fotografie

ultimi post

Il meglio del 2014: le 50 fotografie più belle dell’anno, Rossella Neiadin edition

Parole, parole, parole (cit.). Ma quali parole se chi dovrebbe leggerle non riesce a concentrarsi per tre minuti su qualcosa, perché suona il cellulare, vibra l’altro cellulare, lampeggiano Facebook, Twitter e Instagram. Rassegnatevi. Sul web quelle che voi chiamate parole sono SOLO didascalie con il SOLO compito di circostanziare le fotografie soprastanti.   Ecco, le fotografie. ...

0 commenti

5 fotografie di cibo che non dimenticherete facilmente

Ma quanto ci piace fotografare il cibo! Tanto che viene quasi da chiedersi se la tavola sia apparecchiata con coltello, forchetta e smartphone, perché #food su Instagram conta il triplo di #cat, e ci siamo capiti. Il nostro appetito per le immagini è insaziabile, e ha talmente a che fare col desiderio, che tutti questi hamburger succulenti, ...

0 commenti

Regalo cumulativo per chi non c’era alla d-Fest

La scena seguita all’annuncio della d-Fest del 19 Marzo sembrava rubata al film Il Gladiatore, presente quando Russel Crowe comanda “al mio segnale scatenate l’inferno”? 200 posti bruciati in poche ore con l’inevitabile risultato che molti non sono potuti venire. Ma per noi un lettore che resta a casa equivale a un mal di denti, ...

0 commenti

Regali Golosi | Ci sono 2 parole per definire una persona spigolosa e di talento: Sigrid Verbert

C’è una ragazza carina e non italiana che vuole disperatamente essere parte di una cerchia di persone. Queste persone cucinano, fotografano, scrivono, alcune sono persone importanti come Donna Hay, ma non chiedete a me che non son pratico. La ragazza carina non vuole comandare il mondo, vuole che la sua esistenza in quel microcosmo venga ...

0 commenti

Eataly New York | Identità Golose minuto per minuto

L’ultima volta che abbiamo parlato di cucina italiana a New York — presentavamo l’episodio di Identità Golose ambientato a Eataly, tra la Quinta e la Broadway — alcuni commenti ci hanno detto che siamo degli ingenui. Leggendo noi sembrava che nella Mela atterrasse lo shuttle, invece, ai newyorkesi, di incontrare 11 tra i migliori chef ...

0 commenti

Proteine, latticini, vitamine e gusto. Tutto questo è street food

Ieri, noi e le nostre corna siamo andati al Festival Internazionale del Cibo di Strada di Cesena (con tutte quante le maiuscole). E ora, ripensandoci, c’è venuta voglia di predisporre lo scacchiere dello street-food regione per regione, con qualche sconfinamento esotico. Solo che è largamente incompleto. Allora, mentre sfogliate le splendide foto che Monica Assari ...

0 commenti

Cosa volete dalla recensione di un ristorante?

Alle 18 sei solo tu, il caffè, 3 neuroni superstiti: quando ti ricapita una situazione così privata per sbobinare i pensieri? Penso a cosa volete dalla recensione di un ristorante e magari controvoglia ma pensateci anche voi. Io sarò anche un esempio di fessaggine da entusiasmo ma leggendo Nicola, la rece che l’altro giorno ha fatto imbestialire i lettori ...

0 commenti

Le cose migliori e peggiori che ho visto a Identità Golose 2010

Sì, eravamo al congresso milanese invaso da Striscia la Notizia. Vero, i barbari hanno annientato lo chef Massimo Bottura, fino a quel momento dominante. Ma Identità Golose 2010, per fortuna, è stato anche altro. Volete scoprire cosa? Fatevi un giro per la galleria fotografica di Dissapore, assemblata con gli scatti d’autore di Maurizio Camagna (per ...

0 commenti

Una richiesta singolare. Quale foto vi mette voglia di mordere lo schermo?

Voi sì che sapete dare soddisfazioni a un padrone di casa, vero, cari i nostri piccoli lettori? Allora fate una cosa, diteci quali tra queste immagini vi mette voglia di mordere il piatto fotografato, e perché. Potete sceglierne una per il piatto classico, e una per il piatto diciamo così, creativo. Volete sapere per quale ...

0 commenti

Allora cari chef, i vostri piatti mangiateli voi

Ci avevano provato anche i servizi d’ordine ai concerti rock, chi li ricorda? Palpeggiamenti insistenti all’ingresso, sommati alla fila interminabile, al caro-biglietto, alle ore in piedi davanti al palco, all’acustica da vilipendio alla musica. Finchè ho smesso di andarci. Da una parte il divieto-di-tutto seppur sotto lo strozzo di un signor biglietto, dall’altra una fruizione ...

0 commenti

I paradossi di Rocco Iannone (questo post è senza foto per volontà dello chef)

Qualcosa non torna. Me lo ripeto ossessivamente lungo i 53 chilomentri della Napoli-Salerno che separano casa mia dal tavolo del ritorante “Pappacarbone” dove ho appena finito di pranzare con una madeleine calda. Tra le mani giro e rigiro un barattolo di marmellata. Più tardi vi spiego, ma ora, se permettete, torno al prima. Prima di ...

0 commenti