La presentazione della Guida ai ristoranti de L’Espresso del Gambero Rosso raccontata attraverso il telefonino, aggiornate spesso il vostro browser.

Ore 12:00 – 3 FORCHETTE: Vissani – Baschi 94, La Pergola de l’Hotel Rome Cavalieri – Roma 94, Torre del Saracino – Vico Equense 94

Ore 12:01 – Combal.Zero – Rivoli 93, Reale – Rivisondoli 93, Don Alfonso 1890 – Sant’Agata sui Due Golfi 93

Ore 12:02 – Le Calandre – Rubano 92, Osteria Francescana – Modena 92, Dal Pescatore Santini – Canneto sull’Oglio 92
Laite – Sappada 92, Dal Pescatore Santini – Canneto sull’Oglio 92, Villa Crespi – Orta San Giulio 92, Piazza Duomo – Alba 92.

Ore 12:03 – Il Pagliaccio – Roma 91, Oasis Sapori Antichi – Vallesaccarda 91, Uliassi – Senigallia 91

Ore 12:04 – Le Colline Ciociare –  Acuto 90, Da Caino – Montemerano 90, Lorenzo – Forte dei Marmi 90, La Madonnina del Pescatore – Senigallia 90, La Madia – Licata 90, Miramonti L’Altro – Concesio 90, Enoteca Pinchiorri – Firenze 90,
Trussardi alla Scala – Milano 90, St. Hubertus – San Cassiano 90.

Ore 12:32 – TRE GAMBERI: Consorzio Torino, Locanda al Gambero Rosso Bagno di Romagna (FC), Angiolina Pisciotta (SA), Antichi Sapori Andria(BA), Osteria del Boccondivino Bra (CN), La Brinca Ne (GE), Vecchia Marina Roseto degli Abruzzi (TE), Ai Cacciatori Cavasso Nuovo (PN), Luna Rossa Terranova di Pollino (PZ), Caffè La Crepa Isola Dovarese (CR), Cibus Ceglie Messapica (BR), Locanda Mariella Calestrano (PR), Maso Cantanghel Civezzano (TN), La Ragnatela Mirano (VE), La Sangiovesa Santarcangelo di Romagna (RN), Osteria della Villetta dal 1900 Palazzolo sull’Oglio (BS).

Ore 12:37 – 3 BOTTIGLIE: Roscioli Roma, Ombre Rosse Preganziol (TV), La Baita Faenza (RA), Casa Bleve Roma, Le Case della Saracca Monforte d’Alba (CN), Del Gatto Anzio (RM), Enoteca Marcucci Pietrasanta (LU), Oste della Mal’ora Terni, Picone Palermo.

12:45 – PREMI QUALITA’-PREZZO: Villa Maiella di Guardiagrele (CH), Antica Osteria Marconi di Potenza, Il Papavero di Eboli, Avenanti del Grand Hotel Enturage di Gorizia, Quintilio di Altare (SV), Osteria del Sass di Besozzo (VA), ‘l Bunette di Pergolo (CN), La Vecchia Trattoria da Tonino di Campobasso, Marchese del grillo di Fabriano (AN),  Vigna del mar di Monopoli (BA), Mocaglio di Guardistallo (PI), Casolare dei segreti di Treia (MC), La Clusaz di Gignod (AO).

12:47 – PREMI INNOVAZIONE: 900 di Meina (NO), Il povero diavolo di Torriana (Rimini), Dal vero di Morgano (TV), Dattilo di Strongoli (CR), Glass Hostaria di Roma.

12:51 – PREMI TRADIZIONE: Lucanerie di Matera, La pergola di Vazza d’Alba (CN), Il Cigno Trattoria dei Martini di Mantova, Hosteria Giusti di Modena, L’Angolo d’Abruzzo di Carsoli (AQ).

12:55 – PREMIO CHEF EMERGENTE: Massimo Mantarro del Principe Cerami dell’Hotel San Domenico di Taormina.

12:56 – PREMIO CARTA DEI VINI – Oasis Sapori Antichi DI Vallesaccarda (AV) e Locanda Mariella di Calestano (PR).

13:00 – Massimo Bottura dice che per una sera, a Febbraio 2011, farà a cambio di ristorante con Gennaro Esposito che cucinerà all’Osteria Francescana di Modena, mentre Bottura sarà a La Torre del Saracino.

13:01 – Livia Iaccarino del ristorante Don Alfonso ringrazia il Gambero Rosso per aver attribuito al suo ristorante, Don Alfonso 1890, il giusto riconoscimento (93 punti). Ogni riferimento ad altre guide NON è puramente casuale.

13:02 – La prossima volta non mi siedo accanto a Gennaro Esposito, ogni volta che uno chef viene premiato urla e fa i cori come fossimo allo stadio. Però è simpatico.

13:03 – Al momento della premiazione di Salvatore Tassa del ristorante Le Colline Ciociare c’è stata una vera ovazione.

13:11 – Qui qualcuno si chiede se Il Pagliaccio di Anthony Genovese, premiato per la prima volta con le 3 Forchette, non stia cambiando gestione.

13:17 – Le regioni più rappresentate tra le 3 Forchette sono: Piemonte, Lombardia, Toscana, Lazio, Campania, ognuna con due ristoranti.

13:21 – Le nuove 3 Forchette sono Anthony Genovese del Pagliaccio di Roma, Salvatore Tassa delle Colline Ciociare di Acuto (FR) e Andrea Berton del Trussardi alla Scala di Milano. Tornano tra le 3 Forchette il Miramonti l’altro di Concesio, Lorenzo di Forte dei Marmi, e il St.Hubertus di San Cassiano.

13:45 – Ora i risultati regione per regione:

Valle d’Aosta | 82, Le Petit Restaurant dell’Hotel Bellevue di Cogne (AO) e Cafè Quinson di Morgex (AO) – 80, Vecchio Ristoro di Aosta, La Clusaz di Gignod (AO), La Cassolette del Mont Blanc Hotel Village di La Salle (AO).

13:50 – Piemonte | 93, Combal.Zero di Rivoli (TO) – 92, Piazza Duomo di Alba (CN) e Villa Crespi di Orta San Giulio – 89, Guido da Costigliole di Santo Stefano Belbo (CN) – 88, All’Enoteca di Canale (CN), Antica Corona Reale di Cervere (CN), Piccolo Lago di Verbania – 87, Pinocchio di Borgomanero, Guido di Bra (CN).

13:55 – Liguria | 86, L’Arco Antico di Savona – 84, A Spurcacciun-a de l’Hotel Mare di Savona e La Conchiglia Taggia (IM) – 83, Paolo & Barbara di San Remo (IM), 82, Palma di Alassio (SV), Paracucchi Locanda dell’Angelo di Ameglia (SP), Doc di Borgio Verezzi (SV), Il Rosmarino de l’Hotel La Meridiana di Garlenda (SV), Baldin di Genova, Agrodolce di Imperia, Balzi Rossi di Ventimiglia (IM).

14:00 – Lombardia | 92, Dal Pescatore Santini di Canneto sull’Oglio (MN) – 90, Miramonti l’Altro di Concesio (BS), Trussardi alla Scala di Milano – 89, Ambasciata di Quistello (MN) – 88, Il luogo di AImo e Nadia di Milano – 87, Mistral del Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio (CO), Da Vittorio di Brusaporto (BG), Gambero di Calvisiano (BG), Cracco di Milano, Il Sole di Ranco (VA) – 86, Ilario Vinciguerra Restaurant di Galliate Lombardo (VA), Villa Fiordaliso di Gardone Riviera (BS).

14:10 – Veneto | 92, Le Calandre di Rubano (PD) e Laite di Sappada (BL) – 89, Arquade de l’Hotel Villa del Quar di San Pietro in Cariano (VR), Met Restaurant de l’Hotel Metropole di Venezia – 88, Perbellini di Isola Rizza (VR), La Peca di Lonigo (VI) – 87, Gellius di Oderzo (TV), Il Desco di Verona – 86, Dolada di Pieve d’Alpago (BL) – 85, Antica Osteria da Cera di Campagna Lupia (VE), Dal Vero di Morgano (TV), Locanda San Lorenzo di Puos d’Alpago (BL), La Montecchia di Selvazzano Dentro (PD).

14:20 – Trentino Alto Adige | 90, St.Hubertus de l’Hotel Rosa Alpina di San Cassiano (BZ) – 89, La Stua de Michil de l’Hotel La Perla di Corvara in Badia (BZ) – 88, Zur Ruse di Appiano (BZ), 87, Schöneck di Falzes (BZ) – 86, Kuppelrain di Castelbello Ciardes (BZ), Sissi di Merano (BZ), Anna Stuben de l’Hotel Gardena di Ortisei (BZ), Zum Löwen di Tesimo (BZ), Trenkerstube de l’Hotel Castel di Tirolo (BZ).

14:30 – Friuli Venezia Giulia | 87, Osteria Altran di Ruda (UD) – 86, Agli Amici Trattoria dal 1887 di Udine – 85, Al Castello di Trussio dell’Aquila d’Oro di Dolegna del Collio (GO) – 84, Là di Petròs di Colloredo di Monte Albano (UD), La Primula di San Quirino (PN) – 83, Vanilija à la Carte dell’Hotel Eden di Duino Aurisina (TS), Avenanti del Grand Hotel Entourage Gorizia, Campiello di San Giovanni al Natisone (UD).

14:40 – Emilia Romagna | 92, Osteria Francescana di Modena – 88, San Domenico di Imola (BO), Antica Osteria del Teatro di Piacenza – 87, Paolo Teverini di Bagno di Romagna (FC), Il Rigoletto di Reggiolo (RE), Il Povero Diavolo di Torriana (RN) – 84, Vite di Coriano (RN), Il Piastrino di Pennabilli (RN) – 83, Il Sole di Castel Maggiore (BO), La Frasca di Cervia (RA), Magnolia di Cesenatico (FC), Villa Maria Luigia di Collecchio (PR), Hosteria Giusti di Modena.

14:50 – Toscana | 90, Enoteca Pinchiorri di Firenze, Lorenzo di Forte dei Marmi (LU), Da Caino di Montemerano (GR) – 89, La Tenda Rossa di San Casciano in Val di Pesa (FI) – 88, Arnolfo di Colle di Val d’Elsa (SI), Il Canto dell’Hotel Certosa di Maggiano (SI), Romano di Viareggio (LU) – 87, Il Pellicano di Porto Ercole (GR) – 86, Bracali di Massa Marittima (GR) – 85, La Magnolia del l’Hotel Byron – 83, Il Votapentole di Castiglione della Pescaia (GR), Ora d’Aria di Firenze, Il Piccolo Principe del Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio (LU).

15:00 – Marche | 91, Uliassi di Senigallia (AN) – 90, La Madonnina del Pescatore di Senigallia (AN) – 88, Symposium Quattro Stagioni di Serrungarina (PU) – 86, L’Enoteca di Macerata, Giardino di San Lorenzo in Campo (PU) – 83, Marchese del Grillo di Fabriano (AN) – 82, Il Clandestino Susci Bar di Ancona, Andreina di Loreto (AN).

15:10 – Umbria | 94, Vissani di Baschi (TR) – 84, Il Postale del Castello di Monterone (PG) e La Bastiglia di Spello (PG) – 82, Villa Roncalli di Foligno (PG) – 81, Vespasia di Palazzo Seneca di Norcia (PG) – 80, Redibis del Relais Orto degli Angeli di Bevagna (PG), I Sette Consoli di Orvieto (TR), Le Melograne dell’Hotel Le Tre Vaselle di Torgiano (PG).

15:20 – Lazio | 94, La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri di Roma – 91, Il Pagliaccio di Roma – 90, Le Colline Ciociare di Acuto (FR) – 89, La Trota di Rivodutri (RI) – 87, Open Colonna di Roma – 85, Enoteca La Torre di Viterbo – 84, La Parolina di Acquapendente (VT), Il Convivio Troiani di Roma – 83, Pascucci al Porticciolo di Fiumicino (RM); 82, Pierino di Anzio (RM), Acqua Pazza di Ponza  (LT), Al Ceppo di Roma, Settembrini di Roma, Il Granchio di Terracina (LT).

15:30 – Abruzzo | 93, Reale di Rivisondoli (AQ) – 85, Villa Maiella di Guardiagrele (CH), 84, L’Angolo d’Abruzzo di Carsoli (AQ), Café Les Paillotes di Pescara – 83, La Bandiera di Civitella Casanova (PE) – 81, Elodia di L’Aquila, Al Metrò di San Salvo (CH) – 80, Il Ritrovo d’Abruzzo di Civitella Casanova (PE), Casa d’Angelo  di Fara Filiorum Petri (CH), Beccaceci di Giulianova (TE).

15:35 – MOLISE | 84, Vecchia Trattoria da Tonino di Campobasso – 76, Ribo di Guglionesi (CB), 75, L’Elfo di Capracotta (IS), Miseria & Nobiltà di Campobasso.

15:40 – Campania | 94, La Torre del Saracino di Vico Equense (NA) – 93, Don Alfonso 1890 di Sant’ Agata sui due Golfi (NA) – 91, Oasis Sapori Antichi di Vallesaccarda (AV) – 87, Relais Blu di Massa Lubrense (NA) – 86, Taverna Estia di Brusciano (NA), Il Mosaico del Terme Manzi Hotel di Ischia (NA) – 85, La Caravella di Amalfi (SA), Taverna del Capitano di Massa Lubrense (NA), Il San Pietro di Positano (SA) – 83, Il Faro di Capo d’Orso di Maiori (SA), La Locanda di Bu di Nusco (AV) – 82, Pappacarbone di Cava de’ Tirreni (SA), Palazzo Petrucci di Napoli, Rossellinis de l’Hotel Palazzo Sasso di Ravello (SA), Vairo del Volturno di Vairano Patenora (CE).

15:50 – Puglia | 86, Già Sotto l’Arco di Carovigno (BR) – 85, Bacco di Bari – 84, Pashà di Conversano (BA) – 83, Il Poeta Contadino di Alberobello (BA), Il Ventaglio di Foggia, La Strega di Palagianello (TA) – 81, La Cuccagna  Giro di Vite di Crispiano (TA) – 79, Taverna il Jalantuùmene di Monte Sant’Angelo (FG), Masseria Petrino di Palagianello (TA), Torrente Antico di Trani (BT).

15:55 – Basilicata | 81, Antica Osteria Marconi di Potenza – 77, Baccanti di Matera – Tipicamente di San Fele (PZ) – 76, Lucanerie di Matera, Palazzo dei Poeti di Tursi (MT) – 75, San Pietro Barisano di Matera.

16:00 – Calabria | 83, La Locanda di Alia di Castrovillari (CS) e La Tavernetta di Spezzano della Sila (CS) – 82, Dattilo di Strongoli (KR) – 81, Osteria Lo Sciamano di Soverato (CZ) – 78, Baylik di Reggio Calabria.

16:05 – Sicilia | 90, La Madia di Licata (AG) – 89, La Gazza Ladra dell’Hotel Palazzo Failla di Modica (RG) – 88, Duomo di Ragusa, 87 – Principe Cerami dell’Hotel San Domenico di Taormina (ME) – 86, Casa Grugno di Taormina (ME) – 84, Locanda Don Serafino di Ragusa – 83, La Capinera di Taormina (ME) – 82, Piccolo Casale di Milazzo (ME), Al Fogher di Piazza Armerina (EN).

16:10 – Sardegna | 83, Andreini di Alghero – 82, Da Nicolo di Carloforte – 81, La Ghinghetta di Portoscuso (CA) – 80, Giagoni di Olbia, Su Gologone di Oliena (NU), Da Giovannino di Porto Rotondo – 79, Dal Corsaro di Cagliari – 78, La Guardiola di Castelsardo, Gallura di Olbia, Da Achille di Sant’Antioco.

commenti (73)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. “La presentazione della Guida ai ristoranti de L’Espresso raccontata attraverso il telefonino”…c’è stata qualche acquisizione o è solo un refuso? 🙂

  2. Avatar sbigottito ha detto:

    ma dico come si fa a non dare le tre forchette al duomo di sultano e’ una vergogna,sono sbigottito,sultano e’ l’unico in sicilia ad essere considerato tale…..

  3. Avatar Luca Montini ha detto:

    …ma allora sti migliori per regione qualcuno li mette o no??? Perbacco, guardate che vivere in mezzo ai monti dove vivo io significa aspettare almeno un paio di settimane per aver modo di comprarla la guida! 🙂

  4. Avatar Silvio ha detto:

    Forse lo pensavano in tanti quando mangiarono per la prima volta il riso oro e zafferano di Gualtiero Marchesi.Adesso e’ un piatto attuale e nel contempo all’avanguardia!

  5. Avatar provace ha detto:

    In Campania, Relais Blu 87?
    Da quando in quà si valuta la presunzione del proprietario !!!!!!
    Se così fosse è stato penalizzato !!!!!!!
    Ma mi faccia il piacere…..mi faccia !!!

  6. Avatar Leo ha detto:

    Le migliori cucine italiane di oggi sono (in ordine alfabetico)

    Le Calandre
    Combal.Zero
    Duomo
    La Madia
    Osteria Francescana
    Piazza Duomo
    Reale
    Torre del Saracino
    Uliassi
    Villa Crespi

    Chi condivide?

    1. Avatar Antonio Scuteri ha detto:

      Condivido abbastanza, ma mancano Vissani, Cracco e Lopriore

    2. Avatar Leonardo Ciomei ha detto:

      Qualcuno non l’ho visitato ma mi piacerebbe inserire pure Arnolfo e la Trota 😉

    3. Avatar Leo ha detto:

      La cucina di Vissani, oggigiorno, non può competere con quelle su menzionate (è scandaloso il voto che danno le guide, ma si sa, è stato un precursore). Cracco quest’anno è stato poco ispirato. Quella di Lopriore è troppo difficile per essere una cucina chiara, netta, cristallina e diretta come le cucine degli altri elencati.

      A Milano, in questo momento i due ristoranti migliori sono Aimo e Trussardi. Provare per credere.

  7. Avatar Silvio ha detto:

    Incoraggiante leggere che ci sono
    umili appassionati che “non capiscono niente” che ancora apprezzano Lopriore,Cracco ed altri bocciati,peccato che non ne vengano tenuti in considerazione i personali giudizi.Forse Lopriore e Cracco da due anni a questa parte non sanno piu’ cucinare.

  8. Il confine tra l’alto artigianato e l’arte a volte è molto, ma molto, labile,
    mi piace pensare, comunque, che l’alto artigianato non sia mai fine a se stesso e credo che debba valere anche per la ristorazione.
    Forse per chi vive solo di sperimentazioni estreme che possono rasentare, per taluni, l’arte, ancora manca una giusta tipologia di locale.

    1. discorso fatto tante volte… nel dire che la cucina è alto artigianato non c’è nessun giudizio di valore. Non credo che ci sia più nobiltà nell’arte che nell’artigianato. Non credo che un Cattellan valga di più di un fornasetti per principio… Credo però che ci sia una differenza di linguaggi, come dico spesso di ermeneutica.
      Appunto il rapporto forma/funzione è in primo piano. Non credo che nessuno di noi spera di vedere domani da un grande chef la foto artistica di un piatto o uno spray che diffonda il profumo di un’altro, ho un video che diffonda le immagini e i rumori dell’atto di gustare una pietanza… Un menù così fatto sarebbe difficile da digerire per un gourmet 😉
      ciao A

    2. non credo proprio… per quello citavo i profumi. Non troverei cucina dei piatti che non fossero commestibili… Sicuramente non dei “ristoranti” quelli in cui si servissero…
      Ciao A

    3. credo che a mangiare al ristorante ci si vada, anche, per sfamarsi… Sarò un romantico, ma la penso così 😀
      Cmq quello che tu dici oggi non è possibile e spero non lo sia mai, spero che nessuno mi privi delle endorfine, dell’eccitazione, di quell’accellerazione cardiaca, dell’alterazione dell’umore determinato dalla curva glicemica ecc. che la biochimica dell’ingerire cibo mi riserva…
      Ciao A

    4. Avatar Fabrizio Foti ha detto:

      Caro Alessandro, ogni fatto artistico è strettamente legato alla percezione sensoriale e, per comprendere il pensiero sotteso all’opera, si adoperano tutti i sensi, oltre l’intelletto che elabora, per coglierlo e comprenderlo. La cucina, mutatis mutandis, è uno strumento di espressione che ci costringe ad usare tutti i sensi, soprattutto quelli che solitamente non si usano per qualsiasi altra espressione artistica con differenti statuti disciplinari. Io sono architetto e, come tu dici per la cucina, la mia disciplina impone una stretta relazione forma/funzione (in realtà solo in apparenza). Il fatto che ci si vincoli a questa interdipendenza fa dell’architettura una disciplina non artistica? Ti consiglio di di prendere conoscenza della Synthese des Arts Majeurs preconizzata da Le Corbusier, che sicuramente non faceva solo alto artigianato.

    5. appunto Fabrizio, personalmente amo molto l’architettura, non tanto Le Courbusier ma più Mies van der rohe, o Koolhass, o Niermeyer… Ma appunto non penso (in ottima compagnia peraltro) che l’architettura sia un’Arte, ma appunto arte applicata… Non è un fatto di importanza ma di linguaggi appunto
      ciao A

    6. Avatar Fabrizio Foti ha detto:

      Caro Giovanni,
      allora non sei coerente e hai le idee un po’ confuse.
      Se l’architettura non è arte, Ronchamp di Le Corbusier che cos’è?

      Le Corbusier diceva che nulla è trasmissibile se non il pensiero. Questo è quel che condivido quando guardo un dipinto di Masaccio, di Caravaggio, di Goya o di Sironi, oppure quando vedo una scultura di Donatello, Bernini o Brancusi, o quando mi trovo davandi al Dripping di Marchesi. Ed è la stessa idea che rilevo quando entro a Sant’Andrea a Mantova dell’Alberti, nel chiostro del Bramante a Roma, o nella cappella di notre dame du haut di Le Corbusier o il padiglione di mies a Barcellona. Hai mai sentito parlare del Padiglione Philips all’expo di Bruxelles (Le Corbusier, Xenakis, Edgar Varese), dagli un’occhiata e dimmi se quella non è arte.

    7. Avatar Fabrizio Foti ha detto:

      e comunque 88 al Duomo di Ibla fa venire l’orticaria!!!

    8. Avatar provace ha detto:

      Caro Amico, condivido. Ma in Campania siamo oltre l’orticaria. Tutti fermi, o quasi, tranne :
      Relais Blue (83/87) +4!!!!!
      Il Mosaico ( 81/86 ) + 5 !!!!!!!
      Questi sono miracoli, altro che San Gennaro o antistaminici!!!! Qui i santi sono ben altri!!!! Scommetto sulle tre forchette nel 2012!!!

  9. Avatar Antonio Scuteri ha detto:

    Comunque, Alessandro, tu predichi bene e razzoli male. 😀
    Ogni volta che inizia il solito annosissimo e abusatissimo discorso su arte-artigianato, tu puntualmente fai un primo intervento del tenore “che barba che noia” (e fin qui sono con te). Ma poi, altrettanto puntualmente, inizi a sparare interventi a raffica sul tema che avevi dichiarato di aborrire 😀

    1. Avatar Alessandro Bocchetti ha detto:

      Antonio, hai ragione è solo che la dialettica me frega sempre!
      Solo un’ultima cosa MAI detto che la cucina sia SOLO nutrimento, ma anche 😉
      Ora mi taccio che inizia la cena, e che cena…
      Ciao A

  10. Avatar Arturo ha detto:

    Il fatto che voi rispondiate al Lagnese, è grave.
    Non sapete chi è? Informatevi allora e poi smettete di dargli corda