di Elisa Erriu 23 Settembre 2020
Community Fridge i frigoriferi a Brooklyn per donare il cibo ai più bisognosi

Lungo le strade di Brooklyn, a Bed-Stuy o a Gowanus, si trova un frigorifero solitario su un marciapiede. Non è una storia di finzione, ma è ciò che sta realmente accadendo nelle strade New York, dove è possibile trovare sempre di più ultimamente i community fridge, ovvero alcuni frigoriferi lasciati in funzione per strada, dentro i quali i più bisognosi possono trovare cibo gratis.

Tutto è cominciato con l’arrivo della pandemia a New York, che ha fermato l’economia e ha lasciato molti residenti senza lavoro o malati. Molti non avevano (o non hanno ancora adesso) molti soldi per fare la spesa e i loro frigoriferi restavano sempre di più vuoti. All’inizio di febbraio, Thadeaus Umpster aveva trovato un frigorifero gratuito su Craigslist. Umpster fa parte di un gruppo di volontari che distribuiscono alimenti ai più bisognosi e voleva usare il frigorifero per conservare le donazioni per la quota settimanale di cibo che aiuta a gestire a Herbert Von King Park a Brooklyn. Ma c’era un problema: quando l’ha portato a casa, era troppo grande per passare dalla porta principale. Così l’ha lasciato fuori un momento, per ragionare sul da farsi e da lì a poco è arrivato uno dei negozi di alimenti naturali che regolarmente dona alla quota di cibo, con una consegna tardiva che includeva prodotti deperibili. Umpster allora ha collegato il frigorifero, lo ha riempito e ha disegnato “Free Food“, con un cuore disegnato su un pezzo di carta che ha fissato con nastro adesivo sulla parte superiore del frigorifero.

È proprio così che è nata l’idea: per caso. A New York City circa 1,4 milioni di persone, tra cui numerosi bambini, fanno affidamento all’assistenza di emergenza, come le dispense alimentari e le mense per i poveri. Con l’arrivo della pandemia, innumerevoli persone hanno sofferto la fame, più di quante ne possa misurare una singola statistica. Per questo i community fridge come quelli di Umpster stanno rapidamente diventando una soluzione per l’approvvigionamento sicuro di alimenti.

Le regole dei community fridge sono semplici: prendi solo il necessario e lascia quello che non ti serve. Per il resto, Umpster e i suoi coinquilini tengono pulito regolarmente il frigorifero e si assicurano che sia sempre rifornito. In alcuni giorni potreste trovare all’interno prodotti freschi, uova e latticini, pane e cereali. Ovviamente tutto dipende da ciò che è stato donato, che può essere da un esubero di un negozio di alimentari, da una donazione volontaria o da cibo che andrebbe altrimenti sprecati dai ristoratori. In alcuni casi, i vicini hanno preso cibi crudi, l’hanno cucinato e messo nei frigoriferi come cibo pronto.

I cittadini di Brooklyn dicono che questo è uno sforzo della comunità in cui contribuiscono tutti i ristoranti, i negozi di alimentari e i cittadini. “Le persone hanno bisogno di aiutarsi a vicenda”, ha detto Thadeaus Umpster, il custode del frigorifero. “Il governo è interessato a salvare le grandi aziende, le compagnie e compagnie aeree. E noi, gente di Brooklyn, dobbiamo aiutarci a vicenda. Dobbiamo stare insieme”.

Con il passaparola, la copertura mediatica del frigorifero di Umpster si è diffusa in città grazie a persone che volevano contribuire. Ora ci sono nove frigoriferi in tutta la città. Questi sono i “regali” del Coronavirus davvero cool.

[ Fonte: La voce di New York ]