di Prisca Sacchetti 8 Agosto 2011

Uova marce. Larve di insetti. Semi passati per il tratto digestivo di un gatto. Gli italiani sono fighi, intelligenti e aperti quanto volete, ma in vacanza all’estero la metà non rinuncia alla cucina italiana, a costo di assumere ignobili patacche. Poi ci sono gli altri, appartenenti a un sottogenere di gastrofighettismo da esploratori estremi, disposti a ingoiare qualunque cosa pur di spuntare una nuova casella nella lista del cibo più stravagante del pianeta. Che in fatto di eccentricità a prova di nausea ha davvero molto da offrire.

Probabilmente il punto più basso è il balut, 50 centesimi al pezzo.

Il balut è un piatto filippino che consiste in un uovo d’anatra fecondato.

Quando il becco e le piume sono visibili, con il tuorlo ancora insanguinato, si fa bollire l’uovo con qualche spezia e poi si mangia.

Spuntino altamente proteico oltre che afrodisiaco.

Vanto della cucina islandese, l’hàkarl deve il suo caratteristico sapore (si dice sia il sapore dell’antipatia che qualcuno prova per noi) alla carne di squalo sepolta e lasciata marcire sottoterra, quindi essiccata per mesi sulla riva al mare.

Contrariamente a quel che un italiano penserebbe, il forte odore di ammoniaca è una garanzia, significa che la carna è ben stagionata.

Diversamente l’hakarl può essere tossico a causa del forte contenuto di acido urico.

Però Però.

Un mangiatore seriale di Big Mac, per quanto italiano, potrebbe trovare esaltante il sapore di certe stranezze.

Prendi l’escamoles, conosciuto con il nomignolo di caviale messicano.

Il gusto di nocciola, leggermente burroso, è dovuto alle larve contenute nelle grosse uova che una specie di formiche deposita sotto le piante di agave.

Il Kopi Luwak è un caffè indonesiano ricavato dagli escrementi di zibetto.

Se non avete familiarità con questo animale, il parente della mangusta mangia i semi della pianta del caffè rosso.

Che digeriti ed espulsi sotto forma di… escrementi, sono alla base del Kopi Luwak.

Tanto è aromatico e buono che i migliori bar di New York lo vendono a 30 $ alla tazza.

Le larve di api sono considerate in Thailandia l’equivalente dei popcorn, ricercati e divorati con altrettanta voracità.

Queste larve sono disponibili in versione panata o solo fritta, condite con sale, pepe e altre spezie.

Uno snack pieno di proteine e simile nel sapore ai gamberetti.

A giudicare dal prezzo, 1 euro a bustina, e dal presunto gusto, meriterebbero un assaggio.

Perfino il più estemo degli esploratori potrebbe andare in dificoltà con la zuppa di sputo di volatile.

Iniziamo dicendo che la saliva di questo uccello, appartenente alla famiglia delle rondini, costa come una manovra economica.

In Cina è l’ingrediente fondamentale di una zuppa dolce nota come “nido di uccello”. Molto nutriente, ricca di ferro, di calcio, di potassio e magnesio viene prescritta dai medici ai pazienti debilitati.

Infine, poichè la zuppa è una fonte di collagene, le donne la mangiano per mantenere la pelle morbida e tonica. Costa 1.500 euro al kg.

All’ammiratissima cucina giapponse si deve il Natto, raffinata pietanza ottenuta lasciando marcire un tipo di fagioli di soia.

L’aspetto ricorda neanche troppo vagamente una potente vomitata post sbronza, come vedete.

Mentre il profumo è tale e quale a un paio di Superga portate senza calze.

Dopo la finale olimpica della maratona, voglio dire.

Ma sperare in un suolo patrio indenne da stramberie ripugnanti, lo dico ai 5 italiani che in vacanza all’estero non rinunciano alla cucina italiana, è pura utopia. Vogliamo parlare del Casu Marzu?

Molti sanno che la specialità sarda è un formaggio a latte di pecora popolato di larve.

Nati dalle uova che le mosche depongono all’interno della forma, i vermicelli hanno un ruolo importante, in pratica più sono vivaci e saltano, più il cacio è buono.

Bisogna solo avere l’avvertenza di proteggere gli occhi, uno sprovveduto potrebbe essere colto di sorpresa da un salto più energico. Cosa volete che sia per 47 euro al kg!

Ora, per favorire la fase dialettica sono costretto a chiedervi, ma sappiate che ne avrei fatto volentieri a meno, se nel corso di qualche vacanza esotica avete osato provare almeno una di queste ripugnanti specialità. O anche altro, se siete così coraggiosi da confessarlo. E se di conseguenza, vi si può rubricare tra gli appartenenti al sottogenere di gastrofighetti noti come esploratori estremi.

[Crediti | Link: Repubblica.it, immagini: Flickr, Daily Mail, Daily Telegraph]