regione lazio

Piadina alla nutella

Piccola notizia •

Anche una piadina con la Nutella: la grande abbuffata della casta

“La grande abbuffata”, titola La Stampa di oggi. E si potrebbe sottotitolare: l’anno in cui la casta ha mangiato a nostre spese (letteralmente). Lo spassoso riepilogo di un anno vissuto pericolosamente specie per i rimborsi elettorali gonfiati include anche l’ultimo capolavoro: il consigliere regionale Pd della Lombardia Carlo Spreafico si è fatto rimborsare 2,70 euro […]... CONTINUA

Vincenzo Maruccio

Piccola notizia •

Vincenzo Maruccio: le cene (politiche) non finiscono mai

Dagli spaghettini al caviale di Luigi Lusi, ex tesosriere della Margherita, fino all’orgia di ostriche e champagne che ha travolto Franco Fiorito, ex capogruppo Pdl alla Regione Lazio, le cene della malapolitica non finiscono mai. Non bastavano cozze pelose, bigné allo zabaione e aperitivi rinforzati, chissà quali altre delizie salteranno fuori ora che gli investigatori […]... CONTINUA

Renata Polverini, Ballarò

Piccola notizia •

Dossier Polverini: aragoste e champagne anche per Marrazzo

“Ostriche e champagne giravano pure con Marrazzo”. Così tuonò l’ex governatore Renata Polverini a Ballarò, appena dimessa dalla Regione Lazio. Ieri la trasmissione di RaiTre ha reso noto che la bella vita a spese del contribuente di Marrazzo & Co. è documentata da 207 ricevute e scontrini. Un conto a “La Rosetta”, dietro il Pantheon, […]... CONTINUA

pasqualino al colosseo, ristorante, roma

Piccola notizia •

Tutti i ristoranti che Franco Fiorito ha pagato con i nostri soldi

Attraverso una mai troppo lodata opera di rendicontazione dei conti del PdL Lazio, Franco Bechis, vicedirettore di Libero, rende noti oggi tutti i ristoranti che un altro Franco, il mastodontico Fiorito, ex capogruppo del partito nei guai per la gestione allegra di fondi pubblici, pagava con soldi nostri. Sono nell’ordine: il ristorante-enoteca L’Angolo del vino, […]... CONTINUA

festa, olympus, invito

Piccola notizia •

Feste, toga-party, e l’insopprimibile fame di Franco Fiorito detto “er Batman”

C’è stato un tempo in cui i politici corrotti erano una minoranza da commediaccia all’italiana. Poi essere corrotti, diventò cool. Venne il tempo del gruppo Pdl alla Regione Lazio. E furono loro, d’incanto, a considerare noi poveri babbei, ostacoli sormontabilissimi nel fluire degli sprechi: lusso sfrenato, arroganza, volgarità, corruzione. Filone florido nel quale s’inserisce Olympus, […]... CONTINUA

franco fiorito

Piccola notizia •

Intervista a Franco Fiorito: “perché dovrei dimettermi?”

Repubblica intervista Franco Fiorito, un metro e novanta per 170 chili, l’ex capogruppo Pdl finito nei guai per la gestione dei fondi del suo partito alla Regione Lazio. “Er Batman”, otto case e quattro conti all’estero si difende: “Sono stato io a far partire l’inchiesta, sto tirando fuori le carte, la verità apparirà diversa da […]... CONTINUA

ristorante, la foresta, rocca di papa, sala

Piccola notizia •

Nonsolopdl: guida ai ristoranti preferiti dal Pd del Lazio

Anche ai consiglieri Pd del Lazio piace la cucina casalinga, a quanto pare. Uno di loro, Carlo Ponzo, al ristorante La Foresta della natia Rocca di Papa (dove è stato sindaco per 10 anni) ha procacciato cene di partito per 18.270 euro. Anche il tesoriere del Pd laziale Mario Perilli, nativo di Monopoli Sabina, ha […]... CONTINUA

Franco Fiorito

Piccola notizia •

Festini, ostriche, Brunello e altri costosi motivi per amare Franco Fiorito detto “er Batman”

Ok, è tempo di outing. Lo confesso, a me Franco Fiorito detto “er Batman” esalta. Voglio dire, come si può non amare l’ex capogruppo Pdl finito nei guai per la gestione dei fondi del suo partito alla Regione Lazio? 41 anni da Anagni, ciociaro furbo, prepotente, spregiudicato, rigetta la banalità del male per impersonare tutto […]... CONTINUA

regione lazio, palazzo

Piccola notizia •

Ostriche e champagne per Fiorito e il Pdl: paga la Regione Lazio

I regalini per l’amante passino, il “noleggio del set di Roma antica” per un festino con tanto di donne (mezze) avvolte dai pepli ha del pittoresco. Ma incastrare dalle 80 alle 120 persone in un ristorante che dichiara (sul proprio sito) 40 coperti rivela un’ingegnosità demoniaca. Tanto pare siano riusciti a fare nel gruppo pidiellino […]... CONTINUA