carlo petrini

ultimi post

Bullipedia: perché è necessaria, oggi, l’enciclopedia di Ferran Adrià

“Il 50% delle piccole e medie imprese in Europa e in America durano 5 anni, il 22% di esse solo due anni. Uno dei grandi problemi economici che ha il mondo occidentale è la cattiva gestione delle aziende”: ha parlato così Ferran Adrià, durante l’ultimo incontro a tema “Food for Change”, slogan del Salone del ...

0 commenti

Expo 2015: McDonald’s umilia Slow Food

Sedetevi e respirate profondamente prima di continuare. Ora leggete parola per parola la parte più sprezzante della risposta con cui ieri sera McDonald’s ha umiliato Slow Food, e rispedito al mittente le critiche del fondatore Carlin Petrini. “Noi siamo soddisfatti e orgogliosi di servire in Expo 6000 pasti giornalieri di qualità e a un prezzo accessibile, ...

0 commenti

L’Università di Scienze Gastronomiche compie 10 anni: è “chelfie”

Malgrado la retta smisurata, la giornata tipo all’Università di Pollenzo non è come quella che il medio studente ha vissuto ieri. Bella forza, il decennale dell’ateneo di Scienze Gastronomiche non si festeggia tutti i giorni. Tra mercati, Eat-In (se lo dite al Giornale vi beccate una filippica sulla sinistra radical chic) concerti e la pompa ...

0 commenti

Vince Nino, perde Cinzia: i programmi, le idee, la sfida ai vertici di Slow Food

Per la prima volta, nominati alla Presidenza Slow Italia quest’anno c’erano due candidati. Dopo una lunga reggenza plebiscitaria marchiata Carlo Petrini e il doppio mandato del successore nominato Roberto Burdese, al Congresso Nazionale di Riva del Garda (TN) 771 delegati regionali riuniti in conclave hanno eletto Gaetano Pascale, “Nino”, agronomo telesino – Telese è in ...

0 commenti

Non sono persone pallose e snob, è per dire questo che Slow Food è andata a Masterchef

Giovedì scorso, chi conosce Slow Food, l’Italia della gastronomia e il potere della televisione avrà assistito con un filo di sgomento alla puntata di Masterchef. Lo scontro non era tra concorrenti ma tra sacro e profano, alto e basso, nicchia e massa, presidi e industria. Roba da farsi male. E infatti abbiamo finito leccandoci le ferite La ...

0 commenti

Manifesto contro i mulini a vento: due o tre cose che so di Slow Food

Per qualche motivo e in qualche modo, mi trovai a studiare Scienze Gastronomiche. Ci veniva insegnato che il cibo è una cosa essenziale, che unisce tutti; ché tutti devono mangiare e il cibo li riguarda. Ci spiegarono che, riguardando tutti e molto da vicino (senza mangiare, non si campa!), il cibo poteva essere una leva ...

0 commenti

Slow Food lancia le sue proposte per le prossime elezioni

Slow Food, l’associazione eco-gastronomica fondata da Carlo Petrini, ha reso pubblica una nota in cui propone una lista di temi su cui, a suo avviso, tutti i politici dovrebbero confrontarsi in vista delle prossime elezioni politiche del 24-25 febbraio. “Non un’agenda, non un programma elettorale, non un sostegno a questo o a quel partito, ma ...

0 commenti

Cosa ci fanno Carlo Petrini e Oscar Farinetti alle primarie di Matteo Renzi?

Tanto per capirci: questo è un post dichiaratamente di parte. La mia parte. Tessera Slow Food appena maggiorenne, quando sento la parola rottamare avverto un principio di orticaria. Non voglio annoiarvi con le ragioni delle mie scelte, ma la premessa era necessaria. Da ieri e fino a sabato alla Leopolda di Firenze si svolge “Viva ...

0 commenti

“Mentre un cuneese (Farinetti) apre Eataly Roma, un altro (Briatore) chiude il Billionaire. Non so per cosa essere più felice”

— Oscar Farinetti è di Novello, provincia di Cuneo. — Flavio Briatore è di Verzuolo, provincia di Cuneo. — Oscar Farinetti sta per aprire Eataly Roma. Roba da ricchi, senza esagerare. — Flavio Briatore sta per chiudere il Billionaire a Porto Cervo. Roba da ricchi. — Il lusso perbene. — Il lusso permale. — Al ...

0 commenti

Caro amico ti scrivo: Roberto Burdese invita i lettori di Dissapore allo Slow Food Day 2012

Con quest’aria pesante che c’è in giro, è proprio il caso di trovare una buona scusa per festeggiare qualcosa. Festeggiare per praticare convivialità, per riflettere insieme e reagire, per regalarci un po’ di benessere. Noi ci siamo inventati lo Slow Food Day e voi, cari lettori di Dissapore, siete tutti invitati. In realtà l’idea nasce ...

0 commenti