di Veronica Godano 16 Dicembre 2019
Carrello spesa

Spesa al supermercato più cara per gli italiani, perché i prezzi del carrello della spesa registrano a novembre una crescita più che doppia rispetto all’inflazione, lo 0,5% secondo i dati Istat. L’incremento è stabile rispetto a ottobre. Nello specifico, i prezzi dei beni alimentari freschi aumentano dell’1% su base congiunturale e +1,1,% sull’anno; mentre i prezzi della frutta fresca registrano un’inversione di tendenza da -1% a 1,1% sul mese.

Secondo le stime di Federconsumatori, su base Istat, alle famiglie toccherà sborsare 64,50 euro annui. Quello che preoccupa è il fatto che si tratti di “beni di prima necessita, ma anche perché sono prodotti che rimangono in cima alle preferenze degli italiani in tema di regali e consumi di Natale. “Alla luce di tali dinamiche rimane prioritario e fondamentale – aggiunge Federconsumatori – sostenere i redditi delle famiglie, affinché si possa determinare un necessario rilancio della domanda interna”. In virtù di ciò, l’associazione dei consumatori chiede “una rimodulazione delle aliquote IVA, per fare in modo che la tassazione non pesi in maniera eccessiva su alcuni beni di prima necessità che invece sono considerati beni lusso con una tassazione che arriva al 22%.

Fonte: Ansa