cucina molecolare

La cucina molecolare, anche chiamata cucina emozionale o modernistica, incentrata più sulle trasformazioni chimiche e fisiche che avvengono negli alimenti durante la loro preparazione, per trasformare la cucina da disciplina empirica ad una vera scienza. L'inventore di questa disciplina è il Nobel Pierre Gilles De Gennes, che ha elaborato una vera e propria "teoria della pietanza" da cui ha poi preso vita la cucina molecolare, alla base di questa disciplina c'è la volontà di destrutturalizzare il senso del gusto, la temperatura e la consistenza dei piatti e conferirgliene uno nuovo senza ulteriori additivi. I cultori sono molti, tra i più famosi ad aver abbracciato questa filosofia di cucina troviamo lo spagnolo Ferran Adrià, mentre per quanto riguarda l'Italia, lo scienziato di maggior spicco è Davide Cassi insieme allo chef Ettore Bocchia. Il cardine su cui si basa la cucina molecola è quello della revisione dei metoi classici di cottura per creare sapori nuovi e migliorare i piatti dal punto di vista gastronomico e soprattutto nutrizionale. La cottura dei piatti è spesso fatta senza fiamma, troviamo uova cotte a freddo, gelati preparati con l'utilizzo dell'azoto, frittura nello zucchero e l'utilizzo del vuoto spinto, che nella fisica è l'assenza di materia in un volume di spazio, per la preparazione di mousse e meringhe.

Ingredienti

Per potersi approcciare a questa tipologia di cucina sono necessarie apparecchiature specifiche e ingredienti apposti, tra questi troviamo:
  • anidride carbonica: utilizzata per realizzare spume tramite un sifone
  • Lecitina: viene aggiunta ai liquidi come emulsionante e antiaderente
  • Azoto liquido: per il congelamento e l'abbattimento di temperatura
  • Maltodestrine: per la trasformazione di un liquido ad alto contenuto di grassi in una polvere
  • Edulcoranti: per la sostituzione dello zucchero
  • Idrocolloidi: come l'amido, la pectina e le gomme naturali come l'agar, utilizzati come addensanti, gelificanti, emulsionanti e stabilizzanti
  • Transglutaminasi: un legante delle proteine, chiamato anche colla a base di carne
  • Scoprite con Dissapore come realizzare in casa le pietanze della cucina molecolare, quali sono i migliori ristoranti in Italia che propongono questo tipo di piatti e tutte le curiosità in ambito gastronomico.

    Primo Piano •

    5 alle 8: strilli quotidiani

    1. Nel tempo libero la popstar Jesse McCartney fa la mozzarella con le sue mani. [Joanne Kaufman/New York Times] 2. Alain Ducasse, uno dei cuochi più famosi del mondo, riaccende la polemica sulla cucina molecolare: “Noi cuochi non siamo chimici. La chimica non ci interessa, la lasciamo agli spagnoli.” [Gigi Padovani/Dolce la vita] 3. Cinque […]... CONTINUA

    Primo Piano •

    Qual è la vostra canzone preferita che parla di cibo?

    Dicono gli inglesi che Amuse Bouche, dichiarazione d’amore per la gastronomia molecolare sotto forma di canzone, abbia troppo qualcosa di Ferran Adrià. A loro sembra quasi che questo duo di New York, gli Fischerspooner, sappia cosa significa sedersi eccitati a un tavolo di El Bulli, sorseggiando cocktail di prosciutto e melone. Noi, modestamente, facciamo notare […]... CONTINUA

    Primo Piano •

    Ferran Adrià e la cucina molecolare: le domande che Fabio Fazio non ha fatto

    È uscito pochi giorni fa in Francia un libro che sta scatenando polemiche feroci sulla Cucina Molecolare e sul suo vate, lo chef Ferran Adrià. Il libro in questione si intitola “No quiero volver al restaurante!” ed il suo discusso autore è Jörg Zipprick, giornalista enogastronomico, collaboratore di numerose riviste del settore. L’inchiesta di Zipprick […]... CONTINUA