di Veronica Godano 7 Giugno 2020
Ferrero

Ferrero vuole migliorare la sua capacità di distribuzione in tutto il Nord America e annuncia l’apertura di un nuovo centro di distribuzione negli Stati Uniti. Il big italiano dell’industria dolciaria assicura l’assunzione di 250 addetti che dovranno destreggiarsi tra i noti Rocher, Nutella, Tic Tac e Kinder e le nuove entrate Butterfinger, Baby Ruth e Crunch (acquisiti da Nestlè).

“Ferrero è impegnata a continuare a crescere negli Stati Uniti – ha affermato in una nota ripresa dalla stampa Paul Chibe, presidente e Ceo di Ferrero Nord America –. Il centro di distribuzione McDonough ci aiuterà a portare i nostri prodotti a più persone sul mercato e offrirà importanti opportunità di lavoro nella contea di Henry”.

L’operazione fa parte di una strategia che vede il gruppo Made in Italy al terzo posto nel Nuovo Continente, dietro solo Mars e Hershey. La società ha già aperto altri centri in Pennsylvania e Arizona, in più ha preso in carico altri 2 stabilimenti produttivi di Bloomington e Franklin Park, in Illinois, rilevati con l’acquisizione del business Usa di Nestlè: operazione costata 2,8 miliardi di dollari e ultimo step di una serie di acquisti che ha visto l’azienda di Alba mettere le mani su altre realtà come Fannie May e Ferrara Candy Company.

[Fonte: Forbes.com]