di Elisa Erriu 30 Aprile 2021
trento-teatro-sociale-supermercato-Anna-Scalfi-Eghenter

Il Teatro è tante cose, magia, illusione, realtà. Ora anche un supermercato. Grazie a un’idea dell’artista Anna Scalfi Eghenter, è stata realizzata un’installazione al teatro sociale di Trento con un intento anche un po’ provocatorio.

Da lunedì 26 aprile è possibile vivere nel teatro storico di Trento un’esperienza immersiva, come quella di trovare il paghi 3, prendi due degli yogurt che ti piacciono tanto. Anzi, esattamente come questa esperienza: infatt è proprio un supermercato a tutti gli effetti l’installazione artistica che Anna Scalfi Eghenter ha “portato a Teatro”. Al posto delle poltroncine, ora ci sono nella platea scaffali e prodotti in vendita; potete anche fare la spesa.

L’intento è volutamente provocatorio. L’artista ha voluto far riflettere sulla diversità di trattamento che è stato riservato ai luoghi deputati al consumo di beni essenziali. Supermercati ed esercizi che vendevano prodotti alimentari venivano aperti quando, invece, teatri, cinema o musei rimanevano chiusi. Perché questa differenza? La cultura non è forse un altro bene essenziale, qualcuno avrebbe osato persino dire “nutrimento per l’anima”?

La risposta a queste domande Anna Scalfi Eghenter l’ha infilata tra i reparti di Interim Measure, il titolo della sua installazione, nata anche grazie alla collaborazione di Coop Trentino e Metalsistem. Il “supermercato in Teatro” sarà aperto al pubblico dalle 9 con ultimo ingresso alle 18, l’accesso sarà contingentato ed è prevista una compresenza massima di 29 persone.

L’entrata del pubblico è libera, ma è richiesta la prenotazione, con ingressi cadenzati ogni mezz’ora. È inoltre possibile prenotarsi telefonando al numero verde 800013952 dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18; dal lunedì alla domenica. Per accedere nelle giornate di sabato e domenica, è necessaria la prenotazione almeno con un giorno di anticipo. I visitatori possono visitare l’installazione fino a domenica 2 maggio per un tempo massimo di 30 minuti.

[ Fonte: Finestresull’Arte ]