di Veronica Godano 16 Marzo 2020
Cibo a domicilio

L’emergenza sanitaria sta impattando sulle abitudini degli italiani. C’è stata, ad esempio, un’impennata delle consegne di cibo a domicilio anche nelle residenze universitarie a Torino. In tal senso, l’Ente Regionale per il diritto allo studio (Edisu)  si sta impegnando, in modalità smart working, per garantire il più possibile i livelli essenziali dei servizi agli studenti in linea con le direttive dell’ultimo DCPM (11 marzo 2020), nonché servizi di food delivery.

La ristorazione a domicilio è stata organizzata in modo da far arrivare nelle strutture di Torino e Grugliasco piatti pronti, “in questo modo disincentivando gli spostamenti degli studenti per l’approvvigionamento del cibo e agevolandone la preparazione e il consumo individuale all’interno delle strutture”.

Soddisfatto il Presidente, Alessandro Sciretti, che ha dichiarato: “Le residenze sono strutture collettive, con spazi e servizi comuni per gli studenti. Per ovviare al problema degli assembramenti abbiamo contingentato l’uso delle cucine comuni e chiuso locali e spazi comuni per garantire il più possibile il rispetto di livelli di sicurezza”.

Il servizio include la preparazione, il trasporto, la sanificazione e consegna di un primo piatto caldo in multi razione a pranzo e a cena da lunedì alla domenica e, per gli universitari in quarantena precauzionale, è previsto un pasto caldo completo in mono razione. “E’ una nuova soluzione per noi ma siamo fiduciosi che con la buona volontà di tutti sapremo affrontare questo nuovo obiettivo con coraggio e determinazione. Colgo l’occasione per ringraziare il Consiglio di Amministrazione e tutto lo staff EDISU per la dedizione, la positività e la competenza con le quali stanno affrontando questa difficile situazione dalla quale usciremo tutti migliori e più efficienti”, commenta il Presidente.

Fonte: Torino News 24