di Prisca Sacchetti 12 Ottobre 2011

Per Dissapore, dopo i membri, una specie di core-business.

(1) TORO. Fritti ehm, si sciolgono letteralmente in bocca. Bisogna lessarli, affettarli, infarinarli, passarli nel tuorlo d’uovo e friggerli.

(2) MAIALE. In Spagna, nella zona di Granada, sono alla base di un’ottima tortilla (del Sacromonte) insieme a cervello, salame e peperone.

(3) AGNELLO. Con svolazzi lessicali niente male da noi si chiamano granelli, in Francia rognons blanc, negli Stati Uniti addirittura prairie oyster.

(4) OCA. Teneri e più delicati degli analoghi, spesso etichettati come “il foie gras dei testicoli”.

(5) VITELLO. Insaporiti con il Pernod (distillato all’anice) e poi fritti nel burro, erano tra i piatti preferiti dell’attore-gourmet Ugo Tognazzi.

(6) PECORA MONTONE. Per un dolce originale: li privo della pelle, taglio delle fette sottili, le insaporisco con po’ zafferano e poi le cuocio nel burro. Lascio freddare e verso sopra un filo di panna liquida e miele caldo.

(7) BUFALO. Considerati una prelibatezza negli Stati Uniti e in Medio Oriente, sono tra i piatti più ambiti nei ristoranti di Gerusalemme.

(8) POLLO. I maniaci di ristoranti, specie se fiorentini, sanno che il cibreo di Fabio Picchi è ispirato a un glorioso piatto rinascimentale a base di fegatini, creste e testicoli di pollo.

(9) GALLO. Scriveva Plinio: Si dice che se una donna mangia dei testicoli di gallo, molto nutrienti e facilmente digeribili, subito dopo aver concepito, nel suo utero si generano dei maschi.

(10) CANGURO. Il rifiuto di mangiarli costò l’eliminazione alla modella Katie Price dall’Isola dei Famosi britannica (Get me out of here).

(11) ALCE. Assecondano come poco altro l’incontenibile desiderio di friggere degli americani.

(12) STRUZZO. Per le ricette: The Testicle Cookbook (non ci facciamo mancare niente).

(13) CAPRA. Un classico per Bear Grylls, protagonista di “Wild Oltrenatura”, serie sul cibo estremo trasmessa da Discovery Channel e Italia1.

(14) MANZO. Non è la dimesione che conta per il sapore anche se in questi visceri l’aspetto impressiona. Difficile trovarli nella grande distribuzione, va meglio con le macellerie che praticano la macellazione in proprio.

GRIGLIATA. La grigliata mista è il piatto finale del Campionato mondiale di cucina dei testicoli che si svolge ogni anno in Serbia.

FRITTURA. In Oriente invece si festeggia con il gran fritto misto.

E comunque, un problema rimane: che vino abbini ai testicoli di canguro?

[Crediti | Link: Cookaround, Ugo Tognazzi, Pitch, Asylum, immagini: Google]