di Elisa Erriu 27 Gennaio 2021
ucraina-monfalcone-spesa-alimentare

Dall’Ucraina fino all’Italia, precisamente fino a Monfalcone, nel Friuli Venezia Giulia: quale motivo potrebbe spingere un uomo di 45 anni ha percorrere tutta questa strada? In questo caso la risposta è… fare la spesa.

È giunto in furgone dall’Ucraina fino a Monfalcone, violando le norme anti-Covid-19 per un motivo e uno scopo ben precisi: fare scorte alimentari. Un cittadino ucraino di 45 anni è stato fermato ieri dalla Polizia locale per un controllo e secondo quanto ha dichiarato lui stesso, a quanto pare era venuto in Italia dall’Ucraina appositamente per fare acquisti.

La Polizia locale di Monfalcone, monitorando costantemente il territorio per tutelare la legalità e la sicurezza dei cittadini, ha sottoposto a un controllo il furgone e allora avrebbe trovato a bordo dell’uomo grandi quantità di cibo. Venire in Italia per “fare scorte alimentari”, non è risultato giustificato da alcun motivo di stretta necessità, come previsto dalle norme di contenimento del virus. Così il suo spostamento è stato sanzionato dalla Polizia.

Secondo la violazione al dpcm del 14 gennaio 2021, è stata subito fatta una sanzione di 533,33 euro, immediatamente pagati dal conducente. L’importo è risultato maggiorato rispetto alla media dei 280€ previsti, perché la violazione è stata commessa con un veicolo.

[ Fonte: ANSA]