Chantilly speziata

La crema chantilly è panna fresca montata ben soda con zucchero e vaniglia in bacca. Aggiungendo però delle spezie nella panna ancora liquida (ricordatevi che i grassi veicolano e accentuano gli aromi), otterrete una chantilly speziata diversa dal solito. Le spezie sono quelle suggerite nei biscotti gingerbread: cannella in polvere, un pizzico di noce moscata in polvere, zenzero in polvere.

Si tratta come anticipato di idee e varianti estremamente semplici, ma che forse non vi sarebbero venute in mente e – soprattutto – sono in grado di svoltare con facilità il momento del dessert alla cena di Capodanno.