di Elisa Erriu 9 Dicembre 2020
enoteca-pinchiorri-vini-costosi-2020

Precisamente 900.000 franchi svizzeri (Chf): questa è la cifra record di quest’anno per l’Enoteca Pinchiorri, per la vendita di uno dei suoi lotti di vini battuti all’asta. Un acquirente svizzero si è aggiudicato per più di ottocento mila euro alcune delle bottiglie più costose del 2020.

Si tratta di un set di 6 bottiglie di grande formato in mathusalems (6L)1985 del Domaine de la Romanée-Conti della collezione dell’Enoteca Pinchiorri (lotto 14). Un vino tra i più cari al mondo, che anche quest’anno tiene alta la sua nomea: durante l’asta di vini organizzata il 6 dicembre a Ginevra da “Kingdoms” di Baghera/wines, una casa d’aste di vini pregiati in Svizzera, l’acquirente svizzero è riuscito ad aggiudicarsi il record di vendita di quest’anno, sfiorando il milione di euro.

L’asta di vini “Kingdoms” ha totalizzato in totale 3.556.500 Chf con il 100% dei lotti venduti e tra questi, sono stati anche venduti tutti i primi quattordici lotti in asta appartenenti alla collezione dell’Enoteca Pinchiorri, che hanno totalizzato 1,8 milioni di franchi svizzeri (circa 1,6 milioni di euro). Il risultato dell’asta dei vini porta il totale annuale di Baghera/wines per l’anno 2020 a oltre 10 milioni di franchi svizzeri.

Nelle particolarissime condizioni di quest’anno 2020 “Kingdoms“- afferma Michael Ganne, direttore esecutivo di Baghera /wines- ci ha regalato molte soddisfazioni, dove gli acquirenti hanno partecipato entusiasticamente“.

Ventiquattro grandi bottiglie tra le più preziose e ricercate al mondo sono volate– commenta Giorgio Pinchiorriquesta domenica verso una nuova destinazione, un nuovo “custode” che spero avrà, come ho potuto avere io, la cura e l’amore di preservare questo patrimonio enologico unico al mondo“.

Parte dei benefici provenienti dalla vendita dei lotti della collezione Pinchiorri, battuti all’asta da Baghera/wines, saranno devoluti dai titolari dell’Enoteca Pinchiorri a due associazioni, una italiana e l’altra a Les Climats du vignoble de Bourgogne.

[ Fonte: ANSA ]