di Elisa Erriu 27 Settembre 2020
Covid-19 Florida toglie tutte restrizioni bar ristoranti

Tolte in Florida tutte le restrizioni statali messe in atto per il Covid-19 per bar e ristoranti. Il governatore Ron DeSantis ha così di far ripartire molte attività, mentre lo Stato è entrato nella fase di riapertura successiva.

Il governatore repubblicano Ron DeSantis ha firmato l’ordine, consentendo a ristoranti e molte altre attività già venerdì pomeriggio di operare a pieno regime, come parte della fase 3 del piano di riapertura, che consente anche alle discoteche di funzionare a pieno regime “con protocolli di allontanamento sociale limitati“. Ha eliminato tutte le restrizioni anti-coronavirus alle imprese del suo stato, che potranno accogliere il 100% della clientela.

Mentre le morti globali si avvicinano al milione, il governatore ha dichiarato che non vogliono “chiudere le porte al futuro“, definendo in particolar modo inaccettabile la chiusura all’ingrosso dei proprietari di ristoranti. Inoltre ha proibito ai comuni e alle contee di multare chi non indossa la mascherina o non osserva il distanziamento sociale, insistendo sul fatto che tale decisione dovrebbe essere lasciata ai governi locali. Eppure la sua amministrazione è intervenuta spesso per impedire alle contee di imporre restrizioni più rigorose sui virus.

In una dichiarazione, il presidente del Partito Democratico dello stato, Terrie Rizzo, ha contestato il fatto che DeSantis limiti i governi locali dal “prendere misure basate sull’evidenza, per proteggere le loro comunità“.

Vogliamo tutti disperatamente che le cose tornino alla normalità” – ha detto Rizzo – “ma ciò non può accadere quando DeSantis e Trump non hanno alcun piano per farci uscire da questa crisi di salute pubblica“.

Non è stato subito chiaro come l’ordine avrebbe influenzato la contea di Miami-Dade, la contea più colpita dal virus, che da marzo ha tenuto chiusi bar e locali notturni. Il sindaco della contea aveva detto che sperava di consentire alcune operazioni con restrizioni, come il solo servizio al tavolo, anche perché l’ordine del governatore vieta la chiusura di qualsiasi attività commerciale.

Se una contea volesse limitare la capacità del ristorante tra il 50 e il 100 percento, ha detto DeSantis, dovrà fornire una giustificazione allo stato. “L’idea che sia il Governo a imporsi, è meglio rispetto al singolo ristoratore o esercente che prende decisioni per accaparrarsi il consenso del cliente. Direi che questo è proprio fuori luogo“, ha detto.

 

[ Fonte: The New York Times ]