di Veronica Godano 10 Gennaio 2020
dieta-vegana-vegetariana-perché-diverse

Il 6% per cento degli europei segue una dieta vegetariana o vegana. A dominare tale scelta alimentare Germania e Svezia, mentre in Italia assistiamo a una tendenza in crescita. A dirlo è una ricerca riportata dall’European Data Journalism Network e rilanciata da Sushi Daily, attività che propone sushi fresco handmade di qualità in oltre 800 chioschi e supermercati in 11 Paesi europei e che ha da poco rimaneggiato la proposta relativa ai piatti Veggie.

Secondo l’indagine poi dell’European Data Journalism Network, le vendite dei prodotti “alternativi” alla carne hanno visto una crescita esponenziale del 451% negli ultimi 5 anni, con una previsione entro il 2022 di un fatturato di circa 6 miliardi di euro.

Dall’analisi emerge che l’Europa si conferma comunque tra i maggiori consumatori di carne, “ma negli ultimi anni – spiegano gli analisti – i politici dei Paesi e gli stessi cittadini sono diventati sempre più attenti alle notizie legate all’impatto negativo che la produzione della stessa carne comporta all’intero pianeta, in particolare legato alle emissioni di gas serra tanto che la Germania, come riferito dall’European Data Journalism Network, risulta essere una della nazioni più sensibili con l’11% degli abitanti che dichiara di essere vegetariano”. Seguono la Svezia con il 10% e l’Italia con il 7,1%.

Inoltre, la Germania tocca quota 15% per quanto riguarda i prodotti Veg lanciati sul mercato food&drink; la Gran Bretagna il 14%, la Spagna e l’Italia il 4%.

Fonte: Ansa