birra artigianale stout

Genova Beer Festival 2015: cosa lo rende imperdibile

Non filtrata, non pastorizzata, fatta con ingredienti selezionati da un “piccolo” produttore in quantità limitata. Un sapore che si apre nel palato e attraversa molteplici sfumature, un gusto decisamente diverso dalla birra da supermercato. Ecco cos’è -a grandi linee- una birra artigianale.

In Italia il successo delle birre artigianali è evidente dal moltiplicarsi di eventi dedicati: se da una decina di anni Milano è sede dell’Italia Beer Festival e nella città eterna si aspetta l’autunno sorseggiando le proposte brassicole a Fermentazioni e EurHop, anche città come Bologna, Torino, Vercelli e Siena si sono mosse nella stessa direzione. Poteva mancare Genova?

Certo che no. Ci ha pensato l’Associazione Culturale Papille Clandestine a organizzare il Genova Beer Festival 2015, primo festival della birra artigianale che si svolgerà dal 23 al 25 ottobre nei saloni settecenteschi di Villa Bombrini a Genova.

Genova Beer Festival

I beer enthusiast avranno accesso a quasi 90 birre artigianali alla spina proposte da 14 tra i migliori birrifici italiani; a disposizione degli ospiti per introdurli o guidarli nel mondo del malto e del luppolo ci saranno i mastri birrai.

Di seguito l’elenco dei birrifici che hanno aderito: Birra del Borgo (Borgorose, RI), Birrificio del Forte (Pietrasanta, LU), Birrificio Italiano (Lurago Marinone, CO), Birrificio Lambrate (Milano), Brùton (Lucca), Canediguerra (Alessandria), Civale (Spinetta Marengo, AL), Croce di Malto (Trecate, NO), Fabbrica Birra Busalla (Busalla, GE), Gambolò (Gambolò, PV), Kamun (Predosa, AL), Maltus Faber (Genova), Nadir (Sanremo, IM), Troll (Vernante, CN).

Ecco una panoramica completa dell’offerta.

Quattro le postazioni gastronomiche: dalle bruschette gourmet de Ai Troëggi, locale che per primo ha portato le birre artigianali nel cuore della movida genovese, alle trofie al pesto de Il Genovese; dallo squisito gulash di Kowalski, agli hamburger di Masetto, tra le dieci migliori hamburgerie italiane secondo TripAdvisor.

kuaska

L’evento è tenuto a battesimo da Lorenzo Dabove – in arte Kuaska – , uno dei massimi esperti italiani di birra, giudice internazionale nei più importanti concorsi mondiali: il suo one-man show itinerante è previsto per venerdì 23 ottobre.

Sabato sera l’ospite d’onore sarà Simonmattia Riva, campione del mondo in carica di Beer Sommelier, primo italiano nella storia ad aver conquistato il titolo internazionale. L’offerta non finisce qui: grazie alla collaborazione con FISAR, Pint of Science e Scientificast, ci saranno laboratori per avvicinarsi alla degustazione della birra e una conferenza di stampo scientifico sugli effetti dell’alcol sul nostro corpo che farà breccia tra gli appassionati di hangover. In chiusura della manifestazione la tavola rotonda su sport, salute e alimentazione.

Per essere campanilisti fino alla fine, è proposto al pubblico un gioco –  “pesto beer”- per decretare tra le birre presenti quella meglio si abbina alla famosa salsa ligure.

Ecco il programma completo della giornata

logo genova beer festival

Venerdì 23 ottobre, ore 18.00 – 1.00

21.30. Presentazione itinerante dei birrifici
One-man-show con Lorenzo Dabove in arte Kuaska

Sabato 24 ottobre, ore 12.00 – 1.00

15.00. Una birra, mille profumi
Laboratorio aperto a tutti a cura di Fisar
Con Andrea Bersani, referente del settore birra di FISAR, fisico dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Genova.

18.00. Una pinta di scienza. Fisiologia dell’alcol e dei suoi effetti
Laboratorio aperto a tutti a cura Pint of Science / Scientificast
Con Ilaria Zanardi, Coordinatrice Nazionale di Pint of Science Italia, biologa dell’Istituto di Biofisica del CNR di Genova.

21.30. La birra e i suoi abbinamenti
Laboratorio su prenotazione (1 €, necessaria tessera associativa)
Con Simonmattia Riva, Beer Sommelier World Champion 2015, consigliere Mo.Bi.

Domenica 25, ore 12.00 – 22.00

14.00-19.00. Kindergarten a cura della Cooperativa La Giostra della Fantasia

16.30. Gli stili della birra artigianale
Laboratorio su prenotazione (1 €, necessaria tessera associativa)
Con Simone Cantoni, Docente Slow Food, Unionbirrai Beer Taster, Giudice Birra dell’Anno

19.00. Birra, nutrizione e sport
Tavola rotonda aperta a tutti a cura di Pagina2Cento (www.pagina2cento.it)  HYPERLINK “http://www.pagina2cento.it/” \t “_blank”
Una chiacchierata tra pinte, valori nutrizionali e aneddoti sportivi. Con Luca Spigno, nutrizionista e Edoardo Schenardi (@farmaciaserra), farmacista.
Modera Laura Guglielmi, direttrice di Mentelocale.it

La Chance

birra artigianale preparazione

Campanilismo – parte seconda. Ti suggerisco di fare un salto allo stand della Fabbrica della birra di Busalla, che mi ha sempre affascinata per il suo lavoro di ricerca di nuovi prodotti utilizzando ingredienti poco usuali, come le castagne e il miele. Non dimenticarti di visitare quello di Maltus Faber, microbirrificio genovese di cui consumo con devozione la Triple, una bionda fruttata che regala grandi soddisfazioni. Poiché non c’è due senza tre, proverò certamente le birre di Brùton: l’approccio punk su di me ha sempre avuto un forte ascendente.

Info

luppolo

L’ingresso al Genova Beer Festival costa 6 € ed è un contributo per il finanziamento della manifestazione e delle attività dell’Associazione Culturale Papille Clandestine. Dà diritto all’entrata per un giorno, al bicchiere da degustazione (20 cl) con tracolla e alla mini guida del Festival. I soci dell’Associazione possono entrare liberamente durante tutta la durata della manifestazione (sarà possibile associarsi all’ingresso). Per assaggiare le birre occorrerà acquistare i gettoni: ogni gettone costa 1 € e permette una degustazione di 10 cl di birra.

Quando:

23-24-25 ottobre

Dove:

villa bombrini, genova

Villa Bombrini – Via L. Muratori, 5  – Genova Cornigliano

Non tutta la chimica è cattiva. Senza la chimica, come l’idrogeno e l’ossigeno per esempio, non ci sarebbe modo di fare l’acqua, un ingrediente fondamentale della birra.

Ilaria Miglio Ilaria Miglio