di Elisa Erriu 14 Marzo 2021
vancouver-bambino-autistico-waffle

I social (ogni tanto) fanno qualcosa di buono, come salvare una madre di Vancouver: suo figlio, un bambino autistico, aveva smesso di mangiare da giorni perché la sua marca di waffle preferita, era finita fuori produzione. La situazione era drammatica, il bambino mangia soltanto quello.

Non si scherza coi disturbi alimentari e nemmeno coi disturbi dello spettro autistico: Jenna Roman di Vancouver era disperata e stava lottando con tutte le sue forse per salvare suo figlio. Il bambino di 10 anni, Jerico, è autistico e soffre anche di un grave disturbo alimentare. Se non mangia i suoi waffle, ha un’estrema avversione orale nei confronti del cibo. “Ha lottato con questo disturbo alimentare da otto mesi fa“, ha dichiarato la madre single. “Abbiamo lavorato con così tanti terapisti dell’alimentazione, ma regredisce quando ha una crisi e dobbiamo ricominciare tutto da capo“.

L’unico cibo che Jerico tollera, sono i waffle, ma non waffle qualsiasi, proprio quelli di una ricetta specifica, i waffle alla cannella di Nature’s Path Maple. Sfortunatamente, Jenna ha appreso che il marchio avrebbe interrotto la produzione e sebbene abbia fatto scorte, alla fine le aveva esaurite. Il problema era serio: una volta suo figlio ha smesso di mangiare regolarmente per 12 giorni e ha smesso di bere per cinque giorni, soltanto per colpa di un raffreddore. Durante quel periodo, è regredito così tanto che ha dovuto “imparare” di nuovo a mangiare e bere.

Ero così disperata che mi sono rivolta ai social media per chiedere a qualcuno di aiutarmi a rintracciare i waffle ancora rimanenti“, ha detto Jenna, aggiungendo che un amico le ha consigliato di creare un GoFundMe, per aiutare a coprire i costi di trasporto dei waffle. Ma anche il marchio canadese si è prodigato ad aiutare la madre: “Abbiamo sentito parlare per la prima volta della storia di Jerico il mese scorso, dopo che alcune persone ci hanno contattato sui social media“, ha dichiarato Ratana Stephens, CEO e co-fondatrice di Nature’s Path. “Abbiamo sentito quanto amasse i nostri waffle alla cannella e acero e come sua madre Jenna avesse difficoltà a trovarli nei negozi; siamo rimasti davvero toccati, volevamo aiutarli. Così abbiamo fatto una ricerca in tutto il Nord America e abbiamo trovato otto confezioni rimanenti nel nostro magazzino di congelatori in Illinois. Abbiamo consegnato personalmente le scatole a Jenna e Jerico.

Il marchio di waffle è andato oltre, perché cosa sarebbe successo, una volta che Jerico avesse finito i loro waffle? “Il nostro team di ricerca e sviluppo ha iniziato a lavorare sull’adattamento della nostra ricetta commerciale per l’uso domestico. Modificare la ricetta è stato più complicato di quanto previsto. Usiamo molti ingredienti commerciali nel nostro processo di produzione che non sono disponibili nel tuo negozio di alimentari locale e, naturalmente, volevamo che gli ingredienti fossero facili da trovare“, ha detto Stephens. Il processo di adattamento della ricetta ha richiesto circa un mese per svilupparsi. Ma alla fine, Jenna e Jerico hanno avuto la ricetta per waffle… più “dolce” di sempre.

[ Fonte: Today.com ]

1