facebook

ultimi post

E’ un’Italia (a Tavola) davvero piccola

Un lettore ci scrive per dire la sua sul Premio Italia a Tavola. Sondaggio? Gara? Competizione? Nel mese di dicembre, con martellante seguito nel nuovo anno, sono stato inondato di messaggi su Facebook, per mail e in ogniddove. Alla faccia della privacy! Dicevano tutti: Vota Scarello… Vota Scarello, è lui il personaggio dell’anno. Personaggio dell’anno? ...

0 commenti

Chiari segnali di tensione a Terzigno

Quali orribili mostri nasconde il sottosuolo di Terzigno? Quali immondi e inconfessabili veleni hanno ridotto un limone in queste condizioni? Nessun laboratorio di analisi al momento è in grado di spiegarlo, e questo non è l’unico orrore partorito da una terra infamata dagli sversamenti abusivi della camorra.

0 commenti

Gastrofanatici | 10 cose che dicono di noi le foto del profilo di Facebook

Per un gastrofanatico è una questione terribilmente seria scegliere la foto del profilo di Facebook. Dipende da quella, l’idea che si farà di noi il vecchio compagno di liceo, l’ex geloso/a, oppure Oscar Farinetti in cerca di nuovo personale per Eataly. Ecco perché Dissapore ha radunato 10 scelte fuorvianti che facciamo quando optiamo per un’immagine. ...

0 commenti

Ego section | Sapere cosa succede a Dissapore una volta per tutte

Vecchi e nuovi collaboratori in un viavai frenetico, blog che escono entrano (e ritornano), un settembre super trafficato, raduni bloggaroli, inviti di cui andare fieri. Negli ultimi giorni il Q[uartier] G[enerale] di Dissapore è diventato il set di un perfetto melodramma. Cosa succede precisamente? Parliamone un momento.

0 commenti

E’ importante come i ristoranti comunicano su Internet?

Ce lo siamo chiesto ennemila volte, è importante come i ristoranti comunicano online? Di solito, le risposte sono due, una per ogni scuola di pensiero: 1) Certo che lo è, c’è ancora gente che prenota nel ristorante sconosciuto senza prima dare un’occhiata al sito? 2) Veramente il mio ristorante non è su internet (esempio: il ...

0 commenti

Chiude Luini a Milano. O della gastroviralità

A Valerio M.Visintin invidio di sana invidia ben due cose: la prima è l’iniziale puntata tra il nome e il cognome, la seconda è che fa il mestiere che vorreimanonposso fare io. Con il consueto tocco ha ripreso una delle leggende metropolitane che nascono ogni giorno in rete scrivendo un pezzo a scatole cinesi: una ...

0 commenti

Esti Quatsi, Biguatsi

Io, Beppe Bigazzi l’ho sentito parlare due volte. E posso dirmi immune, velogiuro, dal rischio di provare innata attrazione per l’uomo che ha la simpatia di una cartella esattoriale. Evabè, la fortuna il Padreterno mica l’ha distribuita a pioggia. Come l’intelligenza. Contuttociò, il Nostro ha raccontato a modo suo—cioè insopportabile—una cosa che sanno anche i ...

0 commenti

Lo sfoglino a domicilio e altre idee scaccia-crisi

Regole di vita moderna. La crisi si batte rinunciando, tagliando contenendo. Capisco, ma non ci sarebbe un piano B? Allora, vediamo… okay, ripartire inventare, imparare. Volete un esempio? Lo sfoglino a domicilio. G-L-O-R-I-O-S-O. Quando ho visto su Facebook lo sfoglino a domicilio ho finito per credere a un Essere Supremo. Graziano Zanacchini offre attraverso Facebook ...

0 commenti

Anche i geek mangiano

Del vertice che ha permesso a Facebook, il “supermercato dei social network”, di comprarsi friendfeed, il “negozio di delikatessen” (il paragone social-distributivo è del giornalista di Repubblica, Vittorio Zambardino) per 50 milioni di $, dei quali 32,5 in azioni, mi hanno colpito 3 aspetti. La divisa fuori ordinanza dei contraenti, arbiter elegantiorum il fondatore di ...

0 commenti

Via l’olio dalla cacio e pepe

Si può vivere mettendo l’olio nella cacio e pepe? Certo, ma un mondo così, con il crudo nella carbonara al posto del guanciale, e magari l’aglio nell’Amatriciana, è un mondo da furbetti della ricettina: “Ce sò bboni tutti affà venì la cremina con l’ojo” (©). Così l’altro ieri, saputo che si aiuta con l’olio perfino ...

0 commenti