Come forse saprete, qualche giorno fa L’Espresso ha presentato le guide 2011 dei vini e dei ristoranti.

Nell’attesa di trovare la prima ci siamo comprati l’altra, e sfogliando avidamente le pagine di Milano abbiamo letto con vivo interesse la recensione del risto L’Unico Restaurant, ultimo piano del Grattacielo WJC, Portello nord, Viale Achille Papa 30.

Eccola.

All’ultimo piano del grattacielo world join center, nella nuova area della Fiera Milano City, c’è il nuovo ristorante dello chef Fabio Baldassarre, chiamato a confrontarsi con la piazza di Milano dopo i successi romani (L’altro Mastai)“.

Avvinti dalla sfida dello chef Baldassarre, decidiamo di andare a L’Unico Restaurant, e in men che non si dica siamo al cospetto del Grattacielo WJC, in Viale Achille Papa 30. Ci avviciniamo alla segnaletica e leggiamo. Uhm, de L’Unico Restaurant non c’è traccia.

Guardiamo meglio. Allora, WJC Congress, WJC Square, Lino’s Coffe, Banca Popolare di Lodi, Enervit, Panino Giusto, Zangara, Greco Prezioso, Giampiero Fiorini, Banca del Verde. Okay, e L’Unico Restaurant?

E l’ultimo piano del grattacielo?
E il nuovo ristorante dello chef Fabio Baldassarre con tutto il confronto?

Niente, non c’è traccia. Al momento il grattacielo è pressochè disabitato, ci sono due o tre attività commerciali al primo piano, per il resto solo uffici. L’ascensore funziona solo con il badge quindi non possiamo salire all’ultimo piano.

Su Google Maps troviamo un numero di cellulare, chiamiamo. Risponde lo chef Fabio Baldassarre, BINGO!

Non hanno ancora aperto, se tutto va bene, lo faranno a metà dicembre. Metà dicembre? Tra due mesi praticamente!

Ma… allora… L’Espresso ha messo nella sua guida un ristorante chiuso?

Capisco l’ansia da prestazione, il timore di bruciarsi un anno intero, però non si può segnalare, seppur senza voto, un posto che aprirà tra mesi.

Ci lamentiamo del fatto che le guide sono lente a scoprire le novità, che arrivano sempre in ritardo.

Ma che ritardo, la guida de L’Espresso arriva IN ANTICIPO.

[Fonti: Unico Restaurant, Google Maps]

commenti (61)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. Stiamo parlando di una guida. Se il “c’è” della scheda vuole indirizzare un -per esempio- viaggiatore di passaggio a Milano che ha comprato la guida e la spulcia per trovare un buon suggerimento per andare a mangiare a fine ottobre 2010, allora l’informazione non solo non è corretta, ma fuorviante: fa perdere tempo e inca**are.

      Nell’immediato, ha la stessa utilità di un’eventuale scheda di questo tipo:
      “A piano terra di via del Governo Vecchio, in pieno centro capitolino, c’è il vecchio ristorante dello chef Fabio Baldassarre, chiamato ora a confrontarsi con la piazza di Milano all’ultimo piano del grattacielo world join center.” 😎

    2. Massimo Bernardi Massimo Bernardi ha detto:

      Luigi, mi spiace ma il tuo è un commento sciocco. Che profuma di casta, cosa che quella dei guidaioli è a tutti gli effetti. Qui non è richiesto essere dalla parte di qualcuno. Si discute sull’opportunità di pubblicare la segnalazione di un locale ancora chiuso. Punto.

  1. Avatar enzo pietrantonio ha detto:

    Io sono a Milano per vacanza, per lavoro o per andare a vedermi una partita a San Siro. Sono uno dei tanti viaggiatori che quando vanno fuori sono soliti portarsi in auto (o in valigia) una Guida dei Ristoranti. In genere danno buone dritte, sono mediamente ben fatte e bla bla bla…
    Quest’anno ho comprato quella dell’Espresso e, durante la consultazione pre-cena, leggo che all’ultimo piano del world join center c’è (è un presente indicativo, porcaccia miseria!) il nuovo ristorante di Fabio Baldassarre.
    Decido di andarci. E quando arrivo al world join center scopro che il ristorante non c’è. Aprirà probabilmente a metà dicembre.
    Suvvia signori, c’è davvero qualcuno che crede che tutto ciò sia normale ?!?!?!?!?!!?
    Figura di m. o meno come minimo chi ha scritto quelle 4 parole fa confusione con i tempi dei verbi. Se scrivo “c’è” indico il presente. E quel ristorante DEVE esserci.
    Punto.

  2. Avatar francesco ha detto:

    C’è qualcuno, fra tutti quelli che hanno commentato il post, che, leggendo quella annotazione (che di annotazione, e non di recensione, si tratta), abbia pensato che il ristorante sia già aperto ? si è mai vista sulla guida de L’Espresso un’annotazione simile ? c’è qualche essere pensante che possa immaginare che Vizzari abbia recensito il nuovo ristorante di Baldassarre (mi pare un ex 16, o addirittura 16,5) dicendo “all’ultimo piano ecc ecc…”) ? spero siano domande retoriche

  3. Massimo
    “sto dalla parte di Vizzari” non significa che c’è una casta (?), significa solo che in questo caso concordo con Lui. In altri casi, esempio il giudicare un ristorante dal solo piatto, tanto per dirne una, non sono d’ accordo, ma non contesto assolutamente, fà parte della pluralità di voci che è bene ci siano in un settore come il nostro
    Quanto al caso in esame, secondo me, pur essendo ovvio che in questi casi il web ha la forza della comunicazione in tempo reale dalla sua parte, non vedo perchè negare ad una guida il diritto di anticipazioni e informazioni su:
    nuovi ristoranti che si apriranno,
    cambio di sede o di gestione,
    avvicendamento di uno chef
    ecc…
    tutte cose che se si sanno per tempo si possono (per me si devono) utilizzare, sempre con l’ avvertenza che non è detto che accadano, ma il lettore è informato
    Io la penso così, ma con questo non dico che deve essere un comandamento. Come nel caso della valutazione di un ristorante ci possono essere (meno male) criteri e approcci differenti nell’ impostazione. Ben vengano. Poi il lettore , tra più alternative, sarà libero di inviduare quella più aderente al suo spirito

  4. Avatar pelo nell'uovo ha detto:

    minchia figura di merda signor vizzari ne combini una dietro l’altra..ahahahahahahah

  5. Avatar matteo ha detto:

    Vi siete accorti che a Pavia il miglior ristorante è il Bistrot Bartolini, trasferitosi da un pezzo con il suo chef!
    Saluti.

    1. Avatar Antonio Scuteri ha detto:

      Questo già mi sembra più bizzarro
      Noto che anche il Gambero mantiene il Bistrot Bartolini nella nuova edizione, scrivendo che lo chef omonimo è presente un giorno a settimana. Avrà mantenuto una consulenza?

    2. Avatar matteo ha detto:

      Sul sito sembra da tutta altra parte……

    3. Avatar Antonio Scuteri ha detto:

      Ma infatti è a Cavenago di Brianza da qualche mese, e la nuova sede è recensita sia da Gambero che Espresso. Per questo mi chiedevo se ha mantenuto una consulenza a Pavia, pur senza essere fisicamente presente
      Se così non fosse il caso sarebbe davvero bizzarro

    4. Avatar no, ha chiuso ha detto:

      svolta in cucina nella guida Espresso

      Pavia, 8 ott – Dalla Guida presentata ieri scompaiono ben nove ristoranti pavesi […] la crisi Enrico Bartolini l’ha pagata e ha chiuso i suoi due ristoranti: «la cultura di uscire a cena dei pavesi è rivolta a un tipo di cucina diversa da quella che faccio io – ammette -, io curavo dettagli che ai pavesi non interessano. Forse il prezzo era troppo alto per loro. Noto però è che a Pavia c’è una certa depressione dal punto di vista della cultura gastronomica». […] Il Bistrot Bartolini promosso come miglior ristorante di Pavia è ormai chiuso, da lunedì prenderà infatti il suo posto un nuovo locale di cucina del territorio.

      Linda Lucini, completo sulla provinciapavese.it (gruppo editoriale l’Espresso)

    5. Avatar paolo ha detto:

      il problema nasce dal fatto di “chiudere” la guida a giugno…

  6. Il problema sta tutti nell’uso dei tempi e modi verbali. Il ristorante non “c’e'”, come invece scrive la guida. Ci sara’, ma non c’e’. E il fatto che sia solo una segnalazione non cambia assolutamente nulla.

    Bastava scrivere, come hanno gia’ detto alcuni, che “dovrebbe aprire a meta’ dicembre…”. Si e’ scelto invece, consapevolmente, di mentire al lettore della guida. Non ci sono vie di mezzo.

    Che poi sia meno grave dell’altro caso del ristorante bruciato non c’e’ dubbio. Ma meno grave non vuol dire “non grave”. Un calcio in culo fa meno mela di un picchio nei denti, ma non e’ che faccia bene.

  7. Avatar luca pettinari ha detto:

    Beh come capita ogni anno con le segnalazioni delle guide e i loro fanta ristoranti con schede di ristoranti o chiusi o con cambio dello chef e non segnalati, rendendole poco credibili.
    Anche il ristorante all ultimo piano dell Hotel Romeo di Napoli e’ chiuso da un po’ di tempo, ma noto che la guida dell espresso lo segnala con un ottimo punteggio, e come dice il commento di sopra, questo significa mentire il consumatore per cui trarre in inganno chi compra la guida.
    Assolutamente assurdo