granita siciliana

Nivarata 2016 - Duomo Acireale

Cibo di strada •

Nivarata 2016: le migliori granite siciliane del Festival che non spicca il volo

Nivarata 2016: le migliori granite siciliane del Festival di Acireale. Classifica di una rassegna che non ha ancora deciso cosa vuol fare da grande, se restare locale o diventare internazionale... CONTINUA

Granita siciliana I Banchi

Cibo di strada •

Granita siciliana: 10 senza rivali

Secondo Ciccio Sultano, cuoco due stelle Michelin del Duomo di Ragusa Ibla, il più lontano avamposto di alta cucina in Italia, tutte le granite di frutta (es. fragole, gelsi) andrebbero fatte con 1 litro d’acqua, 800 grammi di polpa dolce di frutta, 150 grammi di succo di limone e una quantità di zucchero variabile dai 200 ai […]... CONTINUA

Granita al caffè

Cibo di strada •

Rimedi anticiclonici: le 25 migliori granite d’Italia

Le vacanze non sono vacanze senza granita. E al diavolo Caronte. Né liquida né eccessivamente monoblocco, la granita “alla siciliana” deve la sua meravigliosa consistenza al tradizionale mantecatore a bastone. Dalle neviere medievali ai primi pozzetti refrigerati dalla neve, antesignani dei moderni mantecatori, la Sicilia è da sempre terra di granite, miracolose nel combattere l’arsura […]... CONTINUA

Cibo di strada •

Dissapore e Rizzoli regalano “Cuoco per emozione” di Spyros

“Cuoco per emozione” è il libro di Spyros per gli afflitti dalla sindrome da “nel weekend divento cuoco”, donne e uomini che dopo 5 giorni di duro lavoro, aspettano il fine settimana unicamente per infilarsi un grembiule e cucinare. Strizzando l’ occhio a questa tribù, il fresco vincitore del primo Masterchef italiano, ha messo dentro […]... CONTINUA

Cibo di strada •

Slow Food Editore e Dissapore regalano “Cronache Golose”

Non è un Paese per vecchi? Carissimo Cormac McCarthy (autore del romanzo omonimo) ti dò una notizia: il nostro, intendo l’Italia, è senza dubbio un Paese per vecchi. Da noi più che altrove, non appartenere all’età cronologica della conoscenza (dai sessanta in su? ditemelo voi) è un difetto di fabbrica in ogni ambito socio culturale, […]... CONTINUA

Cibo di strada •

Mondadori e Dissapore regalano “A tavola con Francesca” di Francesca Barberini

Appena qualcuno comincia con la solita solfa su come la crisi renda il Paese a rischio default; appena citano recessione e crisi del debito, espressioni più stressogene di quanto sia diritto di qualunque espressione essere; appena parte uno di questi ritornelli speziati di lagna sulle docce fredde dello spread e rimpianti sulle crisi finanziarie precedenti, […]... CONTINUA

Cibo di strada •

Dissapore e Giunti Editore regalano “Verso la scelta vegetariana” di Umberto Veronesi

Oggi, mentre rileggevo rapito Sara Porro rallegrarsi per la pluralità di opinioni chez Dissapore sulle posizioni vegetariane/vegane/flessitariane/cruditariane/meletariane, usando frasi come al solito bufferrime del tipo: “La mia filosofia di riferimento non è basata sui presunti effetti positivi della dieta vegetariana o vegana, anche perché mi nutro prevalentemente di cioccomerdate”. Oggi, mentre collezionavo i contrasti apparentemente […]... CONTINUA

Cibo di strada •

Slow Food e Dissapore regalano “Farm City” di Novella Carpenter

Piccole porzioni di terra incolta tra macchine scassate, mucchi d’immondizia accatastati per strada e case scrostate dove convive un’umanità arruffata. A volte i quartieri delle città sono ghetti, strade senza uscita. Affascinata dall’idea dell’autosufficienza alimentare, Novella, la nuova abitante, ottiene da un appezzamento abbandonato, infestato dalle erbacce, prima un orto, poi una vera e propria […]... CONTINUA

Cibo di strada •

Slow Food Editore e Dissapore regalano “La pasta: 600 piatti della tradizione regionale”

Ho messo agli atti in tempi non sospetti che io sono drogato di pasta, mangerei sempre pasta, a pranzo pasta, a cena pasta, settegiornisusette pasta. Anche quando una lodevole Ong chiede: Scusa Mondo, qual è la cosa che preferisci mangiare, e diventa urgente dirsi in fretta il necessario, tutti rispondono PASTA! Per non parlare di […]... CONTINUA

Cibo di strada •

Giunti Editore e Dissapore regalano “Regali Golosi” di Sigrid Verbert

Dubbi. Devo ancora decidere se il titolista del secondo libro di Sigrid Verbert, la più foodblogger tra le foodblogger, sia un genio o lo stagista dell’ultimo minuto. Stavate bene anche senza certi amletismi di fine luglio, lo immagino, ma a cosa vi fa pensare “Regali Golosi”? Posso messaggiare o emailare quanto volete tanto la risposta […]... CONTINUA

Cibo di strada •

Aliberti e Dissapore regalano “Memoria a mozzichi” di Arcangelo Dandini

Se l’iscrivono al campionato delle più inarrivabili. mangiatoie di cucina romana. ever., non è che uno possa fare un plissé. Parlo di Arcangelo, il ristorante di Arcangelo Dandini nel cui menu figura un bizzarro capitolo: “la guerra al pepe“. Non c’era pepe nell’amatriciana originale, tantomeno nella gricia, per cui pepe zerovirgola anche oggi. La carbonara? […]... CONTINUA

Cibo di strada •

Dissapore e Blu Edizioni regalano Italia Buon Paese di Gigi Padovani

Quando è nata la ricetta del Martini Dry? Nel 1890. Qual è stata la prima rivista di cucina? Il Messaggero della cucina, anno 1903. Come si chiamava in origine il Bacio Perugina? Cazzotto. Ho aperto a caso una pagina di Italia Buonpaese (brossura, 224 pag. illustrato, 16 €) e un tir mi ha tamponato di […]... CONTINUA