menù

ultimi post

Golden Globes 2014: Paolo Sorrentino ha vinto, bevuto e mangiato, ecco il menu

A quest’ora sapete già che a Los Angeles è stata notte di Golden Globes, così come sapete che La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino si è aggiudicato il premio come miglior film straniero. E se i Golden Globes lanciano la volata agli Oscar… La premiazione si è svolta al Beverly Hilton Hotel, allestito come un vero ristorante, con ...

0 commenti

Da maipiùsenza a nonsenepuòpiù: 8 cose che leverei dai menu, 2013 edition

Se è vero quel che dice l’Associazione Italiana degli Editori, il 55% degli italiani al di sopra dei sei anni di età non legge neanche un libro all’anno. I quotidiani e le riviste non se la passano meglio; mi vien da pensare che le uniche pubblicazioni cartacee che ancora continuiamo a leggere siano i menu dei ...

0 commenti

Auspici per l’autunno: cose che se le levate dai menu, giuro, non ci offendiamo

Nelle stagioni di passaggio si fanno buoni propositi. Gratificata dalle evoluzioni della gastronomia salutista –verdure al vapore e tisane detox tutto il tempo– quest’estate sono riuscita a entrare nei mini-short che a Giugno parevano inabbordabili. Ma col cambio stagione imminente pregusto già, insieme a zuppe fumanti, vino rosso e dolci di frolla, il liberatorio maglione ...

0 commenti

L’oste in translation: non aprite quel menù, una storia vera

Non sapere parlare inglese, francese, spagnolo, tedesco o anche italiano non è una colpa per nessuno. Casomai Il peccato, piuttosto imperdonabile, è non sapere di non sapere una lingua. Per dire: è inutile aggiungere una S finale a ogni parola italiana se non sapete parlare lo spagnolo. E bastano pochi giorni di vacanza all’estero per ...

0 commenti

Cosa si mangiava sul Titanic? Menu all’asta per 160.000 dollari

Uova riempite di foie gras e zuppa di tartaruga: in occasione del pranzo inaugurale per la partenza del Titanic, un’esclusiva del Grand Central Hotel di Belfast, gli organizzatori non avevano badato a spese. Anche sul celebre transatlantico, almeno in prima classe, certo non ci si lamentava del vitto sfarzoso, con rum, champagne, formaggi francesi e ...

0 commenti

5 cose che i camerieri licenziati dal ristorante del Senato ci insegnano. E 5 che no

Ci insegnano 1. [breve inciso: quando i giornali parlano di contribuenti parlano di noi: tu, io, lui. Sempre meglio precisarlo. Fine breve inciso] Far spendere al contribuente 35.000 euro (35???) per un corso di perfezionamento “presso la prestigiosa scuola culinaria del Gambero Rosso”, è stato un salasso oltre che una pessima idea. Per chi cucinano ...

0 commenti

Presi per la gola: il menu della seduzione

Se vi dico “due palline di gelato perfettamente sistemate su ognuno dei capezzoli”, a cosa pensate? No, non la sto prendendo larga per parlare di seduzione. La seduzione c’entra, ma non so quanti maschi, perfino i più saldamente in quota etero tra voi, l’assocerebbero con i gusti al limite della parodia di Gordon Ramsay, irriverente ...

0 commenti

Dentro il Circolo Montecitorio, il club dei deputati

Il Circolo Montecitorio si trova all’Acqua Acetosa nel quartiere Parioli a Roma, una zona appartata sede di prestigiosi club sportivi. Non a caso l’indirizzo è Via dei Campi Sportivi, 5. Curiosamente, accedere al Circolo Montecitorio non costa molto: 22 euro al mese, ma aggiudica molti privilegi. Tra questi, il costo irrisorio del menu: primi piatti ...

0 commenti

Magna magna special edition | Il ristorante del Senato e della Camera

Il primo boccone lascia l’amaro in bocca, diversamente dal pranzo a 7 euro nel ristorante del Senato. Peggio dei costi della politica, in Italia, c’è solo l’informazione sui costi della politica. Volete un indizio? Ci siamo sbattuti per rendere noto che i senatori pagano lo spaghetto alle alici 1,60 euro, il carpaccio di filetto 2,76 ...

0 commenti

Brunetta: matrimonio gastrofanatico. Non farsene una ragione

Renato Brunetta, il ministro pocket che se gioca la cempions lig dei detestabili arriva in finale ma poi perde perché è detestabile, si è sposato a Ravello facendosi beffe dei precari che volevano rovinargli la festa. Però oggi non vogliamo parlarvi di quanto il ruolo di Brunetta sia un osservatorio privilegiato sull’aprire bocca e darle ...

0 commenti