Frijenno Magnanno: la nota pizzeria di Milano chiusa per camorra

È possibile che la lunga serie di aperture milanesi, dove dal 2015 le pizzerie sono più che raddoppiate –scrivono oggi i giornali– l’abbia messa un po’ in ombra.

Ma Frijenno Magnanno, aperta da oltre 20 anni in via Benedetto Marcello 93, tra Buenos Aires e la Stazione centrale, resta una delle pizzerie più note di Milano.

Oggi, tuttavia, il prefetto Renato Saccone ha chiesto al Comune di ritirare la licenza della pizzeria a causa dei presunti rapporti tra il marito della titolare e il clan Guida, nonostante l’avvocato della famiglia neghi gli addebiti.

[Quanti ristoranti ha in mano la mafia in Italia? Almeno 5mila] 

[Per ora i ristoranti spagnoli “La Mafia” devono cambiare nome]

[L’ombra della ‘ndrangheta dietro Unico Milano]

È di qualche giorno fa il secondo stop in pochi mesi per il ristorante Unico, sulla Wjc tower di via Achille Papa 30 in zona Portello. Il motivo, in questo caso, è il legame con la ’ndrangheta, in particolare il presunto rapporto di uno dei soci con la cosca calabrese Piromalli.

Il contrasto della Direzione investigativa antimafia a quella che sembra una riedizione della pizza connection in salsa milanese è appena iniziato, ha fatto sapere il prefetto. Sul cui tavolo, negli ultimi giorni, sarebbero arrivate oltre 50 richieste di sospensione della licenza.

[Crediti | La Stampa]

Avatar Anna Silveri

11 Febbraio 2019

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Orval87 ha detto:

    E chissà quante ce ne sono in tutta Italia. Il più delle volte basta guardare le facce che girano all’interno comunque.