USA, ristorante fa scalpore rifiutando la prenotazione di un gruppo ultra cattolico

L'organizzazione anti LGBTQ+ aveva riservato la sala di un noto ristorante di Richmond, in Virginia, che ha rifiutato la prenotazione "nell'interesse del personale".

manifestazione di gruppi ultra cattolici

Se si tratta di lanciare un messaggio a favore dei diritti delle donne e della comunità LGBTQ+, si può anche rifiutare di accogliere un cliente, rimettendoci (o forse no). È accaduto a Richmond, in Virginia. Un ristorante chiamato “Metzger Bar and Butchery” ha cancellato la prenotazione fatta da un gruppo ultra cattolico perché ritenuto “non allineato con i valori in cui si riconosce la gestione e il personale che lavora nel locale”. La notizia ha fatto parecchio scalpore ed è stata ribattuta dai principali media internazionali. 

L’organizzazione che aveva riservato una parte del ristorante per un evento privato si chiama The Family Foundation, ed è nota per le sue posizioni anti LGBTQ+ e antiabortiste. Non appena i gestori del “Metzger Bar and Butchery”, si sono accorti chi erano i clienti attesi per il banchetto, non ci hanno pensato due volte, e hanno deciso di cancellare subito la prenotazione. La decisione è stata accompagnata anche da un post sui social in cui viene spiegato che “la cancellazione è stata presa per questioni morali e nell’interesse dello staff”. 

Il bancone del Metzger Bar and Butchery

Il bancone del Metzger Bar and Butchery a Richmond, in Virginia.

Nel ristorante lavorano diverse persone appartenenti alla comunità LGBTQ+

“Il Metzger Bar and Butchery ha sempre promosso un clima d’inclusione nel bene dei clienti e del personale” si legge nel post pubblicato su Instagram. “In otto anni di servizio ci è capitato raramente di rifiutare una prenotazione. Recentemente abbiamo rifiutato di accogliere un gruppo  di clienti dopo che il titolare del locale ha scoperto che si trattava di sostenitori di quel movimento che vuole privare le donne e le persone LGBTQ+ dei loro diritti fondamentali. Abbiamo sempre negato il servizio a chiunque potesse fare sentire a disagio o insicuro il nostro personale composto da diverse donne e membri della comunità LGBTQ+”. 

Il Metzger Bar and Butchery – ristorante definito di cucina “d’ispirazione tedesca” – gode di una buona popolarità. Fra i proprietari del locale infatti c’è anche Brittanny Anderson, più volte concorrente di programmi televisivi come “Top Chef” e “Chopped”.

La risposa della Family Foundation non si è fatta attendere. Sui social l’organizzazione conservatrice e ultra cattolica ha accusato i gestori del ristorante di aver cancellato la prenotazione “appena un’ora prima dell’evento” e solo sulla base di un “credo politico diverso dal nostro”. Il post pubblicato dalla presidente di Family Foundation Victoria Cobb titola “Siamo stati cancellati. Di nuovo”.

La donna, si legge, ha paragonato il fatto alle discriminazioni razziali. “Benvenuti nel ventunesimo secolo – ha scritto – dove sedicenti progressisti ricreano il clima di discriminazione degli anni Cinquanta e Sessanta, dove si negavano alle persone i servizi per motivi razziali”.