di Veronica Godano 15 Luglio 2020
Pizzeria Da Zero a Torino

Ha inaugurato ieri sera a Napoli la pizzeria Brigata Caterina. Non un locale qualunque, ma un progetto del Ministero della Giustizia e della diocesi di Napoli avviato all’interno del carcere di Poggioreale.

Nello specifico l’iniziativa vuole promuovere la formazione delle figure professionali connesse a questi mestieri e consentire qualificazione professionale e avviamento al placement. Durante la serata sono state offerte le pizze sfornate da Gianni Breglia della pizzeria del Popolo di piazza Mercato partner della cooperativa Consul Service, titolare del progetto.

A tale scopo, sono stati coinvolti l’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e l’Ufficio Interdistrettuale Esecuzione Penale Esterna per la Campania (UIEPE), per le problematiche della selezione. Le Associazioni dei Pizzaioli Napoletani, per favorire la collocabilità dei detenuti formati presso i loro associati, e il tutoraggio in una prospettiva di lavoro autonomo. La Regione Campania per il finanziamento del placement e della formazione, quest’ultima a partire dalla seconda annualità della progettazione.

Una seconda fase del progetto prevede la realizzazione di una pizzeria esterna al carcere in un locale non più adibito al culto nel Centro Storico cittadino messo a disposizione gratuitamente dalla chiesa di Napoli, dove saranno collocati per un periodo limitato i detenuti che nel frattempo saranno usciti dal carcere, e che alla fine potranno essere reinseriti nel mercato del lavoro.

Fonte: [La Repubblica]