leggi

Come usare il barbecue in un condominio e vivere felici

BBQ4All, sito sul barbecue curato da Gianfranco LoCascio, editor di Dissapore, con la collaborazione di Fabrizio Galliati, è da poco diventato un blog, se siete amanti del genere DOVETE vederlo.

Averci l’amatissimo barbecue nel condominio attizza l’erudito come pure il wannabe, spesso costretti a recedere dal brillante proposito nel timore di infragere la legge. Chiediamocelo ordunque: quali sono le leggi o i regolamenti cui far riferimento se coll’approcciarsi della bella stagione vogliamo mettere il bbq nel terrazzo di casa? Dopo inutili (eh, capita) e controverse ricerche sul web, ancora in preda al dubbio, abbiamo chiesto lumi ad un legale. Seguiteci.

UNA PREMESSA
Se vi state ponendo il problema siete sulla buona strada: normalmente l’appassionato di bbq è rispettoso della sensibilità altrui ed è conscio che, in casi particolari, potrebbe causare disagi al prossimo e chiede semplicemente di potersi divertire senza sentirsi disprezzato ed insultato o, peggio, denunciato. Ben diverso è il grigliatore folle che appicca fuochi improbabili e produce quantità di fumi tipo nebbia in Val Padana.

UNA CONSIDERAZIONE
Niente risposte secche sì/no semplicemente perché non è possibile, vi daremo invece tutte le info indispensabili affinchè abbiate chiari i termini della questione.

LA NORMA
Cominciamo col dire che la normativa in materia di utilizzo del barbecue si concentra sulla legittimità delle immissioni di fumo conseguenti all’accensione o alla cottura. Pertanto la norma fondamentale, in materia di immissioni nella proprietà del vicino, è l’articolo 844, I comma del codice civile. Che dice:

“Il proprietario di un fondo non può impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se non superano la normale tollerabilità, avuto anche riguardo alla condizione dei luoghi”.

A leggerla così la questione pare cristallina: le immissioni di fumo o di calore prodotte dall’utilizzo del barbecue, non possono essere impedite dal vicino di casa o dagli altri condomini, se non superano i limiti della normale tollerabilità!

Allora perché troviamo sentenze estremamente differenti se non addirittura opposte, tipo:

Giudice di pace di Torino Sez. II, con sentenza del 10/06/2010 dove i fumi vengono considerati deprimenti della qualità della vita e pertanto da bandire

“l’art. 844 del codice civile, in origine soprattutto orientato a tutelare le esigenze della produzione poste su un livello di importanza prevalente rispetto alla qualità della vita del privato, è progressivamente stato interpretato dalla giurisprudenza, anche della Suprema Corte, in senso contrario all’impostazione originaria che ne è risultata ribaltata privilegiando l’interesse della qualità della vita privata. I fumi e gli odori provenienti dal barbecue, vista la vicinanza e le immissioni che la cottura è in grado di sviluppare, sono in grado di provocare un “sensibile disturbo e disagio in un’abitazione privata e contribuiscono a deprimervi la qualità della vita”, rendendo quindi applicabile la fattispecie di cui all’art. 844 del codice civile”.

La Cassazione, con sentenza del 18 marzo 1992, n. 3204 dove semmai bisogna adottare quei meccanismi che consentono di mantenerli nella soglia di tollerabilità

“in tema di emissione di gas, vapori, fumi atti ad offendere, molestare o imbrattare i vicini, tali immissioni possono essere autorizzate soltanto entro i limiti della tollerabilità normale, e quindi previa adozione delle misure necessarie ad evitare il superamento ditali limiti o di quelli imposti da specifiche normative (regolamento condominiale)”.

Ma torniamo per un attimo al panorama legislativo e vediamo che oltre all’art.844, possono sussistere ulteriori norme contenute nei regolamenti comunali e condominiali che, per loro natura, hanno una maggiore specificità rispetto al codice civile (si applicano al singolo Comune ovvero al singolo condominio) e possono disciplinare i rapporti tra vicini, anche in modo più rigoroso rispetto alla normativa dei codici.

Sono legittimi? Sì e la cassazione non lascia spazio a molti dubbi, basta leggere le sentenze

Cassazione Civile, Sezione VI, sentenza del 18 gennaio 2011, n. 1064,

“le previsioni negoziali contenute nel regolamento condominiale, avente origine contrattuale, sono costitutive, per tutti i condomini, di un vincolo di natura reale assimilabile ad una servitù reciproca”

Cassazione, sentenza del 4 febbraio 1992 n. 1195,

“i condomini, con il regolamento di condominio, possono disciplinare i loro rapporti reciproci, in materia di immissioni di fumo, anche con norma più rigorosa di quella dettata dall’art. 844 del codice civile”.

Cassazione, sentenza del 7 gennaio 2004, n. 23,

“sono legittime le restrizioni alle facoltà inerenti alla proprietà esclusiva del singolo condomino contenute nel regolamento di condominio di natura contrattuale, purché formulate in modo espresso o comunque non equivoco – sì da non lasciare alcun margine d’incertezza sul contenuto e la portata delle relative disposizioni – le norme regolamentari possono imporre limitazioni al godimento degli immobili di proprietà esclusiva secondo criteri anche più rigorosi di quelli stabiliti, in tema di immissioni lecite, dall’art. 844 c.c. Ne consegue che in tal caso la liceità o meno dell’immissione deve essere determinata non sulla base della norma civilistica generale ma alla stregua del criterio di valutazione fissato dal regolamento”.

RICAPITOLANDO.
Da una parte il codice civile ci dice che un vicino non può impedirmi a priori di produrre fumo. Dall’altra mi obbliga a non esagerare al punto di dare fastidio.

Da un lato è assodata la validità di regolamenti comunali o condominiali più restrittivi della legge stessa, dall’altro le immissioni di fumo, non possono essere limitate entro parametri obiettivi.

A questro punto la chiave di lettura sta proprio nel concetto di superamento o meno dei limiti della normale tollerabilità! Peccato che se parliamo di rumore è facile, ci sono i decibel e non si scappa, ma i fumi come li misuriamo?

A dare un contenuto concreto al concetto di normale tollerabilità, ci pensa, di volta in volta, la valutazione discrezionale del giudice di pace. Di fatto abbiamo quindi un limite di tollerabilità al fumo definito dalla discrezionalità del giudice. Ad ulteriore rafforzamento del concetto la cassazione ha anche stabilito che non è nemmeno obbligatorio da parte del giudice ricorrere a perizie di sorta Cass. n.5215 del 09/5/95 e Cassazione 21 gennaio 1998, n. 739

“l’attitudine, rispettivamente, dei rumori a disturbare le occupazioni o il riposo delle persone e delle emissioni di gas, vapori o fumi a molestare persone non deve necessariamente essere accertata mediante perizia, ben potendo, al contrario, il giudice, secondo le regole generali, fondare il proprio convincimento al riguardo su elementi probatori di diversa natura quali, in particolare, le dichiarazioni testimoniali di coloro che siano in grado riferire caratteristiche ed effetti dei rumori e delle emissioni summenzionati, quando tali dichiarazioni non si risolvano nell’espressione di valutazioni meramente soggettive o di giudizi di natura tecnica, ma si limitino a riferire quanto oggettivamente percepito dai dichiaranti medesimi”

e che non è necessario aver provocato direttamente un danno in quanto basta l’attitudine stessa dei gas ad essere molesti Cass. pen., sez. VI, 11 aprile 1990, n. 5312

“Nell’ipotesi di emissione di gas, di vapori o fumi, non è necessario che l’emissione stessa provochi un effettivo nocumento, essendo invece sufficiente l’attitudine del gas, del vapore o del fumo, emesso ad offendere, imbrattare, molestare le persone”.

Insomma, ce n’è a sufficienza per scoraggiare qualunque appassionato dotato di senso civico! Potevamo però lasciarvi così senza nemmeno un suggerimento? Certo che no!

CONSIGLI GENERALI.
E’ scontato, banale e prevedibile, praticamente inutile, ma ve lo dico lo stesso: cercate di mantenere buoni rapporti con il vicinato e se proprio vi è toccato un vicino intollerante e attaccabrighe ricordatevi che il barbecue è una tecnica che può venirvi incontro non poco, usate la diligenza del buon padre di famiglia: non è opportuno affumicare il condominio ovvero il vicino, specialmente in estate quando le finestre sono aperte e i panni stesi.

Sistemate il barbecue in una zona del terrazzo/balcone che non permetta ai fumi di entrare nelle abitazioni dei vicini (fate sempre attenzione al vento). Solitamente non è mai il singolo episodio che scatena la miccia ma un prolungato disagio provocato dall’inosservanza delle più elementari regole dicomune convivenza. Meglio un brutto accordo che una buona sentenza!

Per i possessori di bbq a gas: il grande pregio di queste macchine è che per portarle in temperatura non si sprigiona il minimo fumo quindi via libera! Prestate attenzione alla cottura diretta preferendo le cotture indirette che vi permettono di eliminare il fumo e tenervi… l’arrosto con buona pace di tutti.

Per gli irriducibili carbonellari: in questo caso abbiamo la nota dolente dell’accensione della carbonella, (non prendo neanche in considerazione l’idea di fare delle braci di legna) che obbligatoriametne passa attraverso la produzione di fumo. Per limitarla al minimo occore il cesto accenditore abbinato ad un accenditore elettrico. Superato questo scoglio, come nel caso sopra, cucinate in cottura indiretta, sorprenderà voi e tutti i condomini

Mi sbaglierò ma credo che in questo modo, dopo che i vostri vicini avranno toccato con mano la totale compatibilita del barbecuing e dell’indirect grilling con la conivivanza comune non avranno nulla in contrario a tollerare qualche sconfinamento nel “fumoso” grilling.

Fabrizio Galliati

commenti (78)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Il mio caro vicino fa il barbecue anche d’inverno e quando piove per cui immaginatevi in questo periodo….non credo proprio che tenga conto del fatto che non vive in aperta campagna ma in un condominio in città… ma la vendetta la sto studiando da un bel pezzo..e prima o poi..

    1. beh se il tuo vicino è davvero un abituè del barbecue vuol dire che con tutte le sostanze cancerogene che si mangia potrebbe farsi la sorpresa da solo. 🙁
      un bel barbecue ogni tanto è una libidine ma il troppo, in questo caso, potrebbe uccidere.
      spiace dirlo ma è così!

    2. barbecue nasce con l’uomo dalla preistoia, non si hanno notizie di esseri vienti morti di cancro, è noto che il cancro lascia traccia nei tessuti nei secoli a venire, pare che dalle innumerevoli salme storiche esaminate non risulti traccia di cancro, ma solo dopo l’avvenuta trasformazioni di tutte sostanze presenti in natura dall’uomo,
      di cui l’uomo e tutta la natura non ha avuto il modo di adeguarsi così velocemente da tali cambiamenti.

    3. E’ verissimo quello che dice Giuseppe. Come dimostra l’assenza di cancro tra gli uomini primitivi, possiamo mangiare tutta la carne abbrustolita che vogliamo e non ci verrai mai il cancro. Naturalmente la regola vale solo se entro i 40 anni veniamo mangiati da quella tigre dai denti di sciabola che si aggira in garage.

    4. Vivi la vita,,,e una sola e lascia vivere…

    5. Digli di comprarsi il weber e addio fumi!!!!!!!!

    1. Certo!E i soldi crescono sugli alberi!

    2. E’ mica detto che te lo vendono volentieri!!!!
      Ciao
      LAMAX61°

    3. che idea illuminate. paghi tu? 🙂

    4. A volte alcuni ti intestano le case di nascosto non ricordi?

    5. oppure le vendono ai parenti delle morose per pochi euro. Ce n’è per tutti i gusti.Succede…succede!!! Il mondo è bello perchè è avariato.
      LAMAX61°

    6. se qualcuno volesse intestarmi una casa non mi offendo 🙂

    7. che idea illuminata! …..’azzarola!!!! Non perdi un colpo. Ciao e buon fine settimana.
      LAMAX61°

  2. Oddio. E’ sempre questione di buon vicinato.
    Intanto non distinguerei tra fumi e odori. Puoi cucinare a gas senza emettere fumi, ma l’odore di grasso bruciato è penetrante e può impregnare l’aria per ore e spesso risulta piu’ fastidioso del fumo in se. Specie d’estate, quando diventa “difficile” sprangare le finestre per cercare (inutilmente) di tenere l’odore all’esterno
    Poi, se si è tra buoni vicini, l’una tantum (diciamo, qualche volta al mese) non è la fine del mondo come fastidio (specie se, almeno ogni tanto, il barbecue diventa “condiviso” 🙂 ).
    Già se la pratica è quotidiana può diventare un filino piu’ pesante da sopportare (specie se sono i vicini del piano terra e non quelli dell’attico).
    Se invece NON si è di base in buoni rapporti, qualunque scusa è buona per litigare ..

    1. hai ragione. Il rompicoglioni lo trovi anche se hai il bbq spento. C’è gente che riesce a sentire odori e rumori anche quando non ci sono veramente; per contro ci sono persone che non si rendon conto che i fumi provocati da olio (ex marinata) combusto sono veramente fastidiosi. Grazie a Dio non ho di questi problemi.
      Con un po’ di misura, buonsenso ed educazione si riesce a viver meglio…….ma son sempre cose difficili da applicare.
      Ciao
      LAMAX61°

  3. nella nostra palazzina fortunatamente siamo tutti più o meno giovani e quindi in amicizia ed organizziamo bbq di massa, in cortile.
    così abbiamo risolto il problema !

    1. non dura. Diventerete vecchi. AUGURI.
      lamax61°

    2. pier ha detto:

      Il tuo commento è in attesa di moderazione.

      …io ho scoperto che spesso i giovani sono meno tolleranti degli anziani, e almeno da me l’unica persona figa e allegra è il vecchietto vicino…

    1. Ciao Miguel, la risposta è NI.
      Meglio quello a GAS che quello a carbonella, in generale risulta più importante la frequenza di volte che lo usi, perchè così dai fastidio meno volte ai tuoi vicini, ed importante anche se di solito lo usi per cuocere roba grassa che sprigiona più odori e fumi. Non c’è una regola precisa ma comunque se anche tu sei dipendente dal BBQ ed ancora lo devi acquistare è sicuramente meglio quello a Gas.
      Ciao

  4. Mamma mia quante chiacchere in questi commenti sul bbq.
    E’ cancerogeno,il fumo del grasso bruciato….per finire a comprarsi la casa del vicino!
    Nessuno ha mai pensato al vicino che si fuma sigaretta,sigaro o altro e la brezza della sera porta candidamente i suoi olezzosi fumi sotto il naso del vicino se non in casa?
    Quei fumi sono tollerati?
    Non sono cancerogeni?
    Perchè invece non si accendono un petardo e si fanno un bel tiro come si deve?
    Sarebbe una vera goduria incontrarlo sul pianerottolo con la faccia affumicata e con qualche dente di meno!!!!!!!!!!!!!
    E’ ora di finirla,ognuno di noi può recare fastidio al vicino,anche se il fastidio più grosso,è proprio lui.
    Che vada in rudere sperduto,spende poco e al massimo litiga solo con se stesso
    W LA BRACE,LA CICCIA E IL GUSTOSISSIMO GRASSO BRUCIATO!!!!!!!!

    1. Meraviglioso commento!!!
      Condivido pienamente. Sono un appassionato/esperto di barbecue e detesto il fumo di sigaretta. Uso un Kettle a carbonella e vivo in un condominio al primo di tre piani.
      Lo accendo con cesto accenditore, se ci sono panni stesi al piano di sopra chiedo il permesso e lo accendo 1 o 2 volte al mese. Mai avuto problemi! Ovviamente, soprattutto per il pollo, uso indirect grilling.

    2. Noi abbiamo un fantastico Weber a carbonella, lo usiamo un paio di volte al mese, siamo per fortuna all’ultimo piano e finora non si è mai lamentato nessuno. C’è da dire che grazie alla ciminiera l’accensione è rapidissima e anche la cottura son 10 minuti al massimo. Poi lo si copre e via, si spenge da solo pronto per una nuova avventura.

    3. AVETE MAI PROVATO IN ESTATE,AD ABITARE SOPRA UNO CHE SOTTO DI VOI SI ROSOLA UN MAIALETTO?LA CASA,LE TENDE,I DIVANI,SIMPREGNAGNO DI ODORE DI CARNE BRUCIATA CHE VA’ VIA SOLO DOPO QUALCHE GIORNO.PROVATE,ALLORA FORSE CAPIRETE CHE I “ROMPIBALLE”FORSE HANNO PIU’ DI UN DIRITTO DI STARE CON LE FINESTRE APERTE ..A LUGLIO.OLTR QUESTO POI(IO NON FUMO)SE ANCHE FUMASSE ,NON LO’ FA’ ACASA TUA,MA A CASA SUA,QUINDIIL SUO MODO DI VIVERE NON INFLUENZA QUELLO DEGLI ALTRI.CHI E’ APPASSIONATO DI BARBECUE DEVE RASSEGNARSI,VIVERE IN UN CONDOMINIO NON E’ COME VIVERE IN UNA CASCINA PER I FATTI PROPRI.SE NON SI SOPPORTANO LE ESIGENZE DEGLI ALTRI COMPRATE UNA CASA IN CAMPAGNA,LI’ SARETE SICURI CHE NESSUNO VI DISTIRBERA’ OPPURE………OPURE CON UN PO’DI BUONA EDUCAZIONE SI CERCA UN ACCORDO CON I PROPRI VICINI IN MANIERA EDUCATA E CIVILE,E SI PUO’ FINIRE A FARE LA GRIGLIATA TUTTI INSIEME.IL RISPETTO VERSO GLI ALTRI E’ LA COSA MIGLIORE PER RISOLVERE QUESTE QUESTIONI.BUON APPETITO

    4. io abito in un residence di tre piani
      io al piano terra ho un giardino di 50 mq posso mettere un bbq in muratura? pensavo all’ angolo

  5. Da noi, italo-brasiliani, e’ comune ed imprescindibile fare il barbecue al meno una volta a settimana, cosi in Brasile nessuno ci rompe per una grigliata alla domenica! Ma qui in Italia i vicini rompono le scatole se gli amici vengono a casa, anche se non ce la grigliata. Qui io vedo tantissime persone solitarie che se chiudono a casa e alle 9 de sera le luce sono già spente. Mai visto cose cosi in vita mia! Senza voler offendere, ma questo e un paese fatto dai vecchi per i vecchi. Non fosse per mio lavoro sarei già scapato di qua.
    W LA BRACE,LA CICCIA E IL GUSTOSISSIMO GRASSO BRUCIATO!!!!!!!!

    1. Sono d’accordo!!
      Oggi sono entrata nel internet per capire cosa devo fare con il barbecue!
      Abito in una palazzina da 8 famiglie, piano terra, ho un giardino da 200mt, ho messo il barbecue 8 metri lontano dal primo balcone , nel confine del giardino. Ogni volta che devo fare la grigliata metto gli avisi nell entrata e uscita del palazzo , 48 ore prima!
      Quindi?
      Per i miei vicini non basta, vogliono litigare, vogliono proibirmi di accendere il barbecue , o mi lasciano fare 4 volte all’anno !!!
      E stiamo parlando di un barbecue messo a 8 metri di distanza del palazzo , imagina se fosse su balcone o terrazza!!! Uno se compra una casa con 200 metri di giardino , e non puoi fare una grigliata almeno 1/2 volte al mese????
      Viviamo o stiamo già morti??? È un condominio o casa di riposo????
      Sinceranente, capisco che a molti può infastidire l’odore e fume del bbq, ma anche loro devono capire e rispettare uno che se compra una casa con giardino hai il diritto di usarlo almeno qualche volta al mese per fare il bbq. O no?