di Veronica Godano 30 Giugno 2020
ristorante

Due imprenditori di Firenze sono stati arrestati per bancarotta fraudolenta di alcuni ristoranti e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Le indagini e l’operazione sono delle Fiamme Gialle.

Oltre agli arresti, sono stati anche sequestrati 300mila euro. A occuparsene è stato nello specifico il Nucleo di polizia economico finanziara del capoluogo toscano coordinato dal sostituto procuratore Christine Von Borries. Le ricerche sono iniziate dopo il fallimento di 7 società. Chiusure che si ritiene siano state organizzate solo per non pagare le tasse.

Le società di gestione sono Le Lance srl, che partire dal 2010 avrebbe accumulato un debito con l’Erario di 956.924 euro; Piazza del Vino srl, in debito con lo Stato per 791.387 euro; la Campo di Marte srl, dichiarata fallita nel marzo del 2019 dopo aver accumulato debiti per 388.027 euro, il Pallaio srl, fallita con un debito di 547.831 euro di cui 302.669 di debiti privilegiati verso l’Erario, la A6 srl, che avrebbe accumulato debiti verso lo Stato per 252.811 euro, la Servizi ristorazione Campo Marte srl con debiti erariali per 465.368 euro accumulati a partire dal 2011, e la J.J srl, che ha maggio 2018 aveva accumulato cartelle esattoriali per 1 milione di euro.

“I 2 imprenditori – dichiara il gip Alessandro Moneti – da anni gestiscono società nel campo della ristorazione omettendo di pagare quanto dovuto all’Erario e saldando, invece, i crediti delle banche e in qualche misura quelli dei creditori, in modo da mantenere i canali di finanziamento e consentire la nascita di nuove società, in un giro di soldi in cui il principale finanziatore rimane lo Stato, che rimane privo delle entrate tributarie”.

Fonte: [La Nazione]