Cos’hanno chiesto i ragazzi usciti dalla grotta? Riso con basilico e pollo fritto

Da giorni seguiamo con ansia le vicende dei 12 baby calciatori intrappolati con il loro allenatore in una grotta in Thailandia, tra buio, freddo, acqua e condizioni estreme.

Ma intanto le operazioni di soccorso procedono febbrili, da poco è stato portato in salvo l’ottavo ragazzino. E nonostante quanto sopportato negli ultimi giorni, i piccoli “cinghialotti” –questo il nome della loro squadra– non hanno perso del tutto il buonumore.

Soprattutto, non hanno perso l’appetito.

Per quanto ancora in isolamento in ospedale, pare che i giovani calciatori abbiano espresso il desiderio di mangiare al più presto il “pad ka prao”, che in Thailandia è un po’ come il pollo arrosto qui in Italia, ovvero una sorta di piatto nazionale.

[Non aprite quella bocca: 20 stranezze da mangiare una volta nella vita, se ne avete il coraggio]

Si tratta di straccetti di pollo, ma anche maiale o manzo, saltati con aglio, curry, zucchero, salsa di soia, peperoncino e basilico “sacro” thailandese, detto anche “Tulsi”, una varietà di basilico diffusa in Asia, venerato come sacro in India e dal sapore piacevolmente agrumato.

Il Pad Kra Pao, servito con il riso e molto piccante, è un piatto popolare che si trova spesso nei mercati e nelle bancarelle sparse un po’ ovunque nelle strade della Thailandia, in particolare della capitale, Bangkok.

Una ricetta molto saporita: non c’è da stupirsi che i “cinghialotti” ne abbiano sentito la mancanza.

PAD KRA PAO (ricetta thailandese)

Ingredienti per 2 persone:

– 250 gr di petto di pollo (o straccetti di manzo o di maiale)
– 2 spicchi d’aglio
– 4 peperoncini freschi rossi
– 1 cucchiaio di salsa di ostriche (oyster sauce) o di soia
– 1 cucchiaio di salsa di soia
– 1 cucchiaino di zucchero
– alcune foglie di basilico sacro (holy basil) thailandese, o Tulsi (i cui semi si trovano in vendita anche su Amazon) o, in mancanza, basilico nostrano
– 2 uova
– 120 gr di riso basmati
– qb olio extra vergine di oliva

Preparazione:

Fate bollire il riso in acqua salata per 10 minuti, poi scolate e tenete da parte.

Intanto, tagliate il petto di pollo a dadini, poi triturate grossolanamente i peperoncini. Lavate il basilico e asciugatelo.

Cuocete l’uovo in un tegamino, poi tenete da parte.

Fate soffriggere in una padella, meglio se un wok, l’aglio con i peperoncini triturati per circa un minuto, poi unite i pezzetti di pollo e fate cuocere per circa 5 minuti, aggiungendo qualche cucchiaio d’acqua calda se necessario.

Unite lo zucchero, la salsa di ostriche e quella di soia. Fate cuocere, mescolando, per un altro minuto circa, e infine aggiungete le foglie di basilico e il peperoncino. Togliete dal fuoco e servite in una ciotola con con il riso e l’uovo.

[Crediti | Corriere]

Cinzia Alfè Cinzia Alfè

10 luglio 2018

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento

«