di Veronica Godano 25 Gennaio 2020
Coca Cola

Arriva la conferma ufficiale da Sibeg Coca Cola che, da ottobre 2020, lascerà la Sicilia e si trasferirà in Albania mandando a casa 151 dipendenti. “Preferiamo fare investimenti nell’impianto di Tirana. Depotenzieremo al massimo l’impianto di Catania e amplieremo l’impianto in Albania. Tutto scatterà a ottobre, da quando aumenteremo i prezzi e crolleranno i fatturati dei dodici mesi successivi. Il grosso del taglio delle persone sarà fatto da novembre fino a aprile/maggio 2021”, ha dichiarato l’amministratore delegato Luca Busi, a capo dell’azienda che imbottiglia le bevande a marchio Coca Cola.

La decisione arriva anche a causa della Legge di Bilancio 2020 che ha introdotto sugar e plastic tax. “Queste sono tasse per fare cassa – ha specificato Busi – senza pensare alla salute dei nostri consumatori e senza pensare all’ambiente, sono tasse solo per distruggere il settore. Sono insostenibili. La Sibeg sarà costretta ad aumentare i pezzi al consumo del 20 % e di conseguenza saremo costretti a perdere fatturato. La nostra valutazione di perdita di fatturato è del 27% in un anno. Per sopravvivere saremo costretti a salutare 151 persone”.

Luca Busi ha specificato che, oltre ai licenziamenti, salteranno 2 investimenti importanti previsti per i prossimi 3 anni nell’impianto di Catania. “Li faremo nel nostro impianto di Tirana, in un territorio ‘amico’. Le due linee in Albania producevano sia per la Sicilia che per quel Paese – chiosa l’amministratore delegato – quindi abbiamo la flessibilità per mettere in uno dei 2 impianti”. Dunque, oltre ai 151 licenziati, si perderanno di fatto altri nuovi posti di lavoro, che adesso saranno prerogativa dell’impianto di Tirana.

Fonte: Catania Today