di Elisa Erriu 25 Febbraio 2021
mc-donalds-packaging-gioia

Entro due anni Mc Donald’s ha deciso che cambierà il suo packaging e punterà a un look minimal, delicato, nuovo, moderno, che dovrà “trasmetterci gioia“. Questa è la direttiva richiesta ai designer, direttamente dal pubblico. E a voi non trasmette “gioia”?

La “Grande M” di Mc Donald’s ha fatto la storia del marketing: ci sono marchi più riconoscibili a livello globale nel food come la sola lettera della famosa catena. Pertanto quando un’azienda come Mc Donald’s deve rifarsi il look, lo deve fare con criterio: non è stato quindi un compito da poco quando, alla fine del 2016, l’agenzia di design Pearlfisher è stata incaricata dal mega brand di occuparsi del restyling del suo packaging. Il risultato, presentato questa settimana, è un aspetto nuovo, grafiche dalle tinte coese e modernizzate, per una McDonald’s che utilizza semplici illustrazioni per comunicare i “momenti gioiosi” che i consumatori associano al marchio.

Al centro della riprogettazione, ha affermato l’agenzia, c’è infatti “un unico quadro visivo” che comunica una “espressione moderna” del marchio, ovvero il punto di vista dei consumatori di oggi, come “vedono” o meglio percepiscono oggi l’essenza del brand. L’imballaggio ridisegnato sarà distribuito in tutti i mercati a livello globale nei prossimi 24 mesi. È già stato implementato intanto in alcuni mercati selezionati, tra cui Australia, Nuova Zelanda e Isole del Pacifico.

È la prima volta che McDonald’s cambia il proprio marchio in cinque anni e lo fa subito dopo il rinnovamento del packaging del rivale Burger King (anche se la riprogettazione di McDonald’s è in corso da diversi anni, specificano subito).

Indipendentemente dalla regione o dalla lingua, volevamo che il design del packaging comunicasse momenti gioiosi in modo immediato e universale”, ha dichiarato Hamish Campbell, vicepresidente e direttore creativo esecutivo di Pearlfisher, spiegando le motivazioni che hanno spinto questo nuovo packaging per il marchio di Mc Donald’s.

[ Fonte: AdWeek.com ]

1