di Veronica Godano 26 Gennaio 2020
Conad, Auchan e Simply: supermercati

La catena di supermercati Conad conferma la procedura di licenziamento per 817 dipendenti e annuncia che entro giugno 2020 tutta la vertenza si dovrà concludere. A dirlo è la Filcams Cgil in una nota, in cui definisce l’operazione “l’inizio della fine di Auchan e Sma”.

Margherita Distribuzione, la nuova denominazione sociale che ha unito tutte le ex società della multinazionale francese sotto il controllo della Bdc del finanziere Mincione e del consorzio Conad – continua il sindacato – non arriverà al 2021, anzi probabilmente entro giugno 2020 tutto dovrà concludersi. Ai lavoratori in esubero l’unica strada che offre l’impresa è un incentivo al licenziamento o un percorso di outplacment“.

I sindacati parlano di queste cifre: 456 lavoratori licenziati a Rozzano (Milano) 47 a Roncadelle (Brescia), 27 a Vicenza, 40 a Offagna (Ancona), 33 ad Ancona, 41 a Roma, 13 a Catania e 160 in altri uffici distaccati.  A questi si aggiungono i 100 licenziamenti all’Auchan di Mestre emersi il 22 scorso al tavolo regionale.

Da chiarire anche il destino di molti punti vendita rimasti fuori dal perimetro Conad e le intenzioni del gruppo sulla riorganizzazione degli ipermercati. A oggi, gli unici a tirare un sospiro di sollievo sono i lavoratori occupati in 6 punti vendita che hanno visto il passaggio di ramo d’azienda verso Esselunga.

Fonte: Il Messaggero.